"LA BICICLETTA GIALLA" La magia e la sorpresa della narrazione

Riceviamo da Fulvio Baralis alla

nostra casella di posta elettronica

menteinpace@libero.it e volentieri

pubblichiamo.

 

Era una sera dei primi giorni di marzo ed ero in compagnia di un gruppo di genitori per

approfondire la tematica delle regole e le modalità più efficaci per trasmetterle ai figli. Decisi

di narrare un episodio della mia vita...

 

La finalità era quella di stimolare il pensiero sul fatto che la narrazione di sé sincera, profonda,

partecipata e vissuta è un’opportunità coinvolgente per la trasmissione di valori e regole di vita.

Quello che era nato come spunto formativo divenne un’esperienza sorprendente.

Feci avvicinare i genitori, erano gomito a gomito in un semicerchio che mi comprendeva. Occhi

fissi su di me, silenzio nella stanza. La curiosità era palpabile, l’attenzione mista a stupore. Il cuore

iniziò a battermi più forte. Ne rimasi stupito, ero abituato a parlare in pubblico. Controllai con

sufficiente disinvoltura questa reazione e iniziai il racconto.

Un giorno come tanti, nel tardo pomeriggio, sono andato a prendere Matteo (il più piccolo dei miei

tre figli) alla fine dell'allenamento di atletica. Tornando, poco lontano da casa, notiamo una

persona – straniera, mi sembra – con la bicicletta per mano, la ruota davanti bucata. Gesticola,

impreca, prega, chi lo sa? Mi colpisce il suo volto sconfortato e chiedo a Matteo: "Vuoi che

andiamo a vedere se ha bisogno di una mano?". Matteo dice sì, convinto. Avrei potuto caricare la

bicicletta in macchina e portare a casa entrambi. Lo raggiungiamo e gli chiedo se ha bisogno di

aiuto. Lì per lì risponde no, ringraziando. In un paio di chilometri sarebbe arrivato a casa. Di

chilometri ne aveva già fatti quindici e tutti a piedi. Era uscito dalla fabbrica dove lavorava

saltuariamente e aveva trovato la ruota a terra, nessuno si era offerto di accompagnarlo a casa e si

era avviato a piedi. Camminava da due ore. Chissà quanti pensieri in quelle due ore, in quei

quindici chilometri a piedi tirando una bicicletta con la gomma a terra. Forse io nelle sue

condizioni avrei pure pianto, chissà lui? Parlando mi chiede se avevo una bicicletta da prestargli

per andare al lavoro il giorno dopo. A lui non succedeva spesso di lavorare due giorni di fila. La

sua bicicletta era davvero un catorcio. Con una gomma bucata. Ormai stava facendo buio, non

c’era tempo di ripararla per l’indomani. Mi meraviglio un po’ a quella richiesta, come fossimo

vecchi amici. Penso che il bisogno, quello vero, dà il coraggio di tentarle tutte. Con forte accento

straniero aggiunge "Ti do il mio numero di cellulare… se trovi una bicicletta, per favore, chiamami,

ti prego".

Voleva anche avere il mio numero ma istintivamente l’ho negato. Istinto, paura? Quella maledetta

paura che porta a diffidare del tuo simile solo perché ha una pelle diversa, parla male l’italiano o

perché puzza di sudore dopo una giornata di lavoro in fabbrica. La paura di essere rintracciato o

subire altre richieste di aiuto. La paura di sentire la pressione sulla coscienza. Lui può fidarsi di

me, ci mancherebbe!, io meglio che sia prudente. Ho segnato il suo numero di cellulare. Non poteva

chiamarsi Toni ma ho accettato questo nome. Toni è andato per la sua strada e noi per la nostra.

Nel breve tratto per arrivare a casa, avvolto in tante riflessioni, il pensiero è andato alla bicicletta

gialla che avevo regalato a mia moglie nel 1986, quando eravamo fidanzati. Quella bicicletta è

stata il mio anello di fidanzamento. Avevo fatto debito, in quegli anni di Servizio Civile a duemila

lire al giorno che non erano molte e dovevano bastare. Ricordo ancora gli occhi luccicanti di

Cecilia, quella sera, quando le ho portato (e ne andavo fiero) la bicicletta gialla: il mio anello di

fidanzamento! Lei sapeva del valore simbolico di quel dono e ne fu commossa.

Quanti pensieri in quei cinque minuti in macchina: la prendo, la carico, gliela do… Però, un

attimo… cosa penserà Cecilia? in fondo è sua e non mia, dovrebbe decidere lei se darla o non darla

ma se glielo chiedo sarà libera di dire no? d’altronde Toni è a piedi e ogni giorno fa trenta

chilometri per lavorare…

Arrivato a casa chiamo mia moglie dal cortile. Frettolosamente le spiego l'accaduto. Io sotto,

ancora vicino alla macchina accesa e lei sopra, al terrazzo. Bisognava fare presto perché altrimenti

avrei potuto non ritrovarlo nei meandri dei condomini ormai abitati solo da stranieri. Cecilia

risponde che se va bene a me, lei è d’accordo. Ho abbassato i sedili, caricato la bici, sono corso

verso Borgoricco senza pensare ai limiti di velocità e ho trovato Toni che stava entrando nel

porticato di un palazzo anonimo. Ho suonato il clacson, s’è girato e mi ha sorriso. Che sorriso! Mi

si è aperto il cuore. Aveva capito, sicuramente aveva sperato! Con la stessa bicicletta una seconda

sorpresa, un secondo sorriso commosso, a distanza di anni e per motivi diversi. Non sono riuscito a

contare quanti grazie nei primi secondi. Davanti a quella bici di 24 anni ma perfetta, Toni ha

esclamato con occhi umidi "Questa bicicletta è proprio bella quanto te!”. Ha insistito per avere il

mio numero di telefono, per offrirmi almeno un caffè. Di nuovo quella paura che blocca, ho

declinato, ci saremo sicuramente trovati, abitando nello stesso comune. Siamo solo 8.000 anime,

che ci vuole ad incontrarsi! Non è più successo.

Gli ho raccomandato di averne cura, di gonfiare le ruote, il fanale funzionava e la sella imbottita

era nuova. Almeno non si sarebbe ammaccato il posteriore durante il chilometraggio quotidiano.

Mi ha stretto la mano due volte, gli ho augurato buona fortuna e ci siamo lasciati. Ho saputo che è

siriano. Toni è il nome per le conoscenze comuni in Italia. Molti stranieri si presentano con un

nome semplice da ricordare. Gli amici lo chiamano Abramo, il suo vero nome non l'ho mai saputo.

Oggi, appena tornata da scuola, mia figlia Anna ha detto che stamattina alle sette una bicicletta

gialla sfrecciava per la strada principale, tanto che non si vedevano i pedali. Ha provato a seguirla

ma non è riuscita a raggiungerla. Di una cosa era certa, era la bici della mamma! Il suo pensiero

andò subito a Toni e alla bicicletta gialla che dona il sorriso.

Avete presente la magia di un evento? Quella sensazione di essere in una realtà parallela, come se il

tempo fosse sospeso? Ecco, in quella stanza, circondato da genitori, in poco tempo mi sono sentito

avvolgere da questa intensa sensazione. La sorpresa più grande fu che a metà racconto dovetti

fermarmi. Alcune parole pronunciate con un po’ più di passione e sentimento mi smorzarono la

voce e mi gonfiarono gli occhi che si bagnarono di lacrime inaspettate. Un giro di sguardo e vidi che

anche gli occhi delle persone di fronte a me erano lucidi e nessuno osava dire una parola. Sembrava

che un filo invisibile collegasse tutti i cuori formando una rete comunicativa palpitante. C’era

partecipazione e comprensione, calore e unione. Un’occasione formativa divenne un’esperienza

umana molto profonda. Intendevo dare e far apprendere. Ho ricevuto e appreso. Negli incontri

successivi il gruppo sembrava diverso, più unito, disinvolto, aperto. La magia della narrazione di sé

non finirà mai di sorprendermi.

 

Massimo Caccin

Fonte: www.kaloi.it

 

Link:

http://www.kaloi.it/cms/index.php?mact=News,cntnt01,detail,0&cntnt01articleid=147&cntnt01deta

 iltemplate=monthly&cntnt01returnid=77

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

I LUOGHI DEL POSSIBILE

Fare salute mentale oggi

 

a cura del Consorzio Cascina Clarabella

 

Introduzione
La salute mentale che sogniamo
Claudio Vavassori, Carlo Fenaroli

L’IDEA DI CURA

Mettere tra parentesi la malattia mentale
Nuove (e vecchie) ipotesi per la cura della sofferenza psichica
Intervista a Angelo Barbato a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

Riconoscersi nel destino di fragilità dell’altro
Per curare servono introspezione e immedesimazione
Eugenio Borgna

Perché non bastano gocce e pastiglie
Se la salute mentale è data da casa, lavoro e rete sociale
Andrea Materzanini

La salute mentale tiene le porte aperte
Il sogno di Cascina Clarabella
Intervista a Claudio Vavassori a cura di Roberto Camarlinghi

PER UNA CITTA’ CHE CURA

Il sogno della città che cura
L’attualità della lezione basagliana
Intervista a Franco Rotelli a cura di Roberto Camarlinghi

Di chi sono gli adulti fragili di una città?
Un’esperienza di collaborazione tra servizi a Piacenza
Corrado Cappa, Claudia Marabini

I luoghi buoni della cura
Come mandare avanti la rivoluzione culturale avviata da Basaglia
Intervista a Peppe Dell’Acqua a cura di Anna Poma

Fare inserimenti lavorativi nel tempo della crisi
Una sfida epocale per la cooperazione sociale
A cura di Carlo Fenaroli e Claudio Vavassori

Lavorare con il sogno di una felicità urbana
Senza un’utopia rimane il poco che viviamo quotidianamente
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

PER UNA PSICHIATRIA DI COMUNITA’

In salute mentale il sociale è importante
Perché prendersi cura della vita quotidiana
Andrea Materzanini

Rompere l’inerzia psicotica
A cosa serve il budget di salute
Domenico Castronuovo

Il budget di salute in dieci punti
Verso una psichiatria di comunità
Roberto Legori, Greta Manca

Storie in cammino verso l’autonomia
Tre racconti di operatori
Valentina Gaspari, Mauro Peri,Greta Manca

LETTERE AI GIOVANI OPERATORI

A un giovane operatore della salute mentale
Lettera aperta per riconoscerci in una storia che parla al futuro
Peppe Dell’Acqua

Navigare nei mari della salute mentale
Raccomandazioni ai giovani marinai di un intrepido equipaggio
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi

 

Essere operatore della salute mentale
Idee per un manifesto
A cura degli operatori della Cascina Clarabella

 

   Micheline Cacciatore

  

Quando l'ansia infantile prende il sopravvento

 
Casa editrice: CreateSpace Independent Publishing Platform
pag.118 - € 11,22
 

https://www.amazon.it/Quando-lansia-infantile-prende-sopravvento/dp/1983896691

   

 

Uno psichiatra e una psicologa si confrontano a partire da un libro che racconta l'esperienza di lotta di una madre accanto a una figlia contro l'emetofobia, un'ansia infantile che genera una paura irrazionale.
 
Il libro narra una storia realmente accaduta, raccontata in prima persona da una madre che si trova a dover gestire l'insorgenza dell'emetofobia (paura irrazionale del vomito) nella vita di sua figlia e della sua famiglia. Mentre le condizioni di sua figlia peggiorano di giorno in giorno: diventa sempre più magra, si rifiuta di uscire di casa, utilizza una serie di rituali ossessivi, questa madre si rende conto che le normali sedute settimanali di psicoterapia non sono sufficienti ed è necessario trovare una cura specifica. Nonostante l'emetofobia sia una delle cinque fobie più diffuse, è ancora poco conosciuta e trovare una cura adeguata può essere difficoltoso. Dopo varie ricerche, la madre approda finalmente alla Clinica Universitaria di Miami che propone una terapia mirata: la desensibilizzazione graduale intensiva, che prevede un'esposizione progressiva allo stimolo che provoca la fobia, in questo caso il vomito. Nel corso del libro viene raccontato il percorso terapeutico che porta gradualmente la giovane paziente, ma anche i suoi familiari, a gestire e superare la fobia. In seguito a questa esperienza, Micheline Cacciatore, l'autrice ha aperto un blog “Emetofobia destrutturata” nel tentativo di raggiungere ed essere d'aiuto ad altri genitori che si trovano ad affrontare la stessa problematica.
Quando l'ansia infantile prende il sopravvento è il primo libro di Micheline Cacciatore. Il successo del suo blog, “Emetofobia Destrutturata”, l'ha convinta a scrivere per raggiungere ancora più persone. È cresciuta in Massachusetts e ha frequentato la Walnut Hill School of Arts, dove ha studiato danza classica. Dopo un brutto infortunio, che le ha impedito di proseguire la carriera di ballerina professionista, ha frequentato la scuola di fotografia, dove ha ottenuto il diploma di fotografa e ha conosciuto il suo futuro marito. Dopo aver lavorato alcuni anni come fotografa, è tornata alla sua vera passione, la danza, dedicandosi all’insegnamento. Nel 2010, Micheline ha venduto la scuola di danza in Massachusetts, per trascorrere più tempo con la sua famiglia. Insegna ancora danza e vive a Miami, con il marito e i due figli.