EVVIVA LA LIBERTÀ

Riceviamo alla nostra casella di postamenteinpace@libero.itevolentieri pubblichiamo.

 

Mi chiamo Mattioli e sono autrice dell’autobiografia Emergere (Edizioni Psiche 2 di Torino, anno 2008 – ndr) pubblicata qualche anno fa. Spero che qualcuno di voi si ricordi di me. Ora ho scritto, ma non pubblicato, un nuovo testo, Pozzi aperti nella campagna, che prende le mosse da un evento autobiografico, un ricovero di pochi giorni in un reparto di Diagnosi e Cura fra il 2010 e il 2011, per proseguire con un’esposizione più decisa, rispetto ad Emergere, delle mie idee.

Innanzitutto prendo le distanze dal motto o slogan che dir si voglia de Le parole ritrovate e che si trova scritto sulle T-shirt del movimento, Un ramo di follia fa più bello l’albero della vita. Questa affermazione contrasta con la mia esperienza di vita dove la malattiaha sensibilmente peggiorato il mio tenore di vita ed i miei rapporti sociali.

L’opera, di cui non intendo qui fare il riassunto, tende a divenire una sorta di saggio in cui nego risolutamente l’utilità dei ricoveri nei reparti di Diagnosi e Cura. Anzi talvolta questi ricoveri sono dannosi. Mi sono poi rifatta alle parole dell’antipsichiatra Szasz: “La giustificazione contemporanea standard per l’ospedalizzazione mentale coercitiva è che l’individuo è pericoloso per se stesso e per gli altri. Questa frase combina due problemi che non sono in rapporto tra di loro. In una società libera un individuo deve avere il diritto di fare del male a se stesso o di uccidersi….. . Se qualcuno vuole uccidersi, deve poterlo fare sempre. Perciò è attualmente impossibile privare gli uomini del loro “diritto” di uccidersi. ….Se una persona si uccide, il suo suicidio tende a essere visto come prova di malattia mentale e come avvenimento che si sarebbe potuto evitare. …Vedere il problema del suicidio soltanto dal punto di vista medico è essere ciechi verso i suoi aspetti morali e psicosociali. Mentre l’essere “pericolosi per se stessi” non dovrebbe mai essere considerata una ragione legittima per privare un individuo della propria libertà, l’essere “pericolosi per altri”, se ciò coinvolge l’infrangere la legge è la maggiore ragione per farlo.” (Thomas S. Szasz, Legge, libertà e psichiatria, Giuffrè Editore, Milano 1963, pag. 320). Nella Genesi Dio ha creato l’uomo e la donna liberi nel Paradiso terrestre, liberi di aderire al Bene osservando il divieto di prendere frutti dall’albero del Bene e del Male o liberi di peccare, disobbedendo a Dio. Ma perché se Dio ha lasciato l’uomo libero fin dalle origini, lo psichiatra detiene un potere superiore a quello di Dio volendo inculcare nel paziente l’amore per la vita? E Sant’Agostino scrive: “Non sarebbe appunto né peccato né atto virtuoso l’azione che non si compie con la volontà. Conseguentemente, se l’uomo non avesse la libera volontà, sarebbero ingiusti pena e premio. Fu necessario dunque che tanto nella pena come nel premio ci fosse la giustizia poiché questo è uno dei beni che provengono da Dio. Fu necessario quindi che Dio desse all’uomo la libera volontà.” (Sant’Agostino, Il libero arbitrio, Città Nuova Editrice, Roma, 1992, Libro II,1,3 pag.211). E Stuart Mill nel suo famoso Saggio sulla libertà scrive “…l’umanità è giustificata,…..,a interferire sulla libertà d’azione di chiunque soltanto al fine di proteggersi: il solo scopo per cui si può legittimamente esercitare un potere su qualunque membro di una comunità civilizzata, contro la sua volontà, è per evitare danno agli altri. Il bene dell’individuo, sia esso fisico o morale, non è una giustificazione sufficiente. (…) Il solo aspetto della propria condotta di cui ciascuno deve render conto alla società è quello riguardante gli altri: per l’aspetto che riguarda soltanto lui, la sua indipendenza è, di diritto, assoluta. Su se stesso, sulla sua mente e sul suo corpo, l’individuo è sovrano.”

Questi sono alcuni, fra altri motivi, che ho trovato a fondamento del diritto alla libertà del singolo, anche se malato psichico, contro la segregazione psichiatrica. Di questi e altri temi ho argomentato in Pozzi aperti nella campagna (dove i pozzi sono appunto i Reparti di Diagnosi e Cura.)

Ma voglio informarVi che con grande ingenuità ho partecipato con questo testo al Concorso Storie di Guarigione 2013 organizzato dall’Associazione “Far Pensare” Emanuele Lomonaco in collaborazione con il Comune di Biella, la Provincia di Biella, l’A.S.L. di Biella (Dipartimento di Salute Mentale), Città Studi Biella, ecc... Le opere partecipanti sono state lette da psichiatri per cui chiaramente la mia non è stata minimamente considerata. Questo mi ha fatto molto pensare. Si è parlato di “lotta al pregiudizio” nei riguardi dei malati psichici e poi cosa si fa? Si indice un concorso che pone come discriminante fra i malati la guarigione o l’andare verso la guarigione. Nel

bando del Concorso si trova proprio scritto:”Sono ammessi a partecipare tutti coloro che abbiano avuto un’esperienza personale e diretta con il disagio mentale, con una evoluzione favorevole delle proprie condizioni, verso la guarigione.” Si mettono i malati psichici contro i malati psichici, addirittura si premiano quelli che stanno guarendo e quindi sono in una posizione favorita rispetto a quei poveracci che potrebbero raccontare solo monotone storie di sofferenza o di ricaduta. Sono contenta di non aver ricavato neanche un ultimo posto in quel Concorso.

Perché comunque non sarebbe stato il mio.

 

Elisabetta Valeria Mattioli

 

Modena

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

Josè Saramago

SAGGIO SULLA LUCIDITA'

Feltrinelli

IV edizione, 2015

 

Leggere Saramago non è agevole; la sua scrittura è originale, come una lunghissima riflessione fatta a voce alta o meglio a voce stampata.

Pur essendo la punteggiatura volutamente anomala si capisce il senso dei dialoghi. Questo romanzo, pur ambientato a Lisbona, è molto attuale se si guarda l'esito delle ultime elezioni politiche in Italia.

Cosa potrebbe succedere di fronte ad una vera e propria rivolta dei votanti, pur nel rispetto del formalismo elettorale? Come potrebbe reagire il potere istituzionale?

Vorrei citare due frasi che ritengo paradigmatiche.

 

"Se avevano votato come avevano votato era perché erano delusi e non trovavano altro modo per far capire una volta per tutte fino a che punto arrivava la delusione".

(pag. 96)

 

"Si domandino davanti allo specchio se magari non siano di nuovo cieche, se questa cecità, assai più vergognosa dell'altra, non le stia deviando dalla giusta direzione, spingendole verso il disastro estremo che sarebbe il crollo forse definitivo di un sistema politico che, senza che ci fossimo accorti della minaccia, conteneva sin dall'origine, nel suo nucleo vitale, cioè, nell'esercizio del voto, il seme della propria distruzione o, ipotesi non meno inquietante, di un passaggio a qualcosa di completamente nuovo, sconosciuto, tanto diverso che, lì, allevati come siamo stati all'ombra di routine elettorali che per generazioni e generazioni sono riuscite a schivare quello che ora vediamo essere uno dei suoi assi più importanti...".

(pag. 165)

 

Le elezioni di cui parla l'Autore hanno dato un esito possibile ma significativo: una maggioranza schiacciante, attorno all'ottanta per cento, di schede bianche. Ciò determina reazioni esagerate da parte dei partiti, specie di quello al governo. 

Questo romanzo è da leggere dopo aver letto l'altra opera di Saramago, Cecità, poiche è praticamente la sua continuazione.

 

Gianfranco Conforti

 

Cosa succede a un paese se alle elezioni i cittadini decidono in massa di votare scheda bianca? Quali ingranaggi vengono sollecitati fino alla rottura, quali contromisure andranno messe in atto? Se lo chiede José Saramago con questo straordinario romanzo, avvincente come un giallo e penetrante come un’analisi (fanta)politica. L’ipotesi più accreditata è che ci sia un legame fra questa “rivolta bianca” e l’epidemia di cecità che, solo quattro anni prima, si era diffusa come la peste. Gli indimenticabili protagonisti di Cecità fanno quindi ritorno, per condurci in un viaggio alla scoperta delle radici oscure del potere. Un viaggio che ci fa gettare uno sguardo nuovo e spietato sui meccanismi del mondo nel quale esercitiamo (o crediamo di esercitare) ogni giorno la nostra libertà.