PROROGATA UN’ALTRA VOLTA LA CHIUSURA DEGLI OPG

 

Un «autentico orrore indegno di un paese appena civile». Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, definiva gli Ospedali psichiatrici giudiziari (Opg) nel discorso di fine anno del 2012. A distanza di quasi due anni, il capo dello Stato esprime nuovamente «rammarico», questa volta per aver dovuto firmare il decreto che prevede lo slittamento della chiusura dei sei Opg attivi a livello nazionale dal 2014, come previsto dalla legge, al 2015.

Una proroga, varata dal Consiglio dei ministri, motivata dal fatto che non sono ancora state realizzate nelle Regioni le residenze per la riabilitazione previste come alternativa agli Opg, le cosiddette Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (Rems), che tuttavia, secondo varie associazioni, non rappresentano la soluzione al problema. La proroga, sostiene il Comitato StopOpg, «protrae solo la sofferenza» dei circa mille detenuti-pazienti ancora internati nelle sei strutture. 

«Ho firmato con estremo rammarico il dl di proroga», ha affermato Napolitano, motivando il proprio stato d’animo «per non essere state in grado le Regioni di dare attuazione concreta a quella norma ispirata a elementari criteri di civiltà e di rispetto della dignità di persone deboli». E «ho accolto con sollievo - ha proseguito - interventi previsti nel decreto-legge di ieri per evitare ulteriori slittamenti e inadempienze, nonché per mantenere il ricovero in ospedale giudiziario soltanto quando non sia possibile assicurare altrimenti cure adeguate alla persona internata e “fare fronte alla sua pericolosità sociale”». Anche il Prc e il Pd criticano il rinvio: «Il rammarico del Presidente Napolitano per il decreto che proroga di un anno la chiusura degli Opg non è sufficiente. Questa ulteriore proroga - sottolineano Paolo Ferrero e Nando Mainardi di Rifondazione Comunista - rischia di far perdere credibilità a qualunque tentativo di superamento degli Opg». Parla di un «traguardo di civiltà che appare ancora lontano” la deputata Vanna Iori del Pd ed Ermete Realacci, dello stesso partito, sottolinea la necessità di affrontare la questione in modo «risolutivo». Il rinvio è una «proroga della vergogna di Stato» per Michele Saccomanno, ex senatore della XIV legislatura e relatore dell’inchiesta sugli Opg. 

Dal canto loro, le Regioni si difendono: «Il rammarico del Capo dello Stato è anche il mio. Tuttavia non si può dare un giudizio generalizzato, alcune Regioni hanno lavorato per raggiungere l’obiettivo, altre no», ha commentato l’assessore alla Sanità della Liguria, Claudio Montaldo, mentre l’assessore alla sanità delle Marche, Almerino Mezzolani, precisa che la Regione si è subito «attivata» per il superamento degli Ospedali giudiziari. La svolta tuttavia, sostengono varie associazioni, non potrà certo arrivare dalla realizzazione delle Rems. Da qui la proposta del presidente dell’associazione Antigone, Patrizio Gonnella, di «destinare parte dei fondi stanziati per la realizzazione delle nuove strutture, oltre 100 mln ad oggi inutilizzati, ai dipartimenti di salute mentale, perché possano prendere in carico le persone non più pericolose che ancora sono internate». Sulla stessa linea il responsabile Cgil per le politiche della Salute, Stefano Cecconi: «Le Rems dovrebbero rappresentare una misura residuale,  per i soli oggetti pericolosi. Al contrario - afferma - andrebbero potenziati i servizi di salute mentale sul territorio».

 

 

 

Fonte:www.lastampa.it

link: http://www.lastampa.it/2014/04/01/italia/politica/opg-da-napolitano-s-alla-proroga-ho-firmato-con-estremo-rammarico-g9e3HKCfUez8rMzVUVUGYN/pagina.html

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.363

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 102

Dati aggiornati

al 01-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI