RIFORMA DEL TERZO SETTORE presentato il disegno di legge delega

 

Al termine della consultazione pubblica è stato presentato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, e dal Sottosegretario Luigi Bobba, il Disegno di legge delega per la riforma del Terzo Settore, dell'impresa sociale per la disciplina del Servizio civile universale.

Il testo non presenta novità o modifiche sostanziali rispetto a quanto premesso dalle linee guida del Governo e dalle anticipazioni diffuse nelle scorse settimane.
Semplificare e innovare sono i due criteri che hanno guidato il Governo nella definizione del testo, con l'obiettivo di favorire il più possibile la capacità dei cittadini attivi di associarsi per essere parte attiva nello sviluppo sociale ed economico del paese.
Tuttavia è necessario sottolineare che al momento la copertura economica è prevista solo per l'impresa sociale, rispetto al quale il Ddl prevede l'istituzione di un fondo di 50 milioni di euro.

Tra le priorità evidenziate nel Ddl la necessità di riconoscere e favorire le iniziative economiche private  per la produzione e lo scambio di beni o servizi di utilità sociale;  il riordino del sistema di registrazione degli enti attraverso la previsione di un registro unico del Terzo settore;  definizione degli ambiti di intervento e le attività solidaristiche che caratterizzano gli enti di terzo settore e la semplificazione delle procedure per il riconoscimento della personalità giuridica degli enti.

 

Attività di volontariato e di promozione sociale

 

Per il sistema dei Centri di Servizio restano invariate le indicazioni già anticipate nelle scorse settimane dal Governo: il Ddl prevede la "revisione e promozione del sistema dei Centri di servizio per il volontariato e riordino delle modalità di riconoscimento e di controllo degli stessi".

Il Ddl prevede inoltre l'armonizzazione delle diverse discipline vigenti in materia di volontariato e di promozione sociale; la promozione della cultura del volontariato fra i giovani, a partire dalle scuole; il riconoscimento delle reti associative di II livello; la revisione e la razionalizzazione degli Osservatori nazionali per il Volontariato.

Impresa sociale

 

Il capitolo sull'impresa sociale contiene alcuni fra i più importanti elementi di novità di questo disegno di legge. La normativa prevede in primo luogo la previsione dei criteri di attribuzione per la qualifica di impresa sociale. È previsto inoltre l'ampliamento dei settori di attività di utilità sociale e l'individuazione dei limiti di compatibilità con lo svolgimento di attività commerciali diverse da quelle di utilità sociale; il Ddl inoltre disciplina i criteri per l'attribuzione della qualifica di impresa sociale anche alle cooperative sociali e ai loro consorzi. Si tratta inoltre dell'unico capitolo rispetto al quale il disegno di legge prevede uno stanziamento certo di 50milioni "per un fondo rotativo destinato a finanziare a condizioni agevolate gli investimenti in beni materiali e immateriali".

 

Servizio civile universale

 

35 mila giovani già da quest'anno ma l'obiettivo è quello di raggiungere 100 mila nel 2017. Il disegno di legge introduce il servizio civile universale " finalizzato alla difesa non armata attraverso modalità rivolte a promuovere attività di solidarietà, inclusione sociale, cittadinanza attiva, tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, paesaggistico e ambientale della nazione, sviluppo della cultura dell'innovazione e della legalità nonché a realizzare una effettiva cittadinanza europea e a favorire la pace tra i popoli". Tra le indicazioni il riconoscimento delle competenze acquisite con il servizio civile anche in ambito lavorativo oltre che la possibilità di estendere il periodo di servizio in modo da coniugare le finalità del servizio con le esigenze di vita e di lavoro dei giovani coinvolti; prevista infine la possibilità che il servizio sia prestato, in parte, in uno dei paesi dell'Unione europea nonché, per iniziative riconducibili alla promozione della pace e alla cooperazione allo sviluppo, anche nei paesi al di fuori dell'Unione europea.

Sul
 5 per mille il Ddl prevede la riforma strutturale dell'istituto ache se il passaggio sulla "determinazione di un limite di spesa in coerenza con le risorse disponibili" potrebbe lasciare spazio al mantenimento di eventuali tetti per il finanziamento.
Tra le misure previste anche la razionalizzazione e il controllo sugli oltre 44mila soggetti beneficiari e la semplificazione e accelerazione delle procedure per il calcolo e l'erogazione dei contributi.

In merito alla copertura finanziaria, oltre al fondo per le imprese sociali, non sono state definiti capitoli di spesa specifici, che saranno previsti con la legge di stabilità. Ora il testo, dopo la firma del Capo dello Stato, giungerà in Parlamento per l'approvazione definitiva, che dovrebbe avvenire entro la fine del 2014. Da quel momento, il governo avrà 12 mesi di tempo per l'adozione dei decreti legislativi che attueranno in concreto la riforma.

 

Fonte: www.csvnet.it

Link:

 

http://www.csvnet.it/notizie/le-notizie/istituzioni/1243-riforma-del-terzo-settore-presentato-il-disegno-di-legge-delega

Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:44982

 

TOTALE VISITE: 65307

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 37

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni52

 

Dati aggiornati

al 24-02-2020

PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

Dall'indice: 

 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento! 

 

LA CARBONARA PERFETTA

 

Gli spaghetti alla carbonara sono, insieme alla torta di mele, la prima ricetta che abbia mai realizzato tutta da sola. L’imperativo, secondo mio padre, era di non scaldare assolutamente il composto di uova, pena la coagulazione delle stesse e l’effetto “uova strapazzate” che tanto non ci piace! Ecco alcuni, semplici, accorgimenti per non sbagliare e per ottenere una carbonara a regola d’arte!

 

Per la ricetta ed il video tutorial clicca su:

https://unabloggerincucina.it/la-carbonara-perfetta/