CONVEGNO SULLE VITTIME DI TRATTA E SFRUTTAMENTO SUL LAVORO

Riceviamo alla nostra casella di posta elettronica menteinpace@libero.it e volentieri pubblichiamo.

 

Le accoglienze al maschile

delle vittime di tratta e grave sfruttamento sui luoghi di lavoro

 

Torino, 10 dicembre 2014

Fabbrica delle e - Corso Trapani, 91 - 10141, Torino

 

Programma provvisorio

 

Ore 08,30 - Iscrizione partecipanti

 

Ore 09,00 - Il Progetto La legalità paga. Perché? Per chi? Come? Elementi normativi.

                   Ornella Obert, responsabile dello sportello giuridico Inti del Gruppo Abele

 

Ore 09,30 - Il fenomeno dello sfruttamento sui luoghi di lavoro. Problemi e prospettive.

                   Monsignor Giancarlo Perego, direttore della fondazione Migrantes

 

Ore 10,10 - Chi sono? Da dove vengono? Come vivono? Cosa chiedono gli uomini sfruttati sui

                    luoghi di lavoro? Da chi sono segnalati, intercettati, avvicinati? Elementi comuni 

                    emersi dalle esperienze in atto in Italia.

                    Simona Marchisella, Sportello di accoglienza Vittime di tratta del Gruppo Abele

 

Ore 10,40 - Intervallo

 

Ore 11,00 - Elementi da approfondire relativamente al fenomeno dello sfruttamento sui

                   luoghi di lavoro. Confronto tra sette esperienze che lavorano sul tema.

                   Realtà di Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Toscana

 

Ore 13,00 - Pranzo

 

Ore 14,00 - Accogliere gli uomini vittime di tratta e grave sfruttamento sui luoghi di lavoro.

                   Come?  Dove? Con che metodo. Con quali strumenti? Con quali équipe di lavoro?

                   Elementi comuni delle esperienze in atto in Italia.

                   Simona Marchisella, Sportello accoglienza vittime di tratta del Gruppo Abele

 

Ore 14,30 - Elementi da approfondire relativamente al metodo di accoglienza degli uomini 

                   sfruttati  sui luoghi di lavoro. Confronto tra sette esperienze che lavorano sul tema.

                   Realtà di Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Toscana

 

Ore 16,30 - Conclusioni

 

Conduce e conclude: Mirta Da  Pra Pocchiesa, giornalista, responsabile del Progetto Vittime del Gruppo Abele

 

 

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Cristina Garavoglia, Progetto Vittime - Corso Trapani, 95

 10141 Torino. Tel. 011 3841021, fax 011 3841025, mail pagineopp@gruppoabele.org

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Elizabet Luoma (domenica, 22 gennaio 2017 14:10)


    If you are going for most excellent contents like me, only pay a quick visit this web site all the time for the reason that it provides quality contents, thanks

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

143.563

Dati aggiornati al 7-12-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Elisa Schininà

Noi voci invisibili

Le Château Edizioni, 2022

 

In questo testo, come un alpinista che affronta il tormento della fatica per scelta, l'autrice ha deciso di ripercorrere e analizzare tutti i gradi del travaglio che le ha procurato la malattia, senza compiangersi, con una scrittura piana e temperata; anche in lei la volontà di conoscere ha prevalso sulla sofferenza, dominata e sconfitta, seppure brevemente, attraverso l'analisi e la descrizione di quanto le stava accadendo. Elisa Schininà conosceva la potenza delle parole che hanno il dono di creare la realtà, anche quella impalpabile, torbida e strisciante della malattia mentale, per renderla comprensibile a se stessa e agli altri. In questo senso il libro rappresenta la sua Passione nelle due accezioni; quella del delirio che l'ha accompagnata verso l'esito finale e quella verso se stessa, la vita e gli altri a cui ha deciso di donare la sua esperienza, senza reticenze o ipocrisie. Una realtà bifronte nella quale la storia dell'autrice/protagonista ci appare attraverso una lente deformata con due Elisa che si parlano e si affrontano severamente per la vita e per la morte.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------