LIBERIAMO I DELFINI DAGLI ACQUARI

Riceviamo alla nostra casella di posta elettronica menteinpace@libero.it e volentieri pubblichiamo.

 

Ciao,

sono GIOVANNA e questa volta vi scrivo in qualità di animalista. Volevo aggiornarvi sulla

petizione che la LAV (Lega Anti Vivisezione) porta in piazza questa primavera. Persegue la

libertà dei delfini:

In mare aperto i delfini possono nuotare fino a 100 Km. al giorno. Negli acquari

e nei delfinari sembrano divertirsi ma dietro quel "sorriso", che è la forma

naturale della loro mandibola, si nasconde lo stress di una prigionia che spesso

diventa sopportabile solo a forza di calmanti. Sono costretti ad addestramenti

ed esibizioni in cambio di cibo. Si ammalano di più, muoiono prima.

La verità è questa, e non è affatto un bello spettacolo.

Si può firmare per la libertà dei delfini nei due weekend del 29/30 MARZO 2014 e 5/6

APRILE 2014. Se vai sul sito della LAV www.lav.it trovi dove sono i tavoli più vicini

a te. Lì potrai anche acquistare le squisite uova di Pasqua fondenti della LAV.

Grazie dell'attenzione.

Cordiali saluti e, se non ci sentiamo prima, i migliori Auguri di Buona Pasqua.

 

Giovanna Caporali, Modena

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Eugenio Borgna

L'ARCOBALENO SUL RUSCELLO

Figure della speranza

 

Raffaello Cortina Editore

 

Eugenio Borgna concepisce la speranza come un’inclinazione umana solo apparentemente fragile, in realtà continuamente capace di farci accedere alla pienezza dell’esistenza. Che si tratti delle difficoltà della vita quotidiana o degli abissi della psicopatologia, è dalla conoscenza di sé che nasce la spinta ad aprirsi al futuro e alla speranza e a uscire dalla solitudine. 
Borgna descrive le molte declinazioni della speranza a partire dalle intuizioni di grandi filosofi, poeti e scrittori come Leopardi e Kafka, sant’Agostino e Walter Benjamin, oltre che dalla sua lunga esperienza clinica e di pratica della psichiatria fenomenologica. La speranza è da sempre al centro della cura: senza di essa non si riuscirebbe a trovare le parole da rivolgere ai pazienti, quelle più consone a ciascuno. È come una stella cometa che illumina le notti dell’anima.

 

Biografia dell'autore

 Eugenio Borgna, psichiatra, è primario emerito di Psichiatria dell’Ospedale Maggiore di Novara e libero docente. Oltre a opere di carattere scientifico, ha pubblicato una serie di libri di successo presso Feltrinelli e Einaudi.