INCONTRO FRA DIRIGENTI DEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

 

Presso l’Ospedale SS. Annunziata a Savigliano si è svolta, a fine aprile, una riunione fra Direttori della Psichiatria della Provincia di Cuneo, aperto alle associazioni di volontariato, di familiari, utenti, operatori e cittadini. Erano presenti responsabili e dirigenti della psichiatria di Cuneo, Savigliano, Alba, Mondovì, Ceva oltre a rappresentanti di Comunità Terapeutiche e Case di Cura private accreditate e di associazioni di volontariato (Diapsi di Savigliano-Saluzzo-Fossano e di Cuneo, Avo di Ceva, MenteInPace di Cuneo). Tale incontro aveva il compito di  pronunciarsi su alcune domande da proporre ai vari candidati alle elezioni regionali del 25 Maggio.

I lavori sono stati aperti dal coordinatore dell’incontro, il quale ha ricordato che in tutto il Piemonte si avranno tali riunioni. Ha dato lettura delle domande che, in sintesi, trattano:

 

1- di quali prestazioni saranno garantite come Livelli Essenziali di Assistenza;

2- dell’integrazione fra servizi sanitari e socio assistenziali;

3- delle priorità del servizio pubblico alla luce dei tagli;

4- del superamento delle diffidenze in vista di possibili accorpamenti fra servizi diversi;

5- del rapporto fra servizi psichiatrici pubblici e strutture del privato sociale o imprenditoriale

6- dell’istituzione di una Consulta regionale per la Salute Mentale come organo consultivo permanente dell’Assessorato alla sanità, costituita da rappresentanti delle Associazioni di volontariato, operatori del pubblico e del privato;

7- del riconoscimento di un Coordinamento regionale dei Direttori dei Servizi di salute mentale come organo consultivo permanente dell’Assessorato alla sanità.

 

Nel corso della discussione è emerso come sia pericoloso ragionare in termini di priorità, poiché si darebbe risalto alle patologie più rilevanti, tralasciando le situazioni marginali. Si è sottolineata, da parte di alcuni interventi, la necessità di non medicalizzare i bisogni ed il malessere psicosociale. Altri invece hanno evidenziato la necessità di avere una visione delle risorse utilizzabili per l’assistenza in relazione all’importanza di una psicoeducazione di utenti, familiari ed operatori. È emerso il tema del “dopo di noi”, preoccupazione segnalata da familiari in relazione al futuro dei loro congiunti affetti da patologia psichiatrica qualora si trovino senza supporti parentali.

Da parte dei dirigenti medici si è trattato della necessità di essere disponibili a modificazioni organizzative, accorpamenti, liaison tra strutture pubbliche e private in un’ottica che prediliga approcci domiciliari individualizzati. Si è rimarcata la necessità di coinvolgere i servizi sociali nella gestione e nella compartecipazione delle spese.

Occorre, è stato sottolineato, mettere in discussione il concetto di cronicità per un suo ridimensionamento ed eventuale superamento in un’ottica di recovery, anche confrontandosi con altre realtà territoriali che attuano buone pratiche in psichiatria privilegiando le strutture territoriali.

Ci si è lasciati con l’intenzione di proseguire questa impostazione di confronto fra responsabili delle strutture psichiatriche e associazioni di volontariato.

 

Gianfranco Conforti, MenteInPace Cuneo

 

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

30084

TOTALE VISITE

45592

Dati aggiornati

al 19-03-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

PolisAnalisi.

Una clinica del sociale

 Filippo Pergola 

Leonardo Seidita 


pubblicato da Franco Angeli

Economia impazzita, distruzione della madre terra, xenofobia, sessismo, fondamentalismi, terrorismo hanno concause comuni. Peste emozionale, fuga del tempo, obesità tecnologica configurano un corpo sociale affetto da depressione mascherata da accelerazione. Le crisi generano identità fragili, ansietà, rancore, immobilismo e quindi paranoia: per semplificare i conflitti cerchiamo capri espiatori, costruendoci dei nemici e innalzando muri. Ogni situazione politica è espressione di un parallelo problema psichico presente in milioni d'individui; a sua volta ogni personalità è anche frutto del portato della storia e di visioni del mondo nel contesto sociale di appartenenza. Tutto quello che avviene nella città (polis) è un insieme di fatti psichici. La Polisanalisi è un cammino per ampliare le visioni (il capitale semiotico) e favorire l'empatia e la bellezza nell'incontro con l'Altro, dato che la quantità di violenza è proporzionale alla ristrettezza del proprio punto di vista. Una clinica per permettere una cittadinanza terrestre vissuta in fiducia, reciprocità e cooperazione; interconnettendoci con il locale, il globale, la natura. Una cura per riattivare desiderio e speranza attraverso la condivisione di doni (comunità). Iniziamo la lettura chiedendoci: che domanda poniamo all'Altro con la nostra storia e che domanda l'Altro ci pone con la sua storia?