IO STO CON LA SPOSA

Riceviamo da m.piantadosi@libero.it alla nostra casella di posta elettronica menteinpace@libero.it e volentieri pubblichiamo.

 

«Un film documentario ma anche un’azione politica, una storia reale ma anche fantastica. “Io sto con la sposa” è tutte queste cose insieme» (Internazionale) 

Non ci credeva nessuno. E invece il più grande crowd-funding della storia del documentario italiano sta andando alla grande. In una sola settimana, “IO STO CON LA SPOSA” ha raccolto più di 25mila euro su Indiegogo. Grazie ai primi 837 piccoli donatori, che con una media di trenta euro a testa ci hanno portato fin qua. E il bello deve ancora arrivare. Perché la nostra comunità cresce ogni giorno. La nostra pagina facebook conta già 8.523 persone. E ogni giorno si aggiungono nuovi compagni di viaggio. Nuovi complici di un sogno impossibile. Il sogno che un giorno il Mediterraneo smetta di ingoiare le vite dei suoi viaggiatori e torni ad essere un mare di pace, un mare dove tutti siano liberi di viaggiare, e dove nessuno divida più gli uomini e le donne in legali e illegali.

Scopri anche tu il progetto di IO STO CON LA SPOSA, il docufilm di Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry che racconta il finto corteo nuziale che ha beffato la fortezza Europa portando da Milano a Stoccolma cinque palestinesi e siriani in fuga dalla guerra travestiti in abiti da gala. Con una piccola donazione puoi diventare anche tu produttore dal basso di questo film. Il nostro obiettivo è raccogliere 75mila euro per chiudere il film entro il 20 giugno e iscriverlo al festival di Venezia. In cambio offriamo una serie di premi, dal download del film alla maglietta, dalla locandina al dvd, ma soprattutto i vostri nomi sui titoli di coda. Perché un giorno possiate dire che voi c'eravate. Che avete partecipato alla più discussa operazione di disobbedienza civile sulla frontiera. Un'operazione che metterà a processo non soltanto noi tre registi per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, ma anche tutto il nostro immaginario sul confine. 

Marco Piantadosi

Asti


Per saperne di più del progetto di crowd funding:

http://igg.me/at/iostoconlasposa/x/6580290 

La nostra pagina facebook: 

https://www.facebook.com/pages/IO-STO-CON-LA-SPOSA/614167855342727 
Il trailer del film: 

http://youtu.be/dv93D83aps4  
Il nostro canale su  youtube: 

https://www.youtube.com/channel/UC7jvHNvciWRdAOk9ZC5cL2A

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Gustavo Pietropolli Charmet

L'insostenibile bisogno di ammirazione

 

2018 Collana Tempi Nuovi, Edizioni Laterza

 

In pochi anni e con un'accelerazione imprevedibile è successa una catastrofe: sono spariti il Patriarcato e il suo rappresentante più noto, il Padre. Il loro posto è stato occupato dal Sé, è lui che comanda e sancisce il giusto dall'ingiusto. L'individuo, insensibile alle regole e alle leggi e in assenza di grandi narrazioni condivise, pretende di realizzarsi e di ottenere con facilità ricchezza, benessere e potere sociale. Se nelle società del passato l'urgenza era quella di adeguarsi alle regole e alla legge del Padre, oggi il desiderio più profondo dei ragazzi - ma sempre di più anche degli adulti - è quello di suscitare ammirazione. E se non c'è l'ammirazione, c'è la vergogna: risulta intollerabile l'idea di essere considerati brutti, insignificanti, privi di fascino. Alla caduta dell'etica condivisa ha corrisposto l'enfasi sull'estetica, sul potere della seduzione, sull'esibizione spudorata di doti spesso inesistenti. Ecco perché oggi la paura di essere inadeguati, di non essere all'altezza delle aspettative, di non essere desiderabili, è divenuta la causa più diffusa di sofferenza mentale.

 

L'Autore

 

Gustavo Pietropolli Charmet è uno dei più importanti psichiatri e psicoterapeuti italiani. È stato primario in diversi ospedali psichiatrici e docente di Psicologia Dinamica all’Università Statale di Milano e all’Università di Milano Bicocca. Nel 1985, con l’appoggio di Franco Fornari e con altri soci, ha fondato l’Istituto Minotauro di cui è stato presidente fino al 2011 e di cui è tuttora socio. Attualmente, presso il Minotauro, è docente della Scuola di Psicoterapia dell’Adolescenza ARPAD ed è il Direttore Scientifico del Consultorio per Adolescenti. A Milano è Presidente del C.A.F. Onlus - Centro Aiuto alla Famiglia in Crisi e al Bambino Maltrattato - e Direttore clinico del Progetto TEEN Comunità Residenziale e Centro Diurno. È Direttore Scientifico della collana “Parenting” della BUR – Rizzoli e della collana “Adolescenza, educazione, affetti” dell’Editore Franco Angeli; ha diretto la collana “Biblioteca dei genitori” del Corriere della Sera. È autore di numerosi saggi sull’adolescenza e dal 2014 è Direttore Scientifico del Festival della Mente di Sarzana.