Marco Cavallo percorre l’Italia

Marco Cavallo, accompagnato da Peppe dell’Acqua, ha ormai percorso buona parte

del Paese col fine di sensibilizzare l’opinione pubblica in relazione alla mancata

chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (OPG). Organizzato dal Comitato “Stop

Opg” che propone oltre alla chiusura di queste vere e proprie carceri da cui è difficile

uscirne, la nascita di strutture (Centri di Salute Mentale) aperti 24 ore su 24, ed è

oltremodo impegnato a porre fine alla dolorosa esistenza degli internati. Ora il lungo

viaggio del cavallo azzurro, che simboleggia la libertà, iniziato a maggio 2013, sta

volgendo al termine e si concluderà con la fine di marzo p.v.

Marco Cavallo, abbattendo nel 1973 i muri del manicomio di San Giovanni a Trieste,

ha dato il via al lungo processo di cambiamento che ebbe inizio con la Legge 180

(Legge Basaglia).

Nel ricordare che il 17 gennaio 2012 la Commissione Giustizia del Senato approvò

all’unanimità la chiusura definitiva degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari che sarebbe

dovuta avvenire entro il 31 marzo 2013 e che successivamente il Decreto Legge 25

marzo 2013 n.24 prorogò il termine per la chiusura degli stessi al 1° aprile 2014,

corre l’obbligo di rammentare che ad oggi i detenuti negli OPG sono ancora 1200

circa.

Ma ancora una volta, purtroppo, a causa di ritardi a volte ingiustificati, è stato

chiesto dalle Regioni, all’interno della legge “Milleproroghe”, un ulteriore rinvio alla

chiusura che vedrebbe ulteriormente allontanare l’applicazione del decreto ad aprile

del 2017.

Stante questa incresciosa situazione gli internati nelle strutture di reclusione, che

dovranno trovare collocazione nelle nuove residenze, vedono questo ulteriore rinvio

come una dolorosa prosecuzione delle sofferenze che, in alcuni casi, durano da anni

(giova ricordare che molti sono reclusi pur non presentando una reale pericolosità

sociale), mentre speravano di poter finalmente ottenere cure appropriate che non

vengono effettuate negli ospedali giudiziari . Cure che sarebbero estremamente

necessarie per un recupero psichico, mentre, è risaputo, gli OPG non sono ospedali

che curano, e non curando non favoriscono il superamento dell’infermità.

Solo l’OPG di Reggio Emilia ha pronto il progetto di serrata da inviare al Ministero

della Salute, in quanto ha già ricevuto un finanziamento dal Ministero, che insieme a

quello del Comune di Reggio Emilia, consentirà di trasformarlo in “Residenza

Sanitaria”.

Anche l’Opg di Montelupo Fiorentino, in provincia di Firenze, risulta in via di chiusura

avendo presentato un piano di superamento della vecchia struttura “carceraria”.

Il reinserimento graduale nella società del paziente psichiatrico deve diventare un

indifferibile momento di riscatto delle persone rinchiuse e di inserimento in percorsi

terapeutici riabilitativi da parte delle Asl-Ausl, che dovranno avere cura, anche, di

creare situazioni che possano evitare il non sempre giustificato allarme sociale, a

volte alimentato dai media, che trattano tale problematica con scarso tatto e scarse

conoscenze.

Misure alternative alla detenzione devono essere ben lontane dall’eventualità che

nascano dei piccoli Opg ma devono essere strutture riabilitative con caratteristiche

di ospedali dove il malato psichico viene curato con percorsi individuali di cura.

 

Meo Cometti – Associazione MenteinPace

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28292

TOTALE VISITE

43180

Dati aggiornati

al 15-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Mario Maffi

1957. UN ALPINO ALLA SCOPERTA DELLE FOIBE

Gaspari Editore

 

Cinquant’anni dopo, i ricordi della ”missione segreta” emergono dalla memoria di Mario Maffi e si trasformano in racconto scritto, inseriti in una rapida rivisitazione autobiografica a tutto campo. “Scendere” in una foiba è come scendere nella storia, cogliendola in uno dei suoi momenti più spietati: i crani mescolati alla ruggine di una bicicletta, le ossa sparse tra cocci di vetro e pagliericci, sono una visione infernale. Per metà tomba e per metà discarica, la foiba rappresenta il rovesciamento dei valori, l’umiliazione dei corpi morti che si aggiunge alla ferocia sui vivi. È una pagina in più che ci restituisce i contorni di una tragedia lontana, attorno alla quale c’è ancora tanto da studiare e da scoprire: una pagina che porta anche noi lettori al fondo della “foiba”, con la suggestione inquietante di un buio carico di significati e di simboli. (dalla Prefazione di Gianni Oliva).

 

Mario Maffi racconta interessanti aneddoti di storia cuneese nel periodo della seconda guerra mondiale sino al dopoguerra, a cui aggiunge la missione segreta nelle foibe, assegnatagli come alpino esperto in speleologia. 

 

Note biografiche sull'autore

 

Mario Maffi,
(Cuneo 1933-2017) ufficiale esperto di mine ed esplosivi, speleologo e fotografo, viene convocato nel 1957 dal ministero della Difesa per una missione segreta che lo porta a diventare inconsapevole testimone di una delle più atroci pagine del secondo dopoguerra: le foibe. Tale esperienza rimase per 50 anni solo nella sua memoria perché coperta dal segreto militare.
È autore di studi storico militari fra cui L’onore di Bassignano - il maggiore piemontese che non volle fucilare gli alpini del Val d’Adige (Gaspari 2010).