UN QUADRO MAGICO

Un giorno stavo passeggiando e ho visto un cielo così azzurro ma così azzurro che sembrava una cartolina, non so neanche perché (ormai siamo tutti organizzati di macchina fotografica essendo presente su tutti i cellulari) ho girato gli occhi in su e ho cominciato a fare foto al sole, ed ecco qua il risultato:

Davvero incredibile, questo effetto ottico rende questa foto “magica”!!!!!

Quindi per questa fantastica foto un quadro di “klimt” mi pare perfetto, per l’accostamento di colori e non solo … sapete già che agisco di impulso e a dire il vero mi capita di trovare più di un quadro di questo pittore he mi affascina anche se non lo lascio mai integro, ma gioco con le sue figure.

Dunque…dunque… lo prendo imprestito, e comincio a lavorarci su, è una cosa quasi inspiegabile quando mi innamoro di un immagine non posso fare a meno di trasportarla su legno … e poi questo sarà un quadro “magico”. Forse mi piace particolarmente “Klimt” perché le persone che lui rappresenta, non sono ben definite, non sono né grasse, né magre. Quando guardo ci vedo una gran confusione di persone, colori, immagini, mi ricorda molto la mia confusione mentale e soprattutto sembra che lui non abbia nessuna intenzione di mettere ordine.

Certo, se questo lo legge un critico d’arte si spaventa!!! Se lo legge una persona “malata di disturbi alimentari – di depressione” invece, secondo me mi dà ragione, perché noi, o almeno io sono una eterna confusa, che non sa quale è il suo posto. E’ come se dovessi trovare un identità che vada bene per gli altri, io mi sento perennemente in colpa e così vivo pensando cosa vorrebbero gli altri da me, ma non mi chiedo mai … ma io cosa voglio, o meglio quando la smetterò di scappare e affronterò la realtà?

In questi quadri, non ‘è bisogno di avere un abbigliamento particolare, puoi essere grasso o magro e nessuno se ne accorge, puoi essere felice o depresso, ma questi visi non lasciano trapelare nulla.

Un'altra cosa che mi piace che gioca con colori molto vivaci e a me questi piacciono, non è proprio normale per una persona depressa amare i colori vivaci ma io per il viola e l’arancio impazzisco … e chi mi conosce bene lo sa’!

Devo dire che se uno di voi ha voglia di dare un’occhiata alle mie rappresentazioni vedrà che io spazio dal grigio al rosso, arancio, verde … non uso sempre gli stessi colori è soprattutto per me è  importante che leghino bene tra di loro e con il tema che voglio esprimere. Questo spiega come io tenga all’apparenza, ma ho due unità di misura, una per gli altri e una per me stessa.

I miei quadri normalmente sono più intensi, oserei dire, ma vi assicuro che anche questo ha la sua importanza interiore. Innanzitutto quando ho scattato la foto stavo passeggiando da sola in una regione che non era la mia, in quanto stavo cercando di sicuro non la soluzione ai miei problemi, ma una chiamiamola “mano” per superare un periodo di quelli “voglio scappare dal mondo”

Non vi succede mai di dire basta, mollo tutto ma proprio tutto e sparisco, magari tra quelle figure contorte di quei quadri? A me purtroppo succede sovente e ultimamente sempre di più… E QUESTO FA’ PAURA.

Torniamo alla foto, non ne scatto solo una e a dire il vero non le guardo neanche subito, per me era solo un passatempo. Quando poi riprendo in mano il cellulare mi viene in mente, e per pura curiosità cosa si può vedere di una foto scattato al sole. Ohhhhhhhhh!!!!!! Ma è incredibile in questa foto c’è il sole, gli alberi mha…. Il sole ha i petali, sembra una grossa margherita, e poi sulla pianta sembra un fiore a campanella. Bhe, devo dire che la faccio vedere a tutti, anche con un po’ di orgoglio, è così bella!!!

Allora penso alla magia della natura, quello che normalmente l’occhio umano non può vedere, quello che gli altri non possono vedere, ma se avessero una macchina fotografica magica, scattandoci una foto vedrebbero, sì proprio così: io guardavo il sole (e con fatica) ma non vedevo nulla di più … e così credo che sia anche per la gente che ci vive vicino, ci guarda con fatica ma non ci vede nulla di così strano, anzi meglio fare gli indifferenti così non dobbiamo cercare delle risposte.

Quindi viviamo in un mondo di indifferenti, che preferisce non scattare foto al sole altrimenti potrebbe succedere di vedere qualche cosa di diverso… e le risposte alcune volte fanno male.

Sebj

MenteInPace, Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 109.569

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 115

Dati aggiornati

al 27-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Farhad Bitani

L'ultimo lenzuolo bianco

Edizioni Neri Pozza

 

«Sono tante, forse troppe, le cose che ho visto nei miei primi trentatré anni di vita. Adesso le racconto. Ho lasciato le armi per impugnare la penna. Traccio i fatti senza addolcirli, senza velarli. Dopo aver vissuto l’infanzia, l’adolescenza e la prima giovinezza nell’ipocrisia, ho un tremendo bisogno di verità».

Inizia così la sconvolgente testimonianza di Farhad Bitani, ex capitano dell’esercito, un giovane uomo che ha attraversato da osservatore privilegiato la storia dell’Afghanistan: dal potere dei mujaheddin ai talebani fino al governo attuale, che vive sotto l’ombrello occidentale.
Farhad nasce a Kabul nel 1986, ultimo di sei fratelli. Suo padre è un generale dell’esercito di Mohammad Najibullah Ahmadzai, il quarto e ultimo presidente della Repubblica Democratica dell’Afghanistan. Ma, con la presa del potere da parte dei 
mujaheddin, nel 1992, le cose cambiano. Solo rinnegando il passato e diventando un mujahed, il padre di Farhad avrà salva la vita.

Da quel momento l’esistenza del giovane Farhad cambia radicalmente. La sua famiglia si trasferisce in una grande casa, presidiata dagli uomini della scorta. È a loro che Farhad chiede in prestito le armi, per i suoi giochi di bambino. Quello che sogna è un futuro da combattente, alla testa di un manipolo di uomini. Sparare, uccidere, avere potere e ricchezza: non c’è nulla che desideri di più. Ma le cose sono destinate a mutare ancora. Quando i talebani strappano il potere ai mujaheddin, la sua famiglia cade in disgrazia. Mentre suo padre si trova in prigione, Farhad conosce la fame, la miseria, l’indottrinamento forzato all’Islam. Condotto allo stadio, viene costretto ad assistere alle lapidazioni del venerdì, le punizioni per gli infedeli, coloro che trasgrediscono le leggi del fondamentalismo. Sarebbe facile cedere all’imbarbarimento, credere a ciò che viene inculcato, diventare come coloro che professano la pace, alimentando la guerra. Ma se fosse possibile un destino diverso? Si può attraversare l’inferno e uscirne redenti?
Da guerriero islamista a dialogatore per la pace, attraverso questo libro possente e drammatico Farhad Bitani offre al mondo il vero volto dell’Afghanistan, raccontando in maniera vivida la guerra civile, la violenza gratuita, le perversioni del potere e l’uso della religione come strumento politico. 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI