IL MIO NOME È NESSUNO. L’anonimato, figlio dell’irresponsabilità

 

Quando il ciclope gli aveva chiesto come si chiamasse, il Greco aveva risposto

 

“Odusseus”, vale a dire “ Nessuno”, sicchè il povero Polifemo non ricevette alcun aiuto, quando si mise a urlare che nessuno lo stava acciecando….

 

 

 

Faremo la fine di Polifemo, noi tutti preda dell’anonimato diffuso?

 

Superata quella che fino a qualche mese fa era la “ Società liquida” , siamo giunti, mi sembra, alla Non- Società, un complesso amorfo di esseri viventi, esseri privi anche di quella elementare connotazione che è “  il  nome”.

 

 

 

E’ sparita anche la voglia di protagonismo, per cui si cercava il quarto d’ora di fama, il proprio nome  tra quelli dei partecipanti al Grande Fratello, il nome di famiglia nel giornaletto di paese, anche se solo in occasione della morte….

 

 

 

E’sparito quell’accenno di buona educazione per cui al telefono ci si qualificava con nome e cognome, visto che si stava entrando in casa d’altri…..

 

 

 

Tutto finito, tutto inghiottito dalla maschera di Anonymus, tutto livellato verso lo stato di ameba, verso la mancanza di responsabilità, e quindi di individualità.

 

 

 

Vuoi far sapere al mondo che non ti piace il tuo vicino di casa, che pensi che il bottegaio non paghi le tasse, che sai di non poter chiedere la fattura al dentista? Che problema c’è? Una bella denuncia rigorosamente anonima, ed avrai soddisfatto le tue voglie senza correre alcun rischio.

 

C’è una persona famosa che vorresti distruggere, per puro vandalismo, senza un’ombra di giustificazione? E’ facilissimo, twitta, cinguetta, nasconditi dietro un soprannome e tutto il mondo virtuale registrerà la tua esistenza.

 

 

 

Ci si stupisce della volgarità del web? Perché stupirsi, quando è evidente che il poter ottenere dei risultati senza mai venire allo scoperto, senza mai dover dire: “ Io, Simonetta Dutto….penso che,,,”, non può che favorire la parte vigliacca di noi, quella frustrata e repressa per mancanza di dignità, quella che ritiene  sempre di essere vittima della sfortuna, e non anche della propria incapacità?.

 

 

 

Finiremo come Polifemo, brancolando ciechi nel buio, e quando avremo mal di denti, quello assai poco virtuale, nessuno cinguetterà con noi per farci dimenticare il dolore…anonimi tra sconosciuti, davanti alla tastiera di plastica non potremo che proclamare “ il mio nome è Nessuno “,e forse capiremo che siamo diventati Nessuno.

 

 

 

 

 

Simonetta Dutto

 

 

 

Laboratorio di scrittura creativa

 

Laboratorio Siddharta-MenteInPace

 

Cuneo

 

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------