LA LUNA

È lei che per tutto l’anno

si presenta col suo volto

in quattro modi diversi senza fare danno.

Può presentarsi col primo quarto

che quasi pensi

vado su me la prendo me la incarto

come se fosse un dono regale, mica male.

Ne puoi anche vedere mezza

e ti piace senza alcuna incertezza.

Poi si cambia in tre quarti

che non è una frazione

ma guardandola ti provoca un’emozione.

E infine quella piena, bella, luminosa

nonché rotonda che paragonata ad un quadro d’autore

la affiancheresti alla Gioconda.

Ti può essere di estrema utilità

se guardi la terra e la sua fertilità.

Un buon aiuto anche morale personale

per sapere se qualcosa è andata bene oppure male.

La puoi vedere anche lieta e giocosa

in quel caso potrebbe capitarti una storia amorosa

soprattutto se sei singolo e all’acqua di rosa.

La luna in tutti i casi è bella da vedere

per il tuo gusto e il tuo piacere.

Non dimenticare mai il cuore perché

se fai una bella passeggiata al chiaro di luna

con una amica a cui hai regalato un fiore

bellissimo ricco di tenerezza e candore

stai tranquillo, prima o poi sboccerà l’amore.

 

Roberto Pacifico

 

 

(dal libro: Parole per ricominciare, Edizioni MenteInPace, B-Graf Centrostampa, Racconigi, aprile 2014)

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.