IL PROGETTO COFFEE BAG

Riceviamo alla nostra casella di posta menteinpace@libero.it e volentieri pubblichiamo.

 

 

 

 

Il progetto Coffee Bag nasce come laboratorio artigianale all’interno delle attività svolte da DIAPSIVercelli

 

 L’idea di creare un laboratorio è stata la naturale evoluzione di un percorso che intende inserire o reintegrare nel mondo del lavoro le persone che vivono o hanno vissuto un disagio psichico (molte attività sono fatte anche per i familiari ma questa è proprio rivolta a chi vive direttamente la sofferenza).

Sì perché, il nostro obiettivo è soprattutto quello di recuperare, e lo vogliamo fare in diversi

ambiti:

1 – recuperare chiunque abbia perso, anche momentaneamente, il suo benessere psichico, perriuscire ad offrirgli un nuovo inizio.

 

2 – recuperare a livello ecologico, perché dovendo realizzare un laboratorio artigianale ci siamo concentrati sulla creazione di borse e accessori, realizzati con le buste del caffè che normalmente diventerebbero rifiuto indifferenziato.

 

3 – recuperare ed instaurare nuove relazioni tra la cittadinanza e l’associazione: questo è il punto in cui TI vorremmo vedere partecipe delle nostre attività e sostenitore del nostro progetto: ogni TUO piccolo gesto servirà a infondere fiducia ad una persona, sarà un grandissimo risultato, e anche TU potrai dire di esserne stato PROTAGONISTA!

 

Per maggiori info visita: www.coffeebag.it

 

DiAPsi Vercelli

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28553

TOTALE VISITE

43558

Dati aggiornati

al 22-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Famiglie sospese. Sostenere la genitorialità di fronte ai disturbi mentali degli adulti

 

di F. TasselliM. PercudaniA. Zanobio (a cura di)

 

Descrizione del libro

I figli di persone affette da disturbo mentale sono maggiormente esposti al rischio di sviluppare a loro volta una qualche forma di malessere psichico. Inoltre, come si può facilmente immaginare, per questi genitori è significativamente più difficile provvedere alle esigenze di natura fisica, psicologica ed emotiva dei propri figli durante il percorso di crescita. Questo volume vuole analizzare la tematica del riconoscimento e del sostegno alla genitorialità di quanti sono affetti da una psicopatologia così che, attraverso un lavoro di ordine educativo e riflessivo, si possa raggiungere una finalità preventiva e protettiva rispetto alla trasmissione di una sofferenza psichica ai figli. Negli ultimi decenni, infatti, in molti Paesi si sono realizzati interventi preventivi per questi minori e per le loro famiglie proprio al fine di incrementare i fattori protettivi, promuovere un sano sviluppo e ridurre conseguentemente il rischio di sviluppare disturbi mentali. Il libro raccoglie molteplici contribuiti di esperti nazionali e internazionali - con puntuali riferimenti a modelli preventivi fondati su evidenze scientifiche - e offre una diversa prospettiva della trasmissione transgenerazionale delle problematiche psichiche. Molteplici sono i destinatari di questo testo: in primis, gli operatori della salute (psichiatri, neuropsichiatri infantili, psicologi, medici di medicina generale, pediatri, infermieri, educatori, assistenti sociali) che troveranno, per la prima volta, indicazioni aggiornate e sistematizzate per lavorare anche in direzione preventiva. Inoltre, il libro vuole essere un utile strumento per insegnanti e operatori delle scienze dell'educazione interessati e coinvolti nelle problematiche relative alla prevenzione dei disturbi mentali nei bambini e negli adolescenti. Infine, il libro è dedicato ai genitori che presentano un disturbo psichico: anche se non sono in cura, sanno di essere sofferenti ed è importante che inizino a preoccuparsi e ad occuparsi della salute mentale dei loro figli.