DUE PUNTI DI VISTA SULLA DEPRESSIONE

La cifra ufficiosa delle persone che in Italia sono depresse in modo permanente è di circa un milione e mezzo. Ma valutando che per ogni depresso, vi sono almeno due o tre familiari che patiscono le conseguenze di questo disturbo, si può calcolare che le persone coinvolte si elevano a 4-5 milioni. Inoltre 6 milioni di italiani hanno subito un attacco depressivo almeno una volta nel corso della loro esistenza. Altre stime più pessimistiche parlano di un 15% della popolazione che sarebbe colpito dalla malattia, ciò che fa salire il totale a circa 9 milioni: un intero popolo di clienti per le farmacie.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che tra soli sei anni, nel 2020, la depressione sarà la seconda causa di malattia dopo quelle cardiovascolari. Visto che nelle società primitive (non-tecnologiche) la depressione era praticamente sconosciuta oppure molto rara, è lecito chiederci se esista qualcosa nell’atmosfera della nostra società (che è una società di mercato), capace di favorire questo tipo particolare di epidemia.

La risposta della medicina ufficiale ha due aspetti principali: è allo stesso tempo chimica e individuale. Non si interessa di cause sociali come la disoccupazione, la crisi dell’economia, il caro-affitti ecc. che provocano angoscia e disperazione in vasti settori della popolazione. Vede soltanto il singolo malato e lo consegna alle multinazionali del farmaco, ben contente che il fenomeno si estenda per i lauti guadagni che sono loro consentiti. Se lo sguardo della medicina giunge a scorgere l’aspetto sociale, è solo per calcolare i danni subiti dalla produzione, che assommano a 4 MLD di euro l’anno, a causa delle assenze dal lavoro cui sono obbligati i depressi.

La risposta della medicina ufficiale è anche chimica. Considera cioè come responsabile della depressione il calo di certi neurotrasmettitori come la noradrenalina, la serotonina, e la dopamina. Sono tutte sostanze prodotte dal cervello, che regolano l’umore della persona. Il loro calo è capace di provocare tristezza, senso di vuoto, abulia, svogliatezza, tutti quei sintomi cioè che sono propri della depressione e che sono gli stessi sintomi creati dalla crisi sociale.

La cura consiste nel somministrare delle sostanze sintetiche (chiamate anti-MAO o tricicliche), capaci di elevare il livello dei neurotrasmettitori suddetti, e di conseguenza favorire il ritorno del buonumore. Da notare che le “avvertenze” contenute  nelle confezioni parlano del rischio che tali medicinali inducano in certi pazienti il rischio di suicidarsi, il che – se acquistasse un carattere di massa -  risolverebbe in modo radicale il problema della depressione.

Il manuale di Psichiatria dell’Arieti ci informa che in passato la depressione veniva trattata in certi casi con l’elettroshock. Attualmente consiglia il sonno (raggiunto attraverso i sedativi) ed il cinema o la tv come mezzo di distrazione. 

La medicina olistica vede la depressione in maniera notevolmente diversa. Graf  Dürckheim, un filosofo cristiano che esercitava nella Foresta Nera il mestiere di terapeuta, avvertiva già negli ’80 che stava sorgendo un nuovo tipo di depresso. Si trattava spesso di uomini sani, realizzati socialmente, agiati e con un tenore di vita invidiabile, maritati con belle donne e padri di bambini intelligenti e vispi. Che motivi potevano avere per sentirsi depressi? La risposta di Graf  Dürckheim era di natura spirituale: queste persone non attribuivano più un senso preciso alla loro esistenza. Nonostante che ogni tipo di fortuna fosse piovuto loro addosso, non sapevano perché vivevano, la loro vita non aveva un significato che andasse oltre gli interessi materiali. Di qui un senso di vuoto, di inutilità che si trasformava in depressione.

Il depresso, avendo perduto l’interesse alla vita e la speranza di riconquistarne uno, ricorre ad un compromesso: non si suicida e non vive neppure pienamente: si accontenta di sopravvivere. Per realizzare questo programma (inconscio) riduce la respirazione e perde la capacità di percepire il proprio corpo. Non respirando in modo naturale l’energia lo abbandona. Se non percepisce il corpo, non sa più chi è. Questi due fattori ne fanno un sopravvissuto senza finalità, senza fiducia e consistenza, senza futuro.

Da notare che il Do-In, un automassaggio di origine cinese (dal Do-In è nata  l’agopuntura) quando viene praticato quotidianamente in modo completo (dura circa un’ora), è in grado di cambiare l’umore. Infatti l’automassaggio fa scorrere gli umori nel corpo, che sono il sangue, la linfa ed i liquidi cellulari. Per questo è in grado di cambiare in meglio l’umore. Non costa niente. Ma la psichiatria ufficiale lo ignora, con grande danno del bilancio dell’azienda sanitaria e di quello statale.

Non si nega che il farmaco possa essere utile in momenti cruciali per la storia della persona, e per brevi periodi. Anzi, con l’aiuto del farmaco, il paziente può trovare l’energia necessaria a intraprendere un lavoro di consapevolezza circa la sua Ombra, che lo porti a conoscere le cause reali della depressione.  Il compito del personale sanitario è di spingere il paziente ad assumere un ruolo attivo, fino a farne il medico di se stesso, responsabile della propria salute. In queste condizioni medicina ufficiale e medicina olistica avranno cooperato per la sconfitta definitiva della depressione. Ciò che si vuole evitare è soprattutto la dipendenza a vita dal farmaco, con questo milione e mezzo di persone che non escono mai dalle pastoie della malattia.

 

Luciano Jolly, MenteInPace Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

TOTALE VISITATORI

dal 2-06-2014 al 14-1-2019

27162

TOTALE VISITE

dal 2-06-2014 al 14-1-2019

41710

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 Claudio Rabbia

LA MIA VITA CON IL PARKINSON SULLE NOTE DEL TANGO

 

ArabaFenice Edizioni

2018, € 16,00, pag.176

 

Claudio Rabbia racconta con ironia la sua vita, dalle prime bravate da bambino all'incontro con Ivana, dalle difficoltà economiche alla scoperta del Parkinson che, a soli 44 anni, con due figli ancor piccoli, gli stravolge l'esistenza.
Dopo iniziale depressione decide di combattere la malattia a viso aperto, memore delle parole di suo padre "Se non ci riesci prova a fare al contrario di quello che hai fatto finora". Così Claudio studia nuove strategie per affrontare tutti gli ostacoli che la malattia porta al movimento.
Seguendo questa nuova strada si accorge che, dopo aver ballato il Tango argentino, sta meglio: ritrova l'equilibrio, i movimenti sono più sciolti, anche la calligrafia cambia. Ne parla con i suoi medici e da quel momento la sua vita cambia direzione.

QUARTA DI COPERTINA

Mi rimboccai le maniche cercando di dimenticare la frase "Non si guarisce, è una malattia degenerativa". Non volevo limitarmi a cercare stratagemmi per sopravvivere. Da quando misi in pratica quesa teoria, cioè non limitarmi ai consigli dei medici ma provare ad andare oltre, pur non sapendo ancora come, mi accorsi di sentirmi meno depresso. Trovare una speranza diversa dalle solite mi faceva acquisire fiducia in me stesso.
Ora avevo chiara la mia situazione: era come se avessi due personalità dentro di me. Mi dividevo fra la parte mia normale e la parte ammalata: da una parte ero Claudio Rabbia, dall'altra ero Claudio Parkinson. Quindi non ero tutto da buttare, metà di me era normale.
Difficile la convivenza dei due Claudio: il primo sempre attivo e allegro, il secondo ogni volta più lento e malinconico. Questo era il mio nuovo mondo.
Tenere divisi questi due personaggi è stato utile, a mio parere. Non ho mai condiviso la teoria degli psicologi che cercano in tutti i modi di farti accettare "la situazione". Non posso accettare la convivenza in me di un qualcosa che mi fa stare male. CR sta bene e non deve fermarsi per aspettare CP che è lento e che fa stare male. Che provi a correre più veloce se vuole raggiungermi, intanto non ce la farà mai. CR sarà sempre davanti. Accettai così la sfida con Mister park.
BIOGRAFIA DELL'AUTORE
Claudio Rabbia nasce a Cuneo il 16 settembre 1956. La sua famiglia è composta da papà Angelo e mamma Lucia, due sorelle più grandi di lui, Concetta ed Elsa, e due fratelli più piccoli, Paolo e Alberto. Terminata la terza media inizia a lavorare nell'azienda agricola di famiglia a Roata Chiusani.
Il 23 maggio del 1981 si sposa con Ivana Revelli e, dalla loro unione, nascono Maurizio nel 1982 e Andrea nel 1986.
All'età di 44 anni, nel 2000, iniziano le prime difficoltà motorie e dopo le prime visite neurologiche, nel 2001, gli viene diagnosticato un "Parkinsonismo". Poco tempo dopo ha la certezza di essere affetto dalla "Malattia di Parkinson".
Dopo un periodo di comprensibile depressione si rialza, grazie alla forza sua e della moglie Ivana che lo spinge a non chiudersi e a continuare a coltivare la loro grande passione, il Tango Argentino.
Nel 2006 Claudio fonda, con l'aiuto di alcuni amici e dei neurologi dell'Istituto Auxologico Italiano di Piancavallo, che lo seguono, l'Associazione Parkinson Lago Maggiore con sede a Pallanza.
Nel 2011 apre una seconda sede a Cuneo diventando "Associazione Parkinson Lago Maggiore, Cuneo e le sue Valli", meglio conosciuta grazie al suo originale e simpatico logo con la lumaca "La Parkimaca", portandolo così a far conoscere e divulgare, in Italia e non solo, la tanto sospirata "Tango Terapia".