IL PROGETTO “ASSIEME SI PUÒ”

 

Dal mese di aprile dello scorso anno abbiamo iniziato alcune delle attività previste:

 

- incontri di cucina – hanno luogo presso il Q.I Centro di incontro giovanile, otto finora. I volontari, coinvolgendo anche loro conoscenti, organizzano incontri a tema che vengono proposti agli utenti del Centro Diurno del Servizio di Salute Mentale in incontri presso il Centro Diurno medesimo in collaborazione con gli operatori. Il venerdì due/ tre volontari acquistano quanto sarà utilizzato il giorno successivo. Il sabato ci si ritrova alle 10 per cucinare insieme, volontari ed utenti, ed insieme pranzare, riassettare, chiacchierare.

 

Si registra una buona partecipazione di utenti, mediamente una diecina per incontro.

 

- corso di danze occitane – tre incontri presso il salone del quartiere Donatello. Ha coinvolto numerosi familiari e volontari di MenteInPace e DiAPsi ed un numero di utenti piuttosto ridotto. Mediamente cinque/sei per incontro. Per questo motivo è stata fatta una nuova proposta :

 

- canto corale – con accompagnamento musicale, tre incontri presso il salone del quartiere Donatello. Anche questi poco frequentati dagli utenti ( quattro/cinque per incontro).

 

- animazione teatrale – due incontri presso il parco “la Pinetina”, in estate, organizzati e gestiti da volontari dell’Associazione IPAZIA  con partecipazione di utenti ancora bassa.

 

- visite a musei, castelli e chiese etc…:

 

- Robilante – laboratorio di scultura dell’artista Giancarlo Risso, museo della fisarmonica, con pranzo al sacco

 

- Borgo S. Dalmazzo – museo dell’Abbazia di Pedona

 

- Saluzzo – Casa Cavassa e Chiesa di S. Giovanni

 

- Manta – Castello e Santa Maria.

 

Buona la partecipazione di utenti ( otto/dieci per uscita) accompagnati da tre/quattro volontari.

 

- slow trekking  - una camminata al Pian delle Gorre con pranzo al sacco – dodici utenti, un operatore e quattro volontari.

 

- gruppo giovani – le uscite sono state finora cinque ( il sabato sera)  e sono precedute da incontri di coordinamento e preparatori cui partecipano i ragazzi interessati ( dieci), gli operatori ( cinque a turno interessati), volontari (tre ) coordinati da uno psicologo. Le uscite vengono preparate con cura in relazione alle maggiori difficoltà legate all’età degli utenti interessati ed al loro coinvolgimento nella scelta e nella fase organizzativa.

 

Maggiore in questa attività anche il coinvolgimento degli operatori del Centro Diurno.

 

- incontro volontari e psicologo ( sino ad ora uno ) finalizzato a verificare quanto è stato fatto, discutere le difficoltà emerse e cercare soluzioni.

 

- Trento – 19-20-21 settembre 2013 – coinvolte trenta persone tra utenti, familiari, operatori e volontari, con presenza anche di volontari di Fossano e Savigliano. Visita alle strutture del Servizio di Salute Mentale di Trento ed incontri con operatori e volontari.

 

- Tavolo del Fareassieme – Riunioni periodiche presso il Centro Diurno del Servizio di Salute Mentale cui partecipano mediamente una trentina di persone tra utenti, famigliari, operatori e volontari di Cuneo, Savigliano, Fossano e Mondovì. Non è previsto dal progetto ma in realtà lo affianca e lo sostiene: nelle riunioni vengono presi in considerazione anche iniziative e problemi relativi ad “ Assieme si può”.

 

 

 

Riteniamo positivo il numero elevato di volontari coinvolti, il fatto di organizzare gran parte delle attività fuori dalle strutture psichiatriche venendo facilmente a contatto con la cittadinanza.

 

Alcune attività proposte hanno riscontrato scarso gradimento verosimilmente perché impegnavano eccessivamente persone con problemi vari e difficoltà di socializzazione.

 

Non sempre facile il coordinamento in relazione all’elevato numero di persone coinvolte.

 

Si è provato a cambiare le attività proposte che non trovavano un adeguato livello di gradimento coinvolgendo maggiormente gli utenti.

 

Sono stati programmati periodici incontri fra volontari ed operatori per dare una risposta a difficoltà di

 

tipo organizzativo.

 

Mario Silvestro, Presidente MenteInPace Cuneo

 

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------