TAVOLO DEL FAREASSIEME Sintesi dell’incontro preliminare con il dott. Francesco Risso

I rappresentanti del Sottogruppo di lavoro espongono l’evoluzione di alcuni progetti portati avanti dal Tavolo del FAREASSIEME.

Il Tavolo si è ritrovato presso il Centro Diurno di Cuneo in orario preserale mediamente ogni 2 mesi a partire dal 7 dicembre 2012 fino ad oggi con una partecipazione abbastanza costante che in quest’ultimo anno si è anche allargata a tutto il DSM (Dipartimento di Salute Mentale) della provincia.

Uno dei progetti del Tavolo ha portato al finanziamento da parte della Fondazione CRC e Ass, MenteInPace di Borse Lavoro per 6 utenti usciti con successo dai Corsi Aiuto Cuoco e Aree Verdi 2013/2014 a cura di ASLCN1 ed ENAIP (tot 14.500 euro di cui 10 a carico della Fondazione).

Il Tavolo ha inoltre favorito e gestito molte attività legate al tempo libero, weekend e altre iniziative con un incontro specifico su invito dei Gruppi di Fossano svoltosi a maggio u.s.

Il Tavolo ha deciso di affrontare anche alcuni aspetti istituzionali delegando questo approfondimento ad un Sottogruppo che al momento si è riunito 3 volte elaborando le seguenti proposte:

-      percorso formativo ECM per operatori, aperto anche a Famigliari e Volontari da svolgersi nel programma della formazione aziendale nella primavera 2015 con 3 incontri con il dr, Renzo De Stefani e collaboratori sul Fareassieme/UFE.

-      Proposte derivanti dai Gruppi dei Famigliari per una analisi in positivo e in negativo del modello operativo del DSM (si stanno valutando le modalità, questionari ecc) al fine di arrivare alla formulazione di richieste o proposte da sottoporre al Direttore di Dipartimento.

DaI Gruppo di  Fossano-Savigliano emerge inoltre la richiesta di valutare la fattibilità di attivazione di un “punto di ascolto” gestito dal gruppo dei Famigliari all’interno del CSM (la Coordinatrice Focardi è disponibile a seguire questo aspetto).

Il Direttore del Dipartimento dott. Risso esprime la disponibilità ad un successivo incontro per approfondire questi argomenti, ribadendo l’importanza del coinvolgimento delle Famiglie nel percorso terapeutico come espresso anche nel PANS (Piano di Azione Nazionale per la Salute Mentale) che parla chiaramente di “estrema attenzione” a questi aspetti ed al livello di soddisfazione in ambito della Salute Mentale.

 

Si è svolto inoltre un incontro mercoledì 24 settembre 2014 ore 16 anche con il dott.Milordini (direttore del CSM di Savigliano).

 

Mario Piasco

MenteInPace, Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

30034

TOTALE VISITE

45518

Dati aggiornati

al 18-03-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

PolisAnalisi.

Una clinica del sociale

 Filippo Pergola 

Leonardo Seidita 


pubblicato da Franco Angeli

Economia impazzita, distruzione della madre terra, xenofobia, sessismo, fondamentalismi, terrorismo hanno concause comuni. Peste emozionale, fuga del tempo, obesità tecnologica configurano un corpo sociale affetto da depressione mascherata da accelerazione. Le crisi generano identità fragili, ansietà, rancore, immobilismo e quindi paranoia: per semplificare i conflitti cerchiamo capri espiatori, costruendoci dei nemici e innalzando muri. Ogni situazione politica è espressione di un parallelo problema psichico presente in milioni d'individui; a sua volta ogni personalità è anche frutto del portato della storia e di visioni del mondo nel contesto sociale di appartenenza. Tutto quello che avviene nella città (polis) è un insieme di fatti psichici. La Polisanalisi è un cammino per ampliare le visioni (il capitale semiotico) e favorire l'empatia e la bellezza nell'incontro con l'Altro, dato che la quantità di violenza è proporzionale alla ristrettezza del proprio punto di vista. Una clinica per permettere una cittadinanza terrestre vissuta in fiducia, reciprocità e cooperazione; interconnettendoci con il locale, il globale, la natura. Una cura per riattivare desiderio e speranza attraverso la condivisione di doni (comunità). Iniziamo la lettura chiedendoci: che domanda poniamo all'Altro con la nostra storia e che domanda l'Altro ci pone con la sua storia?