PSICHIATRIA COME “MEDICINA DELL’ANIMA” di Luciano Jolly

Ecco dunque un  libro coraggioso, che segna una rottura con le acque stagnanti della psichiatria ufficiale e apre nuove vie alle terapie della mente. L’importanza del libro consiste nel fatto che il suo autore non è un giornalista o un filosofo, ma un medico psichiatra che presta la sua opera nel cuore di un’istituzione: il Centro di Salute Mentale “Alto Isontino Integrato” a Gorizia. Si può sostenere che Bertali è un continuatore di Basaglia? Il suo metodo è molto personale e innovativo: batte nuove vie, che provengono dalla psicologia transpersonale di cui Stanislav Grof, psichiatra di Praga, è il rappresentante più famoso.

Mettere l’anima al centro del processo di guarigione, è un tentativo ardito. La scienza ufficiale non l’ha mai presa in considerazione. È una scienza che si comporta come san Tommaso: crede solo in quello che si può toccare, misurare, manipolare. Ora l’anima è per sua natura invisibile, se ne possono scorgere soltanto gli effetti. Ma Jung aveva avvertito: la psicologia ha bisogno di metodi diversi da quelli impiegati dalla scienza della natura, proprio perché ha a che fare con un oggetto di natura profondamente diversa, volatile. 

Così Bertali ha portato nella sua pratica medica tre novità rilevanti. Il punto di partenza è la sua opposizione radicale agli psicofarmaci, da lui ribattezzati “cerebrofarmaci”.  

Essi infatti agiscono sui neurotrasmettitori del cervello (noradrenalina, serotonina, dopamina e altri), modificando in molti casi la personalità del paziente contro la sua volontà. Tra i loro effetti collaterali vengono indicati il colpo apoplettico e la tendenza al suicidio. Secondo Bertali i cerebrofarmaci possono essere impiegati per un periodo transitorio di breve durata, per lasciare spazio ad altri mezzi, come il lavoro corporeo e la psicoterapia, più idonei a rigenerare una persona che viva qualche forma di disagio mentale.

L’anima è la parte imperitura della persona. Essa registra le emozioni positive e negative, e nel caso della psichiatria sono da considerare soprattutto queste ultime, come l’odio, il narcisismo e la sfiducia, generate da una situazione emozionale rimasta ancorata ad uno stadio arcaico. Il compito di uno psichiatra olistico (dal greco holos = tutto) è di aiutare il paziente a trasformarsi con un lavorio di scavo che lo porti a trasformare le proprie emozioni infantili in emozioni adulte, usando non la chimica (fattore esterno) ma le proprie risorse interiori fino allora inutilizzate.

Tutte le volte che è possibile, pensa Bertali, bisogna tendere alla guarigione completa dell’individuo. A questo punto il discorso si fa politico. Infatti le multinazionali del cerebro farmaco sono riuscite a imporre la loro linea di condotta in nome del profitto economico, riuscendo a realizzare un condizionamento di massa di vaste proporzioni, che impedisce l’esercizio delle libertà individuali.

La psicologia transpersonale, vede l’uomo non come una parte staccata dal Tutto: lo considera legato al cosmo ed alla sua dimensione divina. Il termine “religione” deriva dal latino religare, che significa appunto congiungere, unire. Tutti possono comprendere l’importanza del sentimento di unità agli effetti dell’equilibrio psichico. Il mistico tedesco Graf Dürckheim ne fa uno dei pilastri della saggezza dell’uomo. Di qui l’importanza attribuita da Bertali alla preghiera e alla meditazione.  

 

Un altro punto saliente della sua concezione medica è la dieta vegetariana, anzi vegana (quella che esclude anche i prodotti di origine animale, come le uova ed il latte). Il punto discriminante è la visita ad un macello, in seguito alla quale Bertali matura la decisione di passare dalla dieta vetariana (che praticava già dal 1991) a quella vegana  per contribuire a diminuire la sofferenza degli animali. Infatti consumare carne aumenta l’aggressività, che può essere rivolta contro di sé o contro gli altri. Ognuno vede la coerenza di questa proposta nell’ottica di un ri-equilibrio della psiche.

Il libro è corredato da numerose citazioni di filosofi e saggi di tutti i tempi che ne rendono avvincente la lettura. Così, partendo dalla psichiatria, Bertali coinvolge gli altri aspetti che la medicina tradizionale ha volutamente ignorato: la politica e l’alimentazione, il livello energetico e la sfera del pensiero, l’ecologia della mente e la spiritualità.

La lettura di questo libro è caldamente raccomandata non solo a chi si interessa di psichiatria, ma anche a tutti coloro che cercano delle voci di saggezza capaci di far uscire l’essere umano dalla situazione di mistificazione in cui oggi ci troviamo.

 

Luciano Jolly

 

 

Marco Bertali, Psichiatria come “Medicina dell’Anima”, Editore Macro Remainders, 2006, pag.256

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    menteinpace (martedì, 27 gennaio 2015 18:58)

    Cari amici, rispondo a voi (con qualche ritardo dovuto ai miei impegni) in merito alla recensione del libro di Bertali, perché siete gli unici che hanno fatto la fatica di occuparsene, per cui vi ringrazio vivamente.
    Vorrei fare due precisazioni:
    1) i pensieri espressi nella recensione non sono miei, ma di Bertali. Ho cercato di riassumere il suo libro nel modo più preciso, ed il fatto che io fossi d’accordo con questa impostazione da almeno una decina d’anni, non toglie nulla al fatto che è Bertali a scrivere queste cose. E’ importante che sia lui a scrivere e praticarle, perché è il Dirigente di un Centro diurno di Salute mentale.
    2) In merito all’anima: non è possibile sostenere che si tratti di un atto di fede da parte mia, perché mi sono premurato di descrivere ne IL MIO FU UN DIO OPERAIO, (la mia autobiografia) tutte le esperienze pratiche (di carattere numinoso e transpersonale) che testimoniano la realtà dell’anima (o coscienza) come entità separata e preminente nei rapporti con il corpo. Ci sono poi le ricerche di Heim, Moody, Kuebler Ross, Jung, Meuroi-Givaudan e altre decine di ricercatori che testimoniano la stessa cosa. A mio avviso Menteinpace è in grave ritardo su questa cultura, che è viva da almeno un secolo e mezzo ....
    Un caro saluto, Luciano.

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:44916

 

TOTALE VISITE: 65200

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 37

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni51

 

Dati aggiornati

al 22-02-2020

PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

Dall'indice: 

 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento! 

 

LA CARBONARA PERFETTA

 

Gli spaghetti alla carbonara sono, insieme alla torta di mele, la prima ricetta che abbia mai realizzato tutta da sola. L’imperativo, secondo mio padre, era di non scaldare assolutamente il composto di uova, pena la coagulazione delle stesse e l’effetto “uova strapazzate” che tanto non ci piace! Ecco alcuni, semplici, accorgimenti per non sbagliare e per ottenere una carbonara a regola d’arte!

 

Per la ricetta ed il video tutorial clicca su:

https://unabloggerincucina.it/la-carbonara-perfetta/