STAI CERCANDO DI DARE VOCE AL TUO DOLORE

 

 

 

Riflessi del dolore dell’anima sul corpo

 

 

 

Riceviamo alla nostra casella di posta elettronica menteinpace@libero.it e volentieri pubblichiamo.

 

 

 

Rovistando tra gli scatoloni ho ritrovato vecchie foto... Sei apparsa tu, con i grandi occhi chiari, un sorriso pieno e le guanciotte rosse, un viso paffuto di bimba incorniciato da due treccine bionde...
Eri bella, così bella quando sorridevi e quando la tua risata echeggiava in tutta la casa.
Eravamo così diverse, tu sempre riservata, un po' timida, silenziosa...
Sei cresciuta, siamo cresciute, lontane, ed ora di te mi restano quelle poche fotografie e qualche biglietto...
Mi restano i tuoi occhi, la tua allegria...
Mi resta il ricordo di quanto oggi non c'è più..
Perché di quello che eri non resta altro che pantaloni vuoti, un sorriso spento ed un viso scavato.
Così bella sei appassita così in fretta, nel pieno della tua giovinezza, in quell’etá in cui tutto dovrebbe essere possibile ancora...
Non hai più la forza e probabilmente neanche più la voglia di sorridere
Grammo dopo grammo, chilo dopo chilo, hai perso quell'allegria e quella spensieratezza che tanto ti invidiavo.
Chiusa in te stessa non lasci spiragli, persa a cercare quella forma perfetta...
O più probabilmente stai cercando disperatamente il modo di dare voce al tuo dolore.
Tu che avresti capacità ed intelligenza per realizzare tutti i tuoi sogni... Hai scelto il modo più terribile per dar voce a quanto ti uccide da dentro...
Ti stai allontanando, in silenzio, e ci lasci incapaci di tenderti la mano...
Mentre lo sguardo si offusca davanti al tuo viso di bimba ancora incontaminato da quello che é il mondo di fuori non mi resta che tornare col ricordo a quella che eri.
Cercando di dare un nome a quell’urlo silenzioso che ti sta portando via gli anni più belli...

 

 

 

Catrinel Dragoste

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Ted Belfield (martedì, 24 gennaio 2017 10:05)


    Hello There. I found your blog using msn. This is a really well written article. I'll be sure to bookmark it and come back to read more of your useful info. Thanks for the post. I'll certainly comeback.

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:44982

 

TOTALE VISITE: 65307

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 37

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni52

 

Dati aggiornati

al 24-02-2020

PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

Dall'indice: 

 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento! 

 

LA CARBONARA PERFETTA

 

Gli spaghetti alla carbonara sono, insieme alla torta di mele, la prima ricetta che abbia mai realizzato tutta da sola. L’imperativo, secondo mio padre, era di non scaldare assolutamente il composto di uova, pena la coagulazione delle stesse e l’effetto “uova strapazzate” che tanto non ci piace! Ecco alcuni, semplici, accorgimenti per non sbagliare e per ottenere una carbonara a regola d’arte!

 

Per la ricetta ed il video tutorial clicca su:

https://unabloggerincucina.it/la-carbonara-perfetta/