UNA GIORNATA DIVERSA Gita alla Venaria Reale

Sabato 17 Maggio 2014.

Dopo aver avuto difficoltà con la sveglia, tramite passaggio mi sono ritrovato per l’appuntamento a partecipare, con altre diciotto persone più l’autista, alla gita organizzata per andare a Venaria Reale in provincia di Torino.

Tempo splendido già dalle prime ore del mattino. Tra le persone di varia età ho trovato una buona relazione fra tutti. Il viaggio è durato poco più di un’ora e trenta. Arrivati abbiamo fatto una pausa caffè e una passeggiata nei dintorni per scoprire vie, piazze e un po’ di cultura. Bella la passeggiata nel Parco, con foto ricordo nella natura ed in particolare fra i fiori. Stupendo il panorama delle Alpi ed anche il laghetto dove vi erano alcuni cigni molto belli e molto fotografati.

In seguito, dopo il pranzo al sacco, abbiamo visitato il Castello dietro ad una guida per circa due ore e trenta. Ci ha spiegato tutta la storia dei Savoia, dagli inizi in poi, i vari passaggi di tutti i personaggi, uomini e donne, coinvolti in quel periodo e le varie dinastie. La guida, dopo averci detto che aveva trovato un gruppo molto attento e che era stata molto contenta del suo lavoro, ci ha ringraziati e salutati.

Stanchi ma molto felici di aver partecipato a questo viaggio siamo rientrati augurandoci che capiti ancora qualche altro ritrovo tra amici, per fare gruppo, o altre gite accompagnate da una nota culturale.

Perché, secondo me, sfruttare ogni occasione per comunicare ed essere amici tra generazioni diverse, senza fermarsi solo e sempre agli aspetti materiali, è molto importante.

 

Roberto Pacifico, MenteInPace, Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.