CONSIDERAZIONI ED AGGIORNAMENTI SU "LE PAROLE RITROVATE" PUGLIESI (Michele Grossi)

Sono felice che  le due giornate organizzate  il 17-18 aprile a Monte S. Angelo, siano  riuscite molto bene. C'è stato molto entusiasmo tra i partecipanti, molti non conoscevano il modello del Fareassieme , tutti hanno apprezzato e condiviso queste pratiche. Molte associazioni e cooperative che operano nella salute mentale hanno dato la loro adesione. La prima giornata è stata molto affollata circa 200 persone .Molto entusiasmo per Casati per la brillante discussione della Legge 2233 e il dibattito che è venuto fuori. Ad allietare l'evento c'è stato il coro delle scarpe sciolte  costituito da utenti di Art Village e CD di San Severo,che ha dato una ottima performance, l'artista Antonio Silvestri autore di canzoni per la salute mentale ed il Gruppo Folk Sipontino, che ha messo in scena un pacchetto di tarantelle garganiche.

 

Alla fine delle due giornate è stato rivisto il regolamento del DSM ASL FG con proposte di tutti i partecipanti di  inserire alcune riflessioni provenienti dalla presentazione della proposta della 2233,come la presenza degli UFE nel DSM e dei rappresentanti dei famigliari negli organi propositivi del DSM.

 

Altra proposta:

  • Il coro delle scarpe sciolte potrebbe nell'evento nazionale di Trento aprire con una sua iniziativa musicale o trovare uno spazio nella serata.
  • Iniziativa lodevole e di livello culturale alto , la proposta del DR . Domenico Tancredi responsabile del SPDC di San Severo di organizzare un comitatono - contenzione con la partecipazione di utenti, volontari ed operatori del mondo della salute mentale che controlli i livelli di contenzione di alcuni SPDC che ancora attuano contenzione . Il dr. Tancredi ha annunciato che  il convegno  si terra a Bari  nel mese di novembre .
  • Organizzare per il prossimo anno un 'altra edizione "Le parole ritrovate in Puglia" ci pensiamo ad uno degli incontri, a cui spero di poter  partecipare .
  • Un caro saluto  anche a tutti i partecipanti venuti da Trento.

                         

Michele Grossi

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------