PREGHIERA SEMPLICE

Padre celeste

che ci ami

incondizionatamente

senza chiedere

nulla in cambio

perdona i miei peccati

e quelli degli altri

uomini e donne

che abbiamo ferito noi stessi e chi ci sta vicino.

Trasforma,

Tu che sei Padre

e ci ami incondizionatamente,

i miei dolori e le mie ferite,

risana pure chi ho offeso

ed a cui non ho portato

il rispetto dovuto.

Tu sei Amore

e ci sei vicino.

Sempre

senza chiedere nulla in cambio.

Grazie della vita che ci hai donato

Fai, Tu che sei buono veramente,

che nel sentiero della vita

io rispetti me stesso e la vita stessa

che tu mi hai donato

con Amore.

Tu

Sei Amore.

 

Andrea Castellino

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Luciano Jolly (lunedì, 17 novembre 2014 11:28)

    Caro Andrea, con la preghiera semplice hai toccato un tema importante per la guarigione. Pregare è in linea con il pensiero e l'azione dello psichiatra di Gorizia, Marco Bertali. Egli ha scritto "PSICHIATRIA COME MEDICINA DELL'ANIMA" in cui i rapporti con il Divino ed il Trascendente sono il fondamento del processo di guarigione. Però non sono sicuro che il Divino non si aspetti da noi nulla in cambio della fede. Piuttosto sono convinto che quello che noi chiamiamo Dio si attenda da noi un percorso di crescita che passa attraverso la creatività, l'abbandono di abitudini superate, il lavoro corporeo, la meditazione, per arrivare infine a somigliarGli un pochino.

  • #2

    Andrea Castellino (giovedì, 20 novembre 2014 22:15)

    Grazie!!! Sono daccordo con te il Signore ci chiede un percorso di crescita personale e con il dovuto rispetto verso gli altri... perchè "Gli altri siamo noi" dice Vasco Rossi in una sua canzone. Un abbraccio!! Andrea

ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.