BIBLIOTECA PER GLI UTENTI

La Comunità Psichiatrica Riabilitativa di Ceva inaugura un Punto Biblioteca, con accesso e possibilità di prestito di alcune centinaia di volumi, a partire dal   17 aprile. La biblioteca  è dotata di numerosi volumi di lettura, in particolare: saggi divulgativi, romanzi di varia ambientazione, romanzi classici, best sellers e libri di attualità, raccolte fotografiche. Il patrimonio librario si è accumulato nel corso degli anni, frutto del passaggio di vari utenti che hanno lasciato a disposizione dei compagni i testi avuti in lettura per regalo o acquistati nel corso della degenza. Un decisivo contributo alla crescita della biblioteca è poi stato offerto da donazioni di privati che hanno consentito di accumulare materiale decisamente superiore a quello che si può trovare nelle comuni abitazioni. Commenta il dott. Raffaele Gozzi, promotore del progetto: “D'altronde, la lettura è sempre stata considerata una attività centrale nella riabilitazione psicologica e cognitiva delle persone reduci da periodi di grave sofferenza mentale. Infatti i libri consentono alle persone, anche a quelle che sono più timorose, di mettersi in gioco nelle relazioni con gli altri per paura della disillusione o per sentimenti di inadeguatezza, di non sentirsi mai completamente soli e ignorati”. “Nella lettura – continua il dott. Gozzi - si realizza un rapporto reale tra autore e lettore, anche a grandi distanze di spazio e di tempo. Chi scrive lo fa immaginando che qualcuno lo legga, e chi legge sa di essere oggetto dell’attenzione particolare della scrittore. La lettura è quindi un’apertura alla comunicazione con l’altro, e nello stesso tempo sviluppa sensibilità, capacità di empatia e di identificarsi con gli altri, ampliamento del bagaglio esperienziale. Ma anche occasione di instaurare relazioni reali, attraverso le azioni concrete del prestito, della recensione, del commento, della condivisione di giudizi”. Per questi motivi il personale della Comunità Psichiatrica Riabilitativa di Ceva ha deciso, grazie allo sforzo di alcuni ospiti e volontari che si sono offerti di effettuare gratuitamente un notevole lavoro di revisione dei volumi, catagolazione, schedatura e sistemazione in spazi appositamente dedicati, di istituire un vero e proprio Punto Biblioteca. Il Punto Biblioteca è rivolto in primis a tutti gli utenti delle strutture riabilitative e di incentivazione al benessere mentale. Il dott. Raffaele Gozzi: “Si ringraziano tutti coloro che hanno collaborato con donazioni, lavoro personale e consigli”.

Fonte: www.cuneocronaca.it

Link: http://www.cuneocronaca.it/news.asp?cat=34 

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

142.956

Dati aggiornati al 27-11-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Alessia Gallo 

Dalla sponda sbagliata

Fusta, 2022

Nico è un adolescente difficile. La sua famiglia lo rigetta: madre e padre stanno sfiorando la separazione e se ne fregano del suo futuro. Suo fratello e sua sorella evitano la sua quotidianità di sbandato: salta sempre scuola insieme a Raffo e Apo, suoi inseparabili amici. Nico è un randagio che dà calci in faccia a tutti. Poi incontra Filippo, lo sfigato attaccato alle gonne di mamma. Nico e Filippo hanno una cosa in comune: sono omosessuali. E con il tempo ne avranno anche altre: si ameranno e soffriranno l'essere emarginati dalla società. Chi è forte? Il bullo che si vergogna a farsi vedere dagli amici insieme allo sfigato di cui è cotto? Oppure lo sfigato che se ne fotte del giudizio altrui?

Alessia Gallo è una ragazza di diciassette anni, vive in provincia di Cuneo con la sua famiglia. Frequenta il 4° anno delle superiori al Grandis.

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------