IL RIFUGIO SOCIALE ERTERLE IN TRENTINO

Riceviamo alla nostra casella di posta elettronica menteinpace@libero.it  e volentieri pubblichiamo.

 

L’idea

Un Progetto promosso da Associazione Montagna Solidale, fondata da otto realtà coinvolte nel sociale di Trento.

Cooperative sociali: Progetto92, La Rete, Laboratorio sociale, Villa S.Ignazio, Samuele, Associazioni: A.m.a., La Panchina, A.m.a Salute Mentale

Il principio guida

Crediamo nella grande valenza sociale che la montagna ha nei confronti di tutti, ancor più per le persone che vivono una situazione di fragilità.

Caratteristiche del rifugio

La struttura dispone di n. 24 posti letto suddivisi in 6 camere

Sala da pranzo da 40 persone e tavoli all’aperto

Grandi prati circondano il rifugio

Ospitiamo

Organizzazioni sociali, famiglie, amanti della montagna.

Sono gradite le prenotazioni.

Prezzi e servizi

Apertura da maggio a ottobre (date da definire in base alla stagione)

Prezzi 2014 a persona

• pernottamento (obbligatorio sacco lenzuolo) e colazione 22 euro

• mezza pensione 36 euro

(cena a menù fisso, pernottamento e colazione, bevande escluse)

• pranzo al sacco o a menù in base alle esigenze (prezzi da listino)

Preventivi per gruppi organizzati

Bambine/i fi no a 3 anni gratuito, dai 3 ai 10 anni sconto 30%

Cucina casalinga aperta dalle 12 alle 20.00. Servizio bar “da rifugio”

Rifugio Erterle

Loc. Cinquevalli, 38050 Roncegno Terme (Tn) raggiungibile in auto.

Luogo ideale di partenza per numerose escursioni nel gruppo Lagorai, meta del trekking Alta Via del Porfido. Possibili escursioni guidate per gruppi organizzati, previo accordo con il gestore.

contatti

Isabella e Piero +39 333 93 51 482

rifugioerterle@gmail.com

 

www.rifugioerterle.com

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------