"LA BICICLETTA GIALLA" La magia e la sorpresa della narrazione

Riceviamo da Fulvio Baralis alla

nostra casella di posta elettronica

menteinpace@libero.it e volentieri

pubblichiamo.

 

Era una sera dei primi giorni di marzo ed ero in compagnia di un gruppo di genitori per

approfondire la tematica delle regole e le modalità più efficaci per trasmetterle ai figli. Decisi

di narrare un episodio della mia vita...

 

La finalità era quella di stimolare il pensiero sul fatto che la narrazione di sé sincera, profonda,

partecipata e vissuta è un’opportunità coinvolgente per la trasmissione di valori e regole di vita.

Quello che era nato come spunto formativo divenne un’esperienza sorprendente.

Feci avvicinare i genitori, erano gomito a gomito in un semicerchio che mi comprendeva. Occhi

fissi su di me, silenzio nella stanza. La curiosità era palpabile, l’attenzione mista a stupore. Il cuore

iniziò a battermi più forte. Ne rimasi stupito, ero abituato a parlare in pubblico. Controllai con

sufficiente disinvoltura questa reazione e iniziai il racconto.

Un giorno come tanti, nel tardo pomeriggio, sono andato a prendere Matteo (il più piccolo dei miei

tre figli) alla fine dell'allenamento di atletica. Tornando, poco lontano da casa, notiamo una

persona – straniera, mi sembra – con la bicicletta per mano, la ruota davanti bucata. Gesticola,

impreca, prega, chi lo sa? Mi colpisce il suo volto sconfortato e chiedo a Matteo: "Vuoi che

andiamo a vedere se ha bisogno di una mano?". Matteo dice sì, convinto. Avrei potuto caricare la

bicicletta in macchina e portare a casa entrambi. Lo raggiungiamo e gli chiedo se ha bisogno di

aiuto. Lì per lì risponde no, ringraziando. In un paio di chilometri sarebbe arrivato a casa. Di

chilometri ne aveva già fatti quindici e tutti a piedi. Era uscito dalla fabbrica dove lavorava

saltuariamente e aveva trovato la ruota a terra, nessuno si era offerto di accompagnarlo a casa e si

era avviato a piedi. Camminava da due ore. Chissà quanti pensieri in quelle due ore, in quei

quindici chilometri a piedi tirando una bicicletta con la gomma a terra. Forse io nelle sue

condizioni avrei pure pianto, chissà lui? Parlando mi chiede se avevo una bicicletta da prestargli

per andare al lavoro il giorno dopo. A lui non succedeva spesso di lavorare due giorni di fila. La

sua bicicletta era davvero un catorcio. Con una gomma bucata. Ormai stava facendo buio, non

c’era tempo di ripararla per l’indomani. Mi meraviglio un po’ a quella richiesta, come fossimo

vecchi amici. Penso che il bisogno, quello vero, dà il coraggio di tentarle tutte. Con forte accento

straniero aggiunge "Ti do il mio numero di cellulare… se trovi una bicicletta, per favore, chiamami,

ti prego".

Voleva anche avere il mio numero ma istintivamente l’ho negato. Istinto, paura? Quella maledetta

paura che porta a diffidare del tuo simile solo perché ha una pelle diversa, parla male l’italiano o

perché puzza di sudore dopo una giornata di lavoro in fabbrica. La paura di essere rintracciato o

subire altre richieste di aiuto. La paura di sentire la pressione sulla coscienza. Lui può fidarsi di

me, ci mancherebbe!, io meglio che sia prudente. Ho segnato il suo numero di cellulare. Non poteva

chiamarsi Toni ma ho accettato questo nome. Toni è andato per la sua strada e noi per la nostra.

Nel breve tratto per arrivare a casa, avvolto in tante riflessioni, il pensiero è andato alla bicicletta

gialla che avevo regalato a mia moglie nel 1986, quando eravamo fidanzati. Quella bicicletta è

stata il mio anello di fidanzamento. Avevo fatto debito, in quegli anni di Servizio Civile a duemila

lire al giorno che non erano molte e dovevano bastare. Ricordo ancora gli occhi luccicanti di

Cecilia, quella sera, quando le ho portato (e ne andavo fiero) la bicicletta gialla: il mio anello di

fidanzamento! Lei sapeva del valore simbolico di quel dono e ne fu commossa.

Quanti pensieri in quei cinque minuti in macchina: la prendo, la carico, gliela do… Però, un

attimo… cosa penserà Cecilia? in fondo è sua e non mia, dovrebbe decidere lei se darla o non darla

ma se glielo chiedo sarà libera di dire no? d’altronde Toni è a piedi e ogni giorno fa trenta

chilometri per lavorare…

Arrivato a casa chiamo mia moglie dal cortile. Frettolosamente le spiego l'accaduto. Io sotto,

ancora vicino alla macchina accesa e lei sopra, al terrazzo. Bisognava fare presto perché altrimenti

avrei potuto non ritrovarlo nei meandri dei condomini ormai abitati solo da stranieri. Cecilia

risponde che se va bene a me, lei è d’accordo. Ho abbassato i sedili, caricato la bici, sono corso

verso Borgoricco senza pensare ai limiti di velocità e ho trovato Toni che stava entrando nel

porticato di un palazzo anonimo. Ho suonato il clacson, s’è girato e mi ha sorriso. Che sorriso! Mi

si è aperto il cuore. Aveva capito, sicuramente aveva sperato! Con la stessa bicicletta una seconda

sorpresa, un secondo sorriso commosso, a distanza di anni e per motivi diversi. Non sono riuscito a

contare quanti grazie nei primi secondi. Davanti a quella bici di 24 anni ma perfetta, Toni ha

esclamato con occhi umidi "Questa bicicletta è proprio bella quanto te!”. Ha insistito per avere il

mio numero di telefono, per offrirmi almeno un caffè. Di nuovo quella paura che blocca, ho

declinato, ci saremo sicuramente trovati, abitando nello stesso comune. Siamo solo 8.000 anime,

che ci vuole ad incontrarsi! Non è più successo.

Gli ho raccomandato di averne cura, di gonfiare le ruote, il fanale funzionava e la sella imbottita

era nuova. Almeno non si sarebbe ammaccato il posteriore durante il chilometraggio quotidiano.

Mi ha stretto la mano due volte, gli ho augurato buona fortuna e ci siamo lasciati. Ho saputo che è

siriano. Toni è il nome per le conoscenze comuni in Italia. Molti stranieri si presentano con un

nome semplice da ricordare. Gli amici lo chiamano Abramo, il suo vero nome non l'ho mai saputo.

Oggi, appena tornata da scuola, mia figlia Anna ha detto che stamattina alle sette una bicicletta

gialla sfrecciava per la strada principale, tanto che non si vedevano i pedali. Ha provato a seguirla

ma non è riuscita a raggiungerla. Di una cosa era certa, era la bici della mamma! Il suo pensiero

andò subito a Toni e alla bicicletta gialla che dona il sorriso.

Avete presente la magia di un evento? Quella sensazione di essere in una realtà parallela, come se il

tempo fosse sospeso? Ecco, in quella stanza, circondato da genitori, in poco tempo mi sono sentito

avvolgere da questa intensa sensazione. La sorpresa più grande fu che a metà racconto dovetti

fermarmi. Alcune parole pronunciate con un po’ più di passione e sentimento mi smorzarono la

voce e mi gonfiarono gli occhi che si bagnarono di lacrime inaspettate. Un giro di sguardo e vidi che

anche gli occhi delle persone di fronte a me erano lucidi e nessuno osava dire una parola. Sembrava

che un filo invisibile collegasse tutti i cuori formando una rete comunicativa palpitante. C’era

partecipazione e comprensione, calore e unione. Un’occasione formativa divenne un’esperienza

umana molto profonda. Intendevo dare e far apprendere. Ho ricevuto e appreso. Negli incontri

successivi il gruppo sembrava diverso, più unito, disinvolto, aperto. La magia della narrazione di sé

non finirà mai di sorprendermi.

 

Massimo Caccin

Fonte: www.kaloi.it

 

Link:

http://www.kaloi.it/cms/index.php?mact=News,cntnt01,detail,0&cntnt01articleid=147&cntnt01deta

 iltemplate=monthly&cntnt01returnid=77

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

31792

TOTALE VISITE

47863

Dati aggiornati

al 24-04-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 LA SCIENZA DELLE ORGANIZZAZIONI POSITIVE

Far fiorire le persone

e ottenere risultati

che superano le aspettative

 

Veruscka Gennari 

Daniela Di Ciaccio

 

FRANCO ANGELI editore

 

Questo libro sfida il modello organizzativo convenzionale, il sistema di valori, i principi e le credenze su cui oggi la maggior parte dei leader (manager, insegnanti, amministratori pubblici, imprenditori) fonda il proprio approccio al lavoro. Il testo integra le informazioni scientifiche e la letteratura manageriale, offrendo un risvolto pratico, grazie alle voci di esperti e a diverse storie italiane di successo, che dimostrano che un nuovo modo di fare impresa, scuola, informazione e amministrazione esiste già nel nostro Paese.

 

Siamo sicuri che i modelli organizzativi sui quali abbiamo costruito il mondo del lavoro siano gli unici possibili, i più adeguati a gestire la complessità e a garantirci l'evoluzione?

Questo libro sfida il modello organizzativo convenzionale, il sistema di valori, i principi e le credenze su cui oggi la maggior parte dei leader (manager, insegnanti, amministratori pubblici, imprenditori) fonda il proprio approccio al lavoro. Le scienze - dalla chimica all'epigenetica, dalla fisica alla biologia alle neuroscienze - ci offrono informazioni, dati ed esperienze solide e preziose per costruire un nuovo paradigma: la positività e il benessere "pagano" perché attivano i centri dell'apprendimento, della creatività e della concentrazione, innescando un circolo virtuoso che si traduce in maggiore produttività e innovazione. 
Condividere uno scopo forte e collettivo, affiancare il paradigma emozionale a quello razionale, sperimentare la coerenza tra cultura e processi: così si creano organizzazioni in cui le persone fioriscono e ottengono risultati che superano le aspettative. 
Il libro integra le informazioni scientifiche e la letteratura manageriale, offrendo anche un risvolto pratico, grazie alle voci di esperti e a diverse storie italiane di successo, che dimostrano che un nuovo modo di fare impresa, scuola, informazione e amministrazione esiste già nel nostro Paese. 
Un percorso per quanti vogliano motivare e costruire organizzazioni positive e contribuire a ridisegnare la nostra società intorno ai principi della positività e del benessere.

Il libro è anche un portale digitale a cui potrai accedere liberamente utilizzando i QR Code che si trovano all'interno: risorse e approfondimenti, le case histories complete e mappe multimediali per entrare in relazione con il network. www.2bhappy.it

Veruscka Gennari, filosofa, divulgatrice, trainer e studiosa, è stata co-fondatrice e ha guidato la sede italiana di Six Seconds, network mondiale di Intelligenza emotiva applicata, lavorando per 12 anni come consulente al fianco di aziende, manager e team. Nel 2013 inaugura la fase 3.0 della sua vita: diventa mamma, si specializza in neuroscienze e scienza della Felicità. Nel 2014 fonda con Daniela 2BHappyAgency ed insieme nel 2016 sono invitate all'ONU per presentare il lavoro che svolgono in Italia. www.2bhappy.it


Daniela Di Ciaccio, sociologa, imprenditrice, insegnante yoga e ricercatrice, è stata HR manager, consulente e formatrice, progettando strumenti e metodologie per lo sviluppo di persone e organizzazioni. Dal 2012 si dedica alla ricerca e alla sperimentazione di pratiche spirituali e modelli integrati per il cambiamento positivo di persone e sistemi. Nel 2014 fonda insieme a Veruscka 2BHappyAgency.www.2bhappy.it