Fareassieme, un nuovo modo di curarsi

Ciao,

mi chiamo Andrea e sono affetto di una malattia che spaventa: la sofferenza emozionale.

Sì, sono matto ma sono tornato alla normalità se essere normali è la prassi nel mondo

d’oggi. In questa amata terra chiunque può ammalarsi di questo male che spaventa

molti per stigma o per ipocrisia o per ignoranza. Ora sono abbastanza normale e

faccio molte attività quali il teatro sociale, il video laboratorio, scrivere su Muffin e

novelle e poesie, perché mi piacciono e mi danno gioia.

Il gruppo del fareassieme è uno di questi hobby che contano per me come l’acqua,

ossia facciamo attività ludiche per tutte le età.

Ma manca una figura indispensabile nelle strutture ospedaliere, per stare bene rivolto

ai pazienti psichiatrici ed è l’UFE ovvero UTENTI E FAMIGLIARI ESPERTI.

Con una formazione adeguata e per le caratteristiche di ciascuno, che possono interagire

con gli infermieri, dottori, lo staff medico.

 

Andrea Castellino, MenteInPace Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.