NON E' STATO UN ERRORE!

Ed eccoci ancora una volta insieme, per commentare questo quadro un po' particolare. Un amico mi ha chiesto: "ma questo quadro nasce da un errore?" ed ecco qua': abbiamo trovato il titolo adatto.

Ultimamente purtroppo ho molto tempo , perché sono senza lavoro e, a dirla tutta, per problemi di sonno.

Ho fatto un quadro "collage" molto impegnativo, il quale mi teneva tutte le ore dedicate a questa attività ma non mi dava la possibilità di sfogare la mia rabbia.

Una sera mi sono presa del tempo in più e ho fatto quello che era tutto il giorno che la mia testa e il cuore mi suggerivano: ho preso un semplice barattolo color rosso porpora e l'ho

vuotato su un pezzo di compensato nero e, quando è stato asciutto, l'ho graffiato qua e là.

Per quelli che mi conoscono bene ha due significati e per voi che state leggendo ne rivelerò uno.

Ci sono cose così intime, che certe volte è impossibile scriverle su carta.

Il colore rosso, come ho già detto altre volte, significa dolore ma quella sera non ha avuto solo un significato: dolore-esasperazione-consapevolezza di "stare male".

I graffi: "il mio famoso grido in silenzio".

Svuotare quel barattolo, era come svuotare me stessa, vedere correre e gocciolare il colore mi sembrava che i miei sentimenti più profondi si spalmassero su quel quadro, sembrava un fiume di lacrime chiuse dentro di me che avesse deciso di uscire all'improvviso tutte dal mio cuore, tutte insieme.

Già, ci sono "MALATTIE DEL CUORE", non solo un amore non corrisposto, ma un profondo malessere che ti accompagna, ti tiene per mano (anche questa è una malattia del cuore), ma ha qualche cosa di diverso: si alza al mattino con te e ti ricorda subito, che ci sono lacrime che aspettano di lasciare i tuoi occhi, aspettano solo che qualcuno le ascolti, ma non a tutti tu permetti di entrare nel tuo cuore, solo e specialmente le 

persone che ti vogliono bene.

Lo sapevate che le lacrime si ascoltano? Io l'ho imparato da poco, ma ho visto persone guardarmi piangere in silenzio e ascoltare il mio più profondo malessere.

Direte voi, ma come è possibile tutto questo? Questa donna non ha voglia di guarire, invece non è così, vi cito un testo che ho fatto mio:

"IO SONO INSOPPORTABILE SONO UN DISASTRO.

SONO TALMENTE DIFFICILE DA NON CAPIRMI,

TALMENTE FORTE CHE NEMMENO SAPREI DISTRUGGERMI.

CREDI SIA FAILE ENTRARE NEL MIO CUORE?

LE DISTRUZIONI SONO STATE IL MIO RINNALZAMENTO.

MI DISTRUGGO E MI RIALZO!"

Questa sono io, una qualsiasi che non vuole vedersi negli specchi, grassa o magra (quel terribile "gioco"che alcuni medici si limitano a chiamare yo-yo), quando il cibo diventa come l'alcool per un alcolista, non puoi farne a meno, mangi fino a stare male, e poi ti dici:

non lo faccio più (come fanno i bimbi con le mamme).......mah!!!!! lo rifai...lo rifai e

continui....

Questa è "bulimia" e non viaggia mai sola, la depressione è una degna compagna.

Io nel mio  percorso ho incontrato tantissime persone "normali" (se esiste una normalità) e altre persone come me che tutti i giorni si alzano e devono iniziare una lotta con se stessi, indossare quella famosa maschera che ho già menzionato altre volte.

Un bel sorriso stampato in faccia e il buio nel cuore e cominciano la loro giornata, se è possibile evitano di uscire, evitano di farsi toccare in qualsiasi modo dalle persone care, perché si sente talmente diversa che non vuole contatti fisici, si sente in colpa, si fa schifo.

Solo l'altro giorno ho chiesto a una persona molto competente: "ma io tornerò mai normale"???

Ricomincerò a vivere e vuotare un barattolo GIALLO SOLE, a dire “ho vinto io!!!!” e vedere tanti raggi espandersi su quella tavola nera, al posto delle lacrime.

 

Sebj

 

MenteInPace, Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

37623

TOTALE VISITE

55298

Dati aggiornati

al 17-08-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Le ragazze sono cambiate

 

Le nuove adolescenti nel  mondo reale e virtuale

a cura di

Gustavo Pietropolli Charmet, Elena Paracchini,

Roberta Spiniello, 

Aurora Rossetti

 

Postfazione di

Davide Comazzi

 

Franco Angeli Edizione

 

Le ragazze di oggi sognano ancora il principe azzurro? Che ruolo hanno il gruppo dei pari e il web nell'affrontare i compiti evolutivi? Come si fa a crescere quando i limiti sono così sfuocati in seguito alla caduta del patriarcato? E perché le ragazze rimandano così a lungo il loro desiderio generativo? Queste sono alcune delle domande a cui il libro cerca di dare risposte o spunti di riflessione. Le ragazze oggi diventano donne attraverso percorsi diversi da quelli tracciati dalle loro mamme e dalle loro nonne. Seguendo queste impronte, gli autori - terapeuti del Consultorio Gratuito del Minotauro - ci propongono alcune riflessioni nate dal confronto con le adolescenti incontrate durante gli anni di attività clinica del Servizio. Dai racconti di digiuni, tagli e di altri importanti attacchi alla nascente corporeità pubere femminile è infatti nato il bisogno di capire cosa stia succedendo fuori dalla stanza della terapia, ovvero in che modo i cambiamenti avvenuti a livello familiare e sociale influenzino la costruzione della loro identità femminile. Il testo vuole essere un utile strumento per i terapeuti ma anche per tutte le altre figure - genitori, insegnanti, operatori - che si confrontano quotidianamente con le nuove adolescenti.

 

Luigi Ciotti

Lettera a un razzista del terzo millennio

Edizioni Gruppo Abele

 

Gli stranieri ci stanno invadendo? Chiudere i porti è una soluzione? Che cosa vuol dire «prima gli italiani»? Don Luigi Ciotti scrive una lettera a cuore aperto contro «l’emorragia di umanità alimentata dagli imprenditori della paura»: una presa di posizione salda contro tutti i razzismi da parte di chi ha fatto dell’accoglienza la propria missione da più di cinquant’anni. Una lettera indirizzata a un razzista del nuovo millennio ormai avvelenato da luoghi comuni e narrazioni tossiche. Per decostruire i pregiudizi e affermare i principi di una società più giusta.

 

 

Dall’indice: 

ingiustizie - razzismo - invasioni - «prima gli italiani» - diversi - memoria - muri - «aiutiamoli a casa loro» - un uomo solo al comando - speranza