L’ACCAREZZATRICE

Giorgia Wurth racconta la vita di un’assistente sessuale per disabili

 

L'attrice e conduttrice tv ha scritto un libro in cui descrive la vita di Gioia, giovane donna che svolge un lavoro ancora tabù per l'Italia. Il testo si ispira a storie reali ed è stato costruito grazie alle testimonianze di Max Ulivieri (Love Ability.it) e Lorenzo Fumagalli.

 

La storia di Gioia che di mestiere fa “l’accarezzatrice”. In Italia è una figura professionale che ancora non esiste (anche se presto verrà fatta una proposta di legge per introdurla anche nel nostro Paese), ma Giorgia Wurth ha deciso di dedicargli un libro. L’ultimo romanzo dell’attrice e conduttrice tv infatti racconta della vita di un’assistente sessuale, ovvero di una persona adeguatamente formata che offre la possibilità alle persone disabili di esplorare il proprio corpo attraverso abbracci, massaggi, esperienze intime e sensuali fino a giochi erotici e masturbazione. In Svizzera, Danimarca, Olanda e Germania è da oltre dieci anni un lavoro come tutti gli altri, mentre in Italia ancora è un tabù. “Accarezzatrice è un termine poetico per descrivere l’assistente sessuale”, racconta a ilfattoquotidiano.it l’autrice. “L’ho scelto perché la carezza esprime bene la natura di questi incontri, che hanno più a che fare con la sensualità che con la sessualità. A volte semplicemente ci si abbraccia per ore“. L’autrice ha scoperto l’esistenza di questa figura professionale cinque anni fa, mentre era in Svizzera, e l’ha resa protagonista del suo libro. “Spesso la si paragona a una prostituta. La differenza sta nella formazione: esistono corsi di circa due anni con medici, psicologi e sessuologi che rendono la persona in grado di interfacciarsi non solo col disabile, ma anche con i medici e le famiglie”.

“Nel caso dell’autismo, prima di approdare alla sfera sessuale, bisogna intercettare un codice di comunicazione, così come fa Gioia, protagonista del libro, ex infermiera vittima della crisi, quando s’imbatte in Paolo, ragazzo autistico che decide di aiutare”. La Wurth descrive un contesto medico e assistenziale realistico e documentato. Nelle pagine del libro la protagonista incontra Fabio, disabile gay di vent’anni che vive un doppio apartheid. “Ha una disabilità gravissima e non muove più niente, tranne l’organo sessuale. Il padre, all’oscuro della sua omosessualità, fa di tutto per renderlo felice. Prova invano con i regali. Sarà Gioia ad aiutarlo ad affrontare il genitore e gli presenterà un assistente uomo”.

Nel libro si parla anche di Rosaria e Salvatore, una coppia affetta da SLA. “La moglie chiama l’assistente sessuale per il marito, perché intervenga laddove lei non è più in grado di dare piacere al suo uomo. E a quel punto Gioia si chiede: è una forma di perversione estrema o il più alto dei gesti d’amore?”. L’autrice affronta anche il tema degli abusi sui disabili negli istituti. “A volte il malato li accetta e non denuncia perché è l’unico modo per avere uno sfogo sessuale“. Parla anche delle madri che, in assenza dell’”accarezzatrice” e laddove le prostitute si fermano dinanzi all’handicap, devono intervenire per aiutare i figli quando manifestano gravi disagi come masochismo, esibizionismo e forme di violenza. “Sono situazioni contro natura. Racconto la storia vera di Diana, madre di Luigi, un ragazzo spastico. Una donna meravigliosa che, lasciata dal marito, ha vissuto in prima persona un’esperienza con un uomo con la stessa patologia del figlio. E ne parla come uno dei momenti migliori da un punto di vista affettivo e sessuale della sua vita. Compresa sulla sua pelle la sessualità di un disabile, ha mortificato negli anni la sua femminilità per apparire agli occhi del figlio il meno attraente possibile”.

Per scrivere il libro la Wurth ha chiesto il contributo e sostegno di Lorenzo Fumagalli, assistente sessuale svizzero, e di Max Ulivieri, ideatore di www.loveability.it e responsabile del “Comitato per la promozione dell’assistenza sessuale”. Dopo aver ricevuto visibilità da stampa e tv, la battaglia del comitato è arrivata in Senato e, grazie all’appoggio del deputato Sergio Lo Giudice (Partito Democratico), si è trasformata nel disegno di legge n° 1442, “Disposizioni in materia di sessualità assistita per persone con disabilità”. Un passo avanti perché l’assistenza sessuale diventi una libera scelta e la sessualità un diritto per tutti.

 

Angela Cotticelli

Link: http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/23/laccarezzatrice-giorgia-wurth-racconta-la-vita-di-unassistente-sessuale-per-disabili/961992

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 97913

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 75

Dati aggiornati

al 13-06-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 GIOVANNI MARIA FLICK, MAURIZIO FLICK

ELOGIO DELLA FORESTA

Dalla selva oscura alla tutela costituzionale

Il Mulino

 

Il nuovo Testo Unico in materia di Foreste e Filiere forestali (d.lgs. n. 34/2018) offre l’occasione per approfondire il tema dell’evoluzione della vita della foresta nel suo incontro-scontro con gli obiettivi dell’uomo. Il diritto interviene in questa relazione col suo ruolo regolatore, ricercando un punto di equilibrio tra la funzione ambientale e quella economico-produttiva e superando le polemiche che le scelte del legislatore hanno provocato tra gli studiosi della materia. Con un linguaggio piano e accessibile il libro approfondisce alcune tra le questioni giuridiche maggiormente dibattute a livello forestale e ambientale e le loro premesse di ordine costituzionale. Si analizzano le problematiche legate alla governance nella tutela della foresta, così come viene affrontato il tema della frammentazione delle proprietà boschive. Fra la categoria dei beni privati e quella dei beni pubblici si affaccia quella dei beni comuni; ne vengono prospettati pregi e difetti, prospettive di sviluppo e collegamenti con le tradizioni e con il principio di solidarietà. Si ipotizza poi un nuovo approccio alla «fiscalità ambientale», affinché venga abbandonata la funzione soltanto disincentivante e risarcitoria del tributo e vengano invece maggiormente apprezzate e incentivate le condotte virtuose. Si evidenziano i principi richiamati con decisione dall'enciclica «Laudato si'» di papa Francesco e il sempre più importante ruolo dell’Unione Europea rispetto all’ambiente e in particolare nell’azione di contrasto al commercio illegale del legno. Si guarda, infine, al futuro approccio del mondo economico-finanziario rispetto alle tematiche ambientali.

Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte costituzionale, ministro della Giustizia nel governo Prodi I, è professore emerito di diritto penale. È autore di monografie sui temi della Costituzione, della giustizia, dei rapporti fra diritto penale ed economia, della criminalità organizzata, dei diritti umani e del diritto ambientale. Maurizio Flick, avvocato, è presidente della Camera civile di Genova. Collabora dal 2005 con la cattedra di Diritto civile dell’Università della medesima città, dove insegna nella Scuola di specializzazione per le professioni legali.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI