LE DONNE SONO MERAVIGLIOSE

Donna vestita di candidi

fiori

rubati al vento.

Rapita

Amata

e mai ritrovata.

Incubo nella mia mente

per un gelido abbraccio

per dirti ti amo.

Ma tu te ne vai

senza dir nulla.

Perché le donne

lo sanno da prima

e vogliono sentire un poco di più

al limite del piacere

al limite che noi uomini

non andiamo

perché son donne

e sono meravigliose.

Riescono a giocare con l’amore

e capire per prime

cosa succede nel cuore di un uomo.

Perché son donne

E sono meravigliosamente

Belle.

Quella speciale lo sa da prima

quando è il momento

di muoversi

e farsi avanti.

Perché son donne

e sono meravigliose.

 

Andrea Castellino 

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Alda Merini

 

IL SUONO DELL'OMBRA

Mondadori

 

Poetessa amatissima, personaggio trasgressivo e commovente che ha saputo parlare direttamente al cuore del popolo, Alda Merini ha rappresentato un caso del tutto particolare nella storia letteraria del Novecento italiano. In questa ricca antologia, che ne raccoglie tutti gli scritti importanti in poesia e in prosa, sono riproposte per intero le raccolte poetiche degli inizi: "La presenza di Orfeo" (1953), "Nozze romane" (1955), "Paura di Dio" (1955), "Tu sei Pietro" (1962), nelle quali si intrecciano temi mistici e slanci erotici, interrogativi estremi senza risposta. Il volume comprende poi notissimi e più recenti titoli come "Vuoto d'amore" (1991), "Ballate non pagate" (1995), "Superba è la notte" (2000) e "Il carnevale della croce" (2009). In questi versi l'autrice conferma la potenza della sua lirica, estranea a qualunque "linea" o "corrente", nella quale si mescolano passione e tenerezza, ironia e sarcasmo, gioco e disperazione, nel segno di un'urgenza assoluta di fare poesia. Le prose autobiografiche "L'altra verità" (1986) e "Lettere al dottor G." (2008), infine, testimoniano la straziante discesa negli inferi del manicomio.