CONVEGNO SULLE VITTIME DI TRATTA E SFRUTTAMENTO SUL LAVORO

Riceviamo alla nostra casella di posta elettronica menteinpace@libero.it e volentieri pubblichiamo.

 

Le accoglienze al maschile

delle vittime di tratta e grave sfruttamento sui luoghi di lavoro

 

Torino, 10 dicembre 2014

Fabbrica delle e - Corso Trapani, 91 - 10141, Torino

 

Programma provvisorio

 

Ore 08,30 - Iscrizione partecipanti

 

Ore 09,00 - Il Progetto La legalità paga. Perché? Per chi? Come? Elementi normativi.

                   Ornella Obert, responsabile dello sportello giuridico Inti del Gruppo Abele

 

Ore 09,30 - Il fenomeno dello sfruttamento sui luoghi di lavoro. Problemi e prospettive.

                   Monsignor Giancarlo Perego, direttore della fondazione Migrantes

 

Ore 10,10 - Chi sono? Da dove vengono? Come vivono? Cosa chiedono gli uomini sfruttati sui

                    luoghi di lavoro? Da chi sono segnalati, intercettati, avvicinati? Elementi comuni 

                    emersi dalle esperienze in atto in Italia.

                    Simona Marchisella, Sportello di accoglienza Vittime di tratta del Gruppo Abele

 

Ore 10,40 - Intervallo

 

Ore 11,00 - Elementi da approfondire relativamente al fenomeno dello sfruttamento sui

                   luoghi di lavoro. Confronto tra sette esperienze che lavorano sul tema.

                   Realtà di Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Toscana

 

Ore 13,00 - Pranzo

 

Ore 14,00 - Accogliere gli uomini vittime di tratta e grave sfruttamento sui luoghi di lavoro.

                   Come?  Dove? Con che metodo. Con quali strumenti? Con quali équipe di lavoro?

                   Elementi comuni delle esperienze in atto in Italia.

                   Simona Marchisella, Sportello accoglienza vittime di tratta del Gruppo Abele

 

Ore 14,30 - Elementi da approfondire relativamente al metodo di accoglienza degli uomini 

                   sfruttati  sui luoghi di lavoro. Confronto tra sette esperienze che lavorano sul tema.

                   Realtà di Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Toscana

 

Ore 16,30 - Conclusioni

 

Conduce e conclude: Mirta Da  Pra Pocchiesa, giornalista, responsabile del Progetto Vittime del Gruppo Abele

 

 

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Cristina Garavoglia, Progetto Vittime - Corso Trapani, 95

 10141 Torino. Tel. 011 3841021, fax 011 3841025, mail pagineopp@gruppoabele.org

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Elizabet Luoma (domenica, 22 gennaio 2017 14:10)


    If you are going for most excellent contents like me, only pay a quick visit this web site all the time for the reason that it provides quality contents, thanks

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

30034

TOTALE VISITE

45518

Dati aggiornati

al 18-03-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

PolisAnalisi.

Una clinica del sociale

 Filippo Pergola 

Leonardo Seidita 


pubblicato da Franco Angeli

Economia impazzita, distruzione della madre terra, xenofobia, sessismo, fondamentalismi, terrorismo hanno concause comuni. Peste emozionale, fuga del tempo, obesità tecnologica configurano un corpo sociale affetto da depressione mascherata da accelerazione. Le crisi generano identità fragili, ansietà, rancore, immobilismo e quindi paranoia: per semplificare i conflitti cerchiamo capri espiatori, costruendoci dei nemici e innalzando muri. Ogni situazione politica è espressione di un parallelo problema psichico presente in milioni d'individui; a sua volta ogni personalità è anche frutto del portato della storia e di visioni del mondo nel contesto sociale di appartenenza. Tutto quello che avviene nella città (polis) è un insieme di fatti psichici. La Polisanalisi è un cammino per ampliare le visioni (il capitale semiotico) e favorire l'empatia e la bellezza nell'incontro con l'Altro, dato che la quantità di violenza è proporzionale alla ristrettezza del proprio punto di vista. Una clinica per permettere una cittadinanza terrestre vissuta in fiducia, reciprocità e cooperazione; interconnettendoci con il locale, il globale, la natura. Una cura per riattivare desiderio e speranza attraverso la condivisione di doni (comunità). Iniziamo la lettura chiedendoci: che domanda poniamo all'Altro con la nostra storia e che domanda l'Altro ci pone con la sua storia?