VOGLIA DI FAREASSIEME A FOSSANO

Riceviamo alla nostra casella di posta elettronica

menteinpace@libero.it e volentieri pubblichiamo.

 

Buongiorno a tutti,

come suggerito dal Dr. Silvestro vi riassumo la nostra

esperienza e le motivazioni che ci hanno spinto a

richiedervi la disponibilità di qualcuno di voi (operatori , familiari, utenti) ad incontrare a Fossano i

familiari che partecipano ai gruppi di auto mutuo aiuto , al fine di raccontare la vostra esperienza sul

“Fare Assieme” a Cuneo.

Come vi ho anticipato nell’incontro del del 25.02.2014 da 10 anni a Fossano sono attivi 2 gruppi

per familiari in cui operano come facilitatori 1 psicologa, un educatore, un’infermiera e 1 assistente

sociale.

I 2 gruppi si riuniscono ogni 15 giorni il lunedì pomeriggio dalle 15.00 alle 16.30 e il martedì sera

dalle 18.00 alle 19.30.

Oltre agli incontri di auto mutuo aiuto (che avvengono ogni 15 gg. ) ogni anno sono stati proposti

incontri informativi aperti a tutti i familiari che si ritrovano con un congiunto in carico al nostro

CSM, su svariate tematiche relative alla salute mentale.

Su invito della coordinatrice infermieristica Dr.ssa Civalleri alcuni mesi fa ho iniziato a partecipare

agli incontri del “Fare Assieme” facendomi contaminare dall’atmosfera della responsabilità

partecipata che ha contraddistinto i vostri incontri.

Gli incontri del Fare Assieme mi sono piaciuti perchè valorizzano la partecipazione e il

protagonismo di tutti e si sviluppano in un clima di condivisione ricco di affettività.

Durante questi incontri ho ritrovato molti aspetti che in questi anni hanno caratterizzato la

partecipazione dei familiari ai nostri gruppi di auto mutuo aiuto, quali la condivisione delle

esperienze, il desiderio di uscire dalla solitudine individuale, il credere che tutti possiedano un

sapere e che l’esperienza e l’integrazione dei saperi di ciascuno aumenta il sapere collettivo.

Ci piacerebbe pertanto portare a conoscenza dei familiari la vostra esperienza, sul fare assieme

perché pensiamo che molti familiari che da anni partecipano ai gruppi AMA abbiano risorse

importanti da esprimere non solo all’interno dei gruppi ma potrebbero risultare risorse nella

progettazione di interventi che riguardano la comunità.

Partendo dall’ esempio della vostra esperienza ci piacerebbe che il “Fare Assieme” potesse

diventare un modello di lavoro anche per nostro territorio.

Indicativamente l’incontro potrebbe svolgersi nel mese di maggio in orario pre- serale ( ore 18.00

– 19.30 ) in uno dei giorni in cui si riuniscono i gruppi ( lunedì o martedì) .

A maggio le date riunioni saranno : lunedì 12.05 – martedì 13.05 – lunedì 16.05 – martedì 27.05 ma

siamo disponibili a qualsiasi altra vostra proposta di orario.

Per concordare l’intervento potete fare riferimento oltre a me, alla Referente dei gruppi AMA di

Fossano Dr.ssa Lodi Susanna.

(Tel. CSM FOSSANO 0172/62742).

Vi ringrazio fin da ora.

 

Ass. sociale

 

Claudia Canale

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Gustavo Pietropolli Charmet

L'insostenibile bisogno di ammirazione

 

2018 Collana Tempi Nuovi, Edizioni Laterza

 

In pochi anni e con un'accelerazione imprevedibile è successa una catastrofe: sono spariti il Patriarcato e il suo rappresentante più noto, il Padre. Il loro posto è stato occupato dal Sé, è lui che comanda e sancisce il giusto dall'ingiusto. L'individuo, insensibile alle regole e alle leggi e in assenza di grandi narrazioni condivise, pretende di realizzarsi e di ottenere con facilità ricchezza, benessere e potere sociale. Se nelle società del passato l'urgenza era quella di adeguarsi alle regole e alla legge del Padre, oggi il desiderio più profondo dei ragazzi - ma sempre di più anche degli adulti - è quello di suscitare ammirazione. E se non c'è l'ammirazione, c'è la vergogna: risulta intollerabile l'idea di essere considerati brutti, insignificanti, privi di fascino. Alla caduta dell'etica condivisa ha corrisposto l'enfasi sull'estetica, sul potere della seduzione, sull'esibizione spudorata di doti spesso inesistenti. Ecco perché oggi la paura di essere inadeguati, di non essere all'altezza delle aspettative, di non essere desiderabili, è divenuta la causa più diffusa di sofferenza mentale.

 

L'Autore

 

Gustavo Pietropolli Charmet è uno dei più importanti psichiatri e psicoterapeuti italiani. È stato primario in diversi ospedali psichiatrici e docente di Psicologia Dinamica all’Università Statale di Milano e all’Università di Milano Bicocca. Nel 1985, con l’appoggio di Franco Fornari e con altri soci, ha fondato l’Istituto Minotauro di cui è stato presidente fino al 2011 e di cui è tuttora socio. Attualmente, presso il Minotauro, è docente della Scuola di Psicoterapia dell’Adolescenza ARPAD ed è il Direttore Scientifico del Consultorio per Adolescenti. A Milano è Presidente del C.A.F. Onlus - Centro Aiuto alla Famiglia in Crisi e al Bambino Maltrattato - e Direttore clinico del Progetto TEEN Comunità Residenziale e Centro Diurno. È Direttore Scientifico della collana “Parenting” della BUR – Rizzoli e della collana “Adolescenza, educazione, affetti” dell’Editore Franco Angeli; ha diretto la collana “Biblioteca dei genitori” del Corriere della Sera. È autore di numerosi saggi sull’adolescenza e dal 2014 è Direttore Scientifico del Festival della Mente di Sarzana.