4° FESTA ANTIRAZZISTA A SALUZZO (CN

 

Domenica 6 luglio si è svolta a Saluzzo, in una atmosfera di relax e di allegria,  la 4° Festa antirazzista. Il pomeriggio è iniziato con una partita multietnica di calcio, giocata sul campo dell’Auxilium di via S. Agostino, con la partecipazione di una rappresentanza di quegli africani che convergono a Saluzzo per la raccolta della frutta.  Da metà pomeriggio in poialcuni banchetti davano informazioni sui temi che stanno più a cuore ai migranti, e cioè la salute, i problemi connessi al lavoro e alle leggi, e i corsi di italiano organizzati dal Comitato antirazzista che desidera fornire ai lavoratori stranieri gli elementi per comunicare nella nostra lingua. Il Comitato lavora in collaborazione con la Caritas e con la ASL locale. Sono  state allestite una tendopoli (in quanto i proprietari di immobili si rifiutano di affittare agli africani, benché il Comitato garantisca il pagamento degli affitti) e una mensa per le necessità più urgenti. Si vuole che i migranti, che provengono soprattutto dal Mali, dal Burkina Faso e dal Gambia, sentano il calore dell’accoglienza. La popolazione della città, come prevedibile,  era praticamente assente alla festa. Insomma una giornata di serenità e di solidarietà nei confronti di chi proviene spesso da situazione tragiche, dittature e miseria endemica.

 

La Redazione di MenteInPace

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

30084

TOTALE VISITE

45592

Dati aggiornati

al 19-03-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

PolisAnalisi.

Una clinica del sociale

 Filippo Pergola 

Leonardo Seidita 


pubblicato da Franco Angeli

Economia impazzita, distruzione della madre terra, xenofobia, sessismo, fondamentalismi, terrorismo hanno concause comuni. Peste emozionale, fuga del tempo, obesità tecnologica configurano un corpo sociale affetto da depressione mascherata da accelerazione. Le crisi generano identità fragili, ansietà, rancore, immobilismo e quindi paranoia: per semplificare i conflitti cerchiamo capri espiatori, costruendoci dei nemici e innalzando muri. Ogni situazione politica è espressione di un parallelo problema psichico presente in milioni d'individui; a sua volta ogni personalità è anche frutto del portato della storia e di visioni del mondo nel contesto sociale di appartenenza. Tutto quello che avviene nella città (polis) è un insieme di fatti psichici. La Polisanalisi è un cammino per ampliare le visioni (il capitale semiotico) e favorire l'empatia e la bellezza nell'incontro con l'Altro, dato che la quantità di violenza è proporzionale alla ristrettezza del proprio punto di vista. Una clinica per permettere una cittadinanza terrestre vissuta in fiducia, reciprocità e cooperazione; interconnettendoci con il locale, il globale, la natura. Una cura per riattivare desiderio e speranza attraverso la condivisione di doni (comunità). Iniziamo la lettura chiedendoci: che domanda poniamo all'Altro con la nostra storia e che domanda l'Altro ci pone con la sua storia?