LENZUOLA DI SETA BIANCHE CON LE ALI D'ORO

La storia di Alberto non è diversa da quella della gran parte degli adolescenti. Possiamo dire un po' più intrigante. 
E' cresciuto nella bolla d'aria dei suoi genitori: amore, sobrietà, serenità, serietà. 

Già quando incomincia le scuole dimostra parsimonia. Ma già in quella giovane età era portato ad approfondire la storia e la scienza. 
Oggi ha superato con buonissimi voti la seconda liceo Scientifico. Non fraintendetemi; Alberto non è un "secchione". Ha solo la capacità, quando studia, di concentrarsi e memorizzare tutto facilmente.

Veste come tutti gli adolescenti: jeans larghi che scendono in vita, fino ad infilarsi in enormi, alte, colorate scarpe da ginnastica. Magliette o giubbotti super colorati. Oggi che ha sedici anni non ama ancora parlare del suo privato. Neanche di un suo piccolo amore nascosto. 

Parlavamo della sua passione per la scienza e la storia. Ora alla sua età, con l'arrivo dei computer, è molto più facile soddisfare le sue ricerche. Le immagini che ha sempre solo visto sui libri, ora le vede in modo professionale. Spesso, alla sera, stupisce suo padre. "Sai papà' quanti chilometri ci sono fra la Terra e Saturno?". Oppure:" sai quanto dura il giro di Plutone intorno al sole?”. E così via. Il padre lo ascolta orgoglioso. 
La sua nonna, per il suo compleanno, gli regala una cosa emozionante: un periscopio professionale. Alberto abita in collina e la sua camera da letto è il luogo ideale per scrutare il cielo. Così tutte le sere assapora l'emozione di guardare le stelle. Con l'aiuto del computer incomincia a chiamarle per nome. Più volte la mamma l’ha scoperto, a tarda sera, ancora sveglio, intrigato nella sua passione. 

Una notte si sveglia di sobbalzo. Guarda la finestra e vede provenire dal cielo una moltitudine di lampi multicolori. Si avvicina, non si udiva nessun tuono e non pioveva. Prende il suo periscopio e con grande sorpresa vede una moltitudine di corpi che si accendono e si spengono. Emanano tutti i colori dell'arcobaleno. Le loro ali sono fatte da lenzuola di seta bianche con le ali d'oro. Volano, volteggiano, si incrociano, sino a compiere un grande balzo e scomparire nell'universo. 
Con grande emozione, Alberto si infila nel letto. Il giorno dopo va a scuola agitato. Tra sé e sé dice “e' stato un sogno”. 
Alla sera decide, dopo cena, di andare subito a letto. 
Ma nel bel mezzo della notte si sveglia. Guarda la finestra ed eccole nuovamente le solite luci colorate che compongono un paesaggio irreale. Questa volta, un po' spaventato, si mette sotto le coperte. 

Il giorno dopo chiede a sua madre se può' invitare il fido amico Luciano per passare il fine settimana insieme. Per la mamma nessun problema. 
Il sabato pomeriggio si divertono un mondo. Giocano a basket, fanno una lunga passeggiata nei boschi con il cane Ketti. 
Dopo la merenda guardano un film di fantascienza. Quando ci si diverte il tempo vola. È  già  ora di cena. 

Stanchi della giornata salgono in camera. Parlano del più e del meno mentre si addormentano. Nel bel mezzo della notte Alberto si sveglia e guardando la finestra vede il solito spettacolo. Col periscopio appaiono i soliti esseri luminescenti. 
Alberto sveglia subito l’amico.

"Luciano, presto vieni alla finestra!!"

Lui assonnato si alza e chiede "Cosa c'è?".

"Guarda, guarda che meraviglia!".  

Luciano guarda nel periscopio e dice:" Io non vedo nulla. Se non sapessi che sei astemio,  direi che hai le allucinazioni" poi si butta a letto e continua a dormire. 

Non ti preoccupare Alberto. Tu non hai le allucinazioni, né altra malattia. Anzi, al contrario sei fortunato ad avere mantenuto una cosa che, sia tra gli adulti che tra i giovani, sta scomparendo: LA  FANTASIA.

 

Massimo Fornasini, MenteInPace Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    oreste (domenica, 20 luglio 2014 20:50)

    È un bellissimo elogio della fantasia tramite uno scritto creativo. La fantasia è frutto della creatività o viceversa?

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

38008

TOTALE VISITE

55821

Dati aggiornati

al 24-08-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Vittorino Andreoli

LA GIOIA DI VIVERE

A piccoli passi verso la saggezza

 

Rizzoli Editore

283 pagg. € 12,00

 

https://www.rizzolilibri.it/libri/la-gioia-di-vivere-3/

 

Di fronte allo scorrere del tempo e alle difficoltà la maggior parte di noi si lascia schiacciare dalla “fatica di vivere”: siamo sempre in azione e mai soddisfatti, continuamente spinti – e insieme sopraffatti – dalle ambizioni, dalle circostanze, dalle paure. C’è però chi, al contrario, sa reagire anche nei momenti più complicati, confrontandosi con ciò che l’esistenza dona e trovando l’equilibrio che porta alla “gioia di vivere”. Proprio questa “gioia di vivere” è al centro del libro di Andreoli, che qui delinea un percorso per aiutarci a sviluppare la capacità, che tutti abbiamo dentro, di passare dalla dimensione dell’“io” a quella del “noi”, di coltivare i nostri legami e guardare in faccia il presente, liberandoci dai desideri irrealizzabili che rimandano sempre la gioia al futuro e dai rimpianti che ci respingono nel passato. Perché la scelta tra vivere male e vivere bene è nelle nostre mani e, se lo vogliamo, è possibile imparare a godere in tutta la sua pienezza di ciò che accade dentro e fuori di noi.

 

Note sull'Autore

Vittorino Andreoli, psichiatra di fama mondiale, è stato direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona - Soave ed è membro della New York Academy of Sciences. Tra le sue ultime opere pubblicate in BUR: Le nostre paure (2011), Elogio dell’errore (2012, con Giancarlo Provasi), Il denaro in testa (2012). Con Rizzoli ha pubblicato decine di saggi. Tra gli ultimi compare L'educazione (im)possibile (2014).