CONVEGNO SULLE VITTIME DI TRATTA E SFRUTTAMENTO SUL LAVORO

Riceviamo alla nostra casella di posta elettronica menteinpace@libero.it e volentieri pubblichiamo.

 

Le accoglienze al maschile

delle vittime di tratta e grave sfruttamento sui luoghi di lavoro

 

Torino, 10 dicembre 2014

Fabbrica delle e - Corso Trapani, 91 - 10141, Torino

 

Programma provvisorio

 

Ore 08,30 - Iscrizione partecipanti

 

Ore 09,00 - Il Progetto La legalità paga. Perché? Per chi? Come? Elementi normativi.

                   Ornella Obert, responsabile dello sportello giuridico Inti del Gruppo Abele

 

Ore 09,30 - Il fenomeno dello sfruttamento sui luoghi di lavoro. Problemi e prospettive.

                   Monsignor Giancarlo Perego, direttore della fondazione Migrantes

 

Ore 10,10 - Chi sono? Da dove vengono? Come vivono? Cosa chiedono gli uomini sfruttati sui

                    luoghi di lavoro? Da chi sono segnalati, intercettati, avvicinati? Elementi comuni 

                    emersi dalle esperienze in atto in Italia.

                    Simona Marchisella, Sportello di accoglienza Vittime di tratta del Gruppo Abele

 

Ore 10,40 - Intervallo

 

Ore 11,00 - Elementi da approfondire relativamente al fenomeno dello sfruttamento sui

                   luoghi di lavoro. Confronto tra sette esperienze che lavorano sul tema.

                   Realtà di Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Toscana

 

Ore 13,00 - Pranzo

 

Ore 14,00 - Accogliere gli uomini vittime di tratta e grave sfruttamento sui luoghi di lavoro.

                   Come?  Dove? Con che metodo. Con quali strumenti? Con quali équipe di lavoro?

                   Elementi comuni delle esperienze in atto in Italia.

                   Simona Marchisella, Sportello accoglienza vittime di tratta del Gruppo Abele

 

Ore 14,30 - Elementi da approfondire relativamente al metodo di accoglienza degli uomini 

                   sfruttati  sui luoghi di lavoro. Confronto tra sette esperienze che lavorano sul tema.

                   Realtà di Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Toscana

 

Ore 16,30 - Conclusioni

 

Conduce e conclude: Mirta Da  Pra Pocchiesa, giornalista, responsabile del Progetto Vittime del Gruppo Abele

 

 

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Cristina Garavoglia, Progetto Vittime - Corso Trapani, 95

 10141 Torino. Tel. 011 3841021, fax 011 3841025, mail pagineopp@gruppoabele.org

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Elizabet Luoma (domenica, 22 gennaio 2017 14:10)


    If you are going for most excellent contents like me, only pay a quick visit this web site all the time for the reason that it provides quality contents, thanks

ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Alda Merini

 

IL SUONO DELL'OMBRA

Mondadori

 

Poetessa amatissima, personaggio trasgressivo e commovente che ha saputo parlare direttamente al cuore del popolo, Alda Merini ha rappresentato un caso del tutto particolare nella storia letteraria del Novecento italiano. In questa ricca antologia, che ne raccoglie tutti gli scritti importanti in poesia e in prosa, sono riproposte per intero le raccolte poetiche degli inizi: "La presenza di Orfeo" (1953), "Nozze romane" (1955), "Paura di Dio" (1955), "Tu sei Pietro" (1962), nelle quali si intrecciano temi mistici e slanci erotici, interrogativi estremi senza risposta. Il volume comprende poi notissimi e più recenti titoli come "Vuoto d'amore" (1991), "Ballate non pagate" (1995), "Superba è la notte" (2000) e "Il carnevale della croce" (2009). In questi versi l'autrice conferma la potenza della sua lirica, estranea a qualunque "linea" o "corrente", nella quale si mescolano passione e tenerezza, ironia e sarcasmo, gioco e disperazione, nel segno di un'urgenza assoluta di fare poesia. Le prose autobiografiche "L'altra verità" (1986) e "Lettere al dottor G." (2008), infine, testimoniano la straziante discesa negli inferi del manicomio.