PRESENTAZIONE DELLA PROPOSTA DI LEGGE 2233 EX 181 (di Meo Cometti)

Venerdì 5 dicembre u. s. presso il Centro di Documentazione Territoriale di Cuneo si è tenuto un Convegno/Dibattito dal titolo “UN’ASSISTENZA PSICHIATRICA PARTECIPATA ED UGUALE IN TUTTA ITALIA” organizzato da MenteinPace, con la partecipazione del Deputato Ezio Casati primo firmatario  del ddl 2233, Francesco Risso direttore dipartimento di psichiatria ASLcn1, Carlo Milordini direttore servizi psichiatria di Savigliano, Gianfranco Conforti (Paco)  infermiere SPDC  S.Croce e Carle – volontario di MenteinPace, moderatore Ugo Palomba responsabile Centro Diurno S.S Mentale di Cuneo e volontario di Mente in Pace.

      Il relatore Paco Conforti,  illustrando  il lungo e laborioso percorso della proposta di legge 181 ( ora Disegno di Legge 2233), ha ricordato l’impegno di MenteinPace a partire dagli incontri su “Le Parole Ritrovate” al “Fare Assieme”, nella raccolta delle firme che a Cuneo ha dato risultati più che soddisfacenti, soffermandosi  in particolare sulle parti non applicate o applicate solo parzialmente della Legge 180 (Legge Basaglia) e facendo presente come  alcune realtà, ancora oggi, presentino caratteristiche e connotazioni manicomiali, come l’applicazione della 180 risulti ancora a macchia di leopardo sul territorio nazionale, la necessità che si varino in tutto il Paese gli UFE (Utenti  Familiari Esperti) come già avviene a Trento, quanto sia necessario aprire un serio confronto sulle contenzioni e sui TSO come viene proposto nel ddl 2233, il cui iter si presenta ancora difficoltoso e necessita di sostegno e convinzione.

        Il  Deputato Ezio Casati del PD ha poi illustrato la proposta di legge in maniera dettagliata (articolo per articolo) mettendo in evidenza come la stessa  nasca dalla base e meriti, proprio per questo motivo, rispetto ed attenzione. Citando il contenuto dell’Art. 5 rimarca quanto importante possa essere il ruolo degli UFE che a seguito di appositi corsi di formazione potranno offrire, grazie alle esperienze acquisite e suffragati da un attento percorso di cura, un ruolo di sostegno e di miglior assistenza a favore degli utenti dei servizi psichiatrici.

Il dottor Risso, infine,  ha risposto ad una raffica di domande, a partire dal come possano essere meglio definiti i percorsi di cura, sulla necessaria maggior attenzione alla territorialità, sulla necessità di pervenire a strutture che offrano il massimo del comfort,  sui tempi di una possibile attuazione degli UFE ed altro.

Un folto pubblico ha dimostrato interesse ed attenzione, ponendo numerose domande ai relatori e dimostrando approfondita conoscenza dell’argomento e capacità di proporre utili consigli e suggerimenti.

 

Il testo della 2233 è a disposizione presso la nostra Associazione e sul nostro sito al seguente link

http://menteinpace.jimdo.com/novita-ed-iniziative/


Meo Cometti

Vicepresidente MenteInPace

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Beatrice Durbano (domenica, 22 febbraio 2015 09:23)

    Mi piace la capacità che ha Meo di "cogliere l'essenziale", di essere sintetico e nel contempo preciso, ricco di particolari, attento alle sfumature. Grazie Meo per aver condiviso con altri "l'essenza" di questa serata, soprattutto con chi non ha potuto esser presente. Con la speranza che questa proposta di legge possa trovare presto una risposta positiva in Parlamento e soprattutto aiuti gli utenti psichiatrici, con adeguata assistenza e sostegno sul territorio, a vivere con piena dignità e ritrovare il giusto posto che meritano nella nostra società.

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.030

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 106

Dati aggiornati

al 28-11-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI