Sulla proposta di creare una comunità di vecchi

I progetti di “vita in comune” di alcuni specifici gruppi,come potrebbero essere i

vecchi, mi creano sempre turbamento.

Penso a Platone, con il suo progetto di Stato perfetto, Stato in cui le due classi

superiori, guerrieri e filosofi, vivono in una dimensione di “comunismo”, in cui

nessuno ha proprietà privata, per non essere distratto dalle cure del mondo, e potersi

dedicare ad una educazione aristocratica. Naturalmente, anche le donne sono in

comune……

Penso a comunità religiose appassionate, come quella creata da Fra’Dolcino, anch’

essa chiusa in se stessa, compattata dall’esistenza di nemici esterni, che contestavano

scelte di fede ed economiche,come la proprietà in comune,donne

comprese,ovviamente.

Penso ai kibbutz, anch’essi comunità chiuse, che trovano la loro ragione d’essere nel

resistere alla pressione palestinese, dove all’inizio tutto, il mangiare, il dormire etc.

era in comune……..

Dico che mi creano turbamento, a parte l’orribile abitudine di considerare uno

specifico gruppo umano, quello costituto dalle femmine, come “ cose” di cui disporre

senza alcun limite , perché ogni comunità, dalla più numerosa alla più esigua, è

sempre stata il tentativo di difendersi da un pericolo esterno ,vero o presunto, mai il

frutto di un tentativo di vita serena e buona per tutti.

Fra tutti i tentativi di vita in comune, l’unico che non mi pare troppo opprimente, è il

beghinaggio ; forse perché organizzato da donne, esso, che pure naturalmente

rispondeva ad esigenze di sopravvivenza , si realizzò lasciando spazio a tante

individualità, molto più di quanto accadde nelle coeve organizzazioni di begardi.

Tuttavia,nessuna di queste organizzazioni,a parte quella del “Comunismo in un solo

Paese” Dello Stato Sovietico ha retto lungo tempo di fronte agli attacchi

dell’individualità che si cela nel profondo di ciascuno di noi: la loro durata è stata il

più delle volte sostenuta dalle armi,realizzata con la coercizione,e spesso non ha

nemmeno raggiunto gli scopi che si prefiggeva.( E vedremo quanto reggerà quello

cinese…)

Perché mettere tutti i vecchietti insieme, quando la più elementare osservazione di

quelli che abbiamo vicino a noi- genitori, nonni, forsanche bisnonni, - ci mostra

come essi prediligano il guscio della loro vita, la casa in cui hanno vissuto per tanto

tempo, e come sia destabilizzante per la maggior parte di loro spostarli, allontanarli

dai percorsi consueti e costringerli a dividere l’aria con chi non ha mai fatto parte

della loro storia?

Sono sotto gli occhi di tutti i risultati delle Case di riposo; anche le più belle, quelle

meglio organizzate rispondono solo alle esigenze di accudimento della persona

anziana , quando i parenti non possono farlo, e quando l’anziano non è più in grado di

provvedere da sé. E in tutte queste case, si è costretti a verificare le difficoltà della

coabitazione, i litigi per il volume del sonoro,per la scelta del canale tv.o l’assoluta

passività di fronte allo schermo, le lotte per tagliare le unghie, il rifiuto del cibo o

l’ingordigia, le gelosie e le antipatie che sfociano nella violenza verbale,se non fisica.

Perché non è il caso di idealizzare l’anziano, come se esso fosse sempre e comunque

benevolo e civile: come non idealizziamo i giovani, non dobbiamo dimenticare che il

vecchio è il giovane dell’altroieri: e se era violento e prepotente da giovane,nella

maggior parte dei casi lo sarà anche da vecchio , e così per ogni altra caratteristica

umana.

So che non piace,ma è la realtà. Questo non significa che dobbiamo togliere ai vecchi

ciò che spetta loro in quanto esseri umani, il rispetto, l’attenzione e la cura, ma che

non dobbiamo pretendere da loro cose che essi non possono dare, come il sentirsi

lieti e giocosi perché i bambini delle elementari vanno a chiedere loro come si viveva

senza acqua corrente nelle case o come hanno salvato la pelle in guerra. Forse non

vogliono ricordare gli stenti e la paura, forse non ne sono nemmeno in grado……

E’ certamente vero che la nostra società tende a considerare l’anziano come un peso,

una creatura inutile .

Ma è solo la nostra società che agisce così ?.

Altre società non emarginano,o emarginarono,altri gruppi sociali?

Ci fu un tempo, e i greci che già dissero tutto ce lo ricordano, in cui il vecchio

rappresentava certo l’esperienza ma anche il potere.E perciò egli doveva difendersi

dai giovani vigorosi e baldanzosi che volevano strapparglielo: per questo Cronos

divorava i suoi figli.

Forse che oggi lo schema non è lo stesso,in tanti campi?

Tuttavia, da quando Diderot e D’Alembert offrirono, con le Tavole dell’Enciclopedie,

un sistema per apprendere abbastanza accessibile, è ben vero che il prestigio

dell’anziano in quanto tale,cioè in quanto è sopravvissuto a molti altri, è decisamente

calato, senza che aumentasse il prestigio del giovane, anche se questi è più vigoroso e

intraprendente. Forse ciò è dovuto alla complessità della società che si è costruita

negli ultimi due secoli,complessità che richiede al giovane un tempo di preparazione

così lungo che egli si ritrova alla soglia della casa di riposo prima ancora di aver

vissuto una vita libera e indipendente : che cosa dobbiamo fare? Che cosa possiamo

fare? Costruire nuovi recinti? Bruciare i libri, che hanno sostituito l’esperienza degli

anziani? Eliminare qualcuno, i bambini con l’aborto, oppure i giovani con qualche

guerra, oppure i vecchi con le malattie e la povertà?

Dobbiamo per forza eliminare qualcuno?

O possiamo provare, ciascuno nel suo piccolo, nelle immediate vicinanze del suo

corpo, a far vivere bene qualcuno? ( Senza nasconderci che, per dirla con Manzoni,

un vecchio malvissuto ha bisogno dell’intervento della Grazia Divina per risultare

sopportabile….)

Per mia fortuna, non dovrò dibattermi a lungo in questi dilemmi.Credo di essere

ormai nella schiera degli indesiderabili…( a proposito, quando incomincia la

vecchiaia? )

 

Simonetta Dutto

Laboratorio di scrittura creativa

Laboratorio Siddharta-MenteInPace

Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

TOTALE VISITATORI

dal 2-06-2014 al 14-1-2019

27162

TOTALE VISITE

dal 2-06-2014 al 14-1-2019

41710

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 Claudio Rabbia

LA MIA VITA CON IL PARKINSON SULLE NOTE DEL TANGO

 

ArabaFenice Edizioni

2018, € 16,00, pag.176

 

Claudio Rabbia racconta con ironia la sua vita, dalle prime bravate da bambino all'incontro con Ivana, dalle difficoltà economiche alla scoperta del Parkinson che, a soli 44 anni, con due figli ancor piccoli, gli stravolge l'esistenza.
Dopo iniziale depressione decide di combattere la malattia a viso aperto, memore delle parole di suo padre "Se non ci riesci prova a fare al contrario di quello che hai fatto finora". Così Claudio studia nuove strategie per affrontare tutti gli ostacoli che la malattia porta al movimento.
Seguendo questa nuova strada si accorge che, dopo aver ballato il Tango argentino, sta meglio: ritrova l'equilibrio, i movimenti sono più sciolti, anche la calligrafia cambia. Ne parla con i suoi medici e da quel momento la sua vita cambia direzione.

QUARTA DI COPERTINA

Mi rimboccai le maniche cercando di dimenticare la frase "Non si guarisce, è una malattia degenerativa". Non volevo limitarmi a cercare stratagemmi per sopravvivere. Da quando misi in pratica quesa teoria, cioè non limitarmi ai consigli dei medici ma provare ad andare oltre, pur non sapendo ancora come, mi accorsi di sentirmi meno depresso. Trovare una speranza diversa dalle solite mi faceva acquisire fiducia in me stesso.
Ora avevo chiara la mia situazione: era come se avessi due personalità dentro di me. Mi dividevo fra la parte mia normale e la parte ammalata: da una parte ero Claudio Rabbia, dall'altra ero Claudio Parkinson. Quindi non ero tutto da buttare, metà di me era normale.
Difficile la convivenza dei due Claudio: il primo sempre attivo e allegro, il secondo ogni volta più lento e malinconico. Questo era il mio nuovo mondo.
Tenere divisi questi due personaggi è stato utile, a mio parere. Non ho mai condiviso la teoria degli psicologi che cercano in tutti i modi di farti accettare "la situazione". Non posso accettare la convivenza in me di un qualcosa che mi fa stare male. CR sta bene e non deve fermarsi per aspettare CP che è lento e che fa stare male. Che provi a correre più veloce se vuole raggiungermi, intanto non ce la farà mai. CR sarà sempre davanti. Accettai così la sfida con Mister park.
BIOGRAFIA DELL'AUTORE
Claudio Rabbia nasce a Cuneo il 16 settembre 1956. La sua famiglia è composta da papà Angelo e mamma Lucia, due sorelle più grandi di lui, Concetta ed Elsa, e due fratelli più piccoli, Paolo e Alberto. Terminata la terza media inizia a lavorare nell'azienda agricola di famiglia a Roata Chiusani.
Il 23 maggio del 1981 si sposa con Ivana Revelli e, dalla loro unione, nascono Maurizio nel 1982 e Andrea nel 1986.
All'età di 44 anni, nel 2000, iniziano le prime difficoltà motorie e dopo le prime visite neurologiche, nel 2001, gli viene diagnosticato un "Parkinsonismo". Poco tempo dopo ha la certezza di essere affetto dalla "Malattia di Parkinson".
Dopo un periodo di comprensibile depressione si rialza, grazie alla forza sua e della moglie Ivana che lo spinge a non chiudersi e a continuare a coltivare la loro grande passione, il Tango Argentino.
Nel 2006 Claudio fonda, con l'aiuto di alcuni amici e dei neurologi dell'Istituto Auxologico Italiano di Piancavallo, che lo seguono, l'Associazione Parkinson Lago Maggiore con sede a Pallanza.
Nel 2011 apre una seconda sede a Cuneo diventando "Associazione Parkinson Lago Maggiore, Cuneo e le sue Valli", meglio conosciuta grazie al suo originale e simpatico logo con la lumaca "La Parkimaca", portandolo così a far conoscere e divulgare, in Italia e non solo, la tanto sospirata "Tango Terapia".