RIFLESSIONI SULLA DELIBERA REGIONALE n. 30 SUI SERVIZI PSICHIATRICI (di Mario Chirico)

Vi invio la lettera inviata a Domenico Ravetti (Presidente della IV Commissione regionale su Sanità, assistenza, servizi sociali e politiche per gli anziani) dopo l'incontro del 20 Luglio ad Alessandria.

Un abbraccio a tutti.
Mario Chirico
Presidente dell'Associazione "Il Tiretto" di Novi Ligure



 Ciao Mimmo,

sono passati pochi giorni dal nostro incontro è avverto la necessità di ringraziarti per la tua disponibilità e di scusarmi della mia ansiosa irruenza dovuta, e sono certo di non sbagliare, alla voglia di comunicare a te, che per le Associazioni che si occupano del disturbo mentale sul territorio Alessandrino, sei il punto di riferimento alla Regione e, tramite tuo, a tutti i tuoi colleghi, quanto questa DGR debba essere rivista.

Deve essere rivista perché manca, in tutta la sua formulazione, il concetto di “guarigione” ed è quasi del tutto dimenticato quello di “riabilitazione” esibendo solo un progetto che è caratterizzato principalmente dal tentativo di stabilizzare la malattia che poi, altro non è che il contrario del curare.

Sicuramente sono un pessimo comunicatore che riesce, purtroppo, solo a trasmettere la sua ansia, facendo perdere di vista la sostanza di quello che vorrebbe esprimere. (Una persona a detto che sono troppo arrabbiato)

Provo allora a buttare su carta le mie impressioni su questa delibera che, nel suo insieme, propone soprattutto un cambiamento strutturale e manca fondamentalmente del cambiamento “culturale” che pure era presente, anche se in forma embrionale, nella 357 del 1997.

C’era in quella DGR molta più speranza di guarigione di quanto non se ne riscontri nell’attuale, forse parchè i tecnici, gli operatori e i relatori della delibera stessa, ricordavano bene l’inciviltà manicomiale.

In quella DGR del 1997 si intravvedeva, nella stessa componente strutturale, il tentativo di un percorso riabilitativo che sfociava proprio in quei G.A. che oggi sono relegati a semplici contenitori di malati incurabili.

Pensa, la delibera 357 a tal proposito recitava:

“Si ritiene sia indispensabile costituire Gruppi Appartamento (G.A.) quali soluzioni abitative

 per rispondere a specifiche esigenze di residenzialità assistita di tipo non asilare, rivolte a pazienti 

giunti in una fase “avanzata” del loro reinserimento sociale”

Dunque, non un punto di arrivo di ammalati cronici (poi sulla cronicità ci sarebbe 

molto da dire) ma di transito verso l’emancipazione dalla malattia e, possibilmente, 

dai servizi.

Ci sarebbe da chiederci il perché, dopo quarant’anni, malgrado i nuovi farmaci siano in grado di sopire con più facilità i sintomi del disturbo e quindi facilitare il percorso di cura e di relazione, ci sia stata tale regressione.

Credo che questa involuzione derivi, senza voler generalizzare, da una cultura che ritiene il malato psichiatrico inguaribile e di conseguenza formulare azioni per combattere il disturbo mentale, con il marchio della rassegnazione e dell’inutilità.

E’ evidente che tutta la parte strutturale della delibera (in particolare le SRP2 e le SRP3.), non è altro che la riproposizione della manicomialità, della volontà di separare, della inguaribilità. (il manicomio è evidentemente, per molti, un ricordo lontano)

Si dimentica in questa DGR, l’utilità di un rapporto di collaborazione attiva nella cura con la famiglia e malgrado l’utilizzo di parole come “centralità della persona”, espressione ormai corrosa parchè abusata da molti come un mantra, si dimentica anche che la persona (non la malattia) presa in carico (curata) è un cittadino con tutti i suoi diritti, è un soggetto con una storia che va contestualizzata e valorizzata, è un individuo che potrà essere curato solo se gli sarà data la possibilità di rimettersi in gioco permettendogli di riacquistare dignità e responsabilità.

Tutto questo nella delibera non c’è, da una parte c’è chi fa diagnosi e dispensa medicine, dall’altra chi si occupa di assistenza e di un abitare senza speranza.

La delibera dice chiaramente che nelle SRP2 e nelle SRP3 (G.A.) saranno inseriti pazienti su cui interventi di tipo terapeutico riabilitativo hanno scarso o nullo effetto (inguaribili) e con questo dimenticando, come dice Beppe Dell’Acqua, che “ il disturbo mentale è qualche cosa che ha a che vedere con il divenire e con le continue trasformazioni del vivere ”. In pratica ci si preoccupa solo di stabilizzare la “malattia” senza riconoscere la persona, proponendo una psichiatria istituzionale e non di relazione.

Caro Mimmo, noi possiamo curare (e non stabilizzare) solo se diamo a queste persone soggettività, responsabilità e dignità, in ultima analisi se li riconosciamo cittadini con uguali diritti e doveri di tutti noi, li possiamo curare se non li separiamo dal mondo ma, al contrario, li apriamo al mondo, noi li possiamo curare se spostiamo il focus dalla stabilizzazione della malattia alla guarigione della persona.

Per fare questo occorre avere coraggio.

Ti ho fatto perdere dell’altro tempo e non so sono stato capace di motivare il mio pensiero e me ne scuso.

Ti saluto,

un abbraccio

Mario


Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

I LUOGHI DEL POSSIBILE

Fare salute mentale oggi

 

a cura del Consorzio Cascina Clarabella

 

Introduzione
La salute mentale che sogniamo
Claudio Vavassori, Carlo Fenaroli

L’IDEA DI CURA

Mettere tra parentesi la malattia mentale
Nuove (e vecchie) ipotesi per la cura della sofferenza psichica
Intervista a Angelo Barbato a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

Riconoscersi nel destino di fragilità dell’altro
Per curare servono introspezione e immedesimazione
Eugenio Borgna

Perché non bastano gocce e pastiglie
Se la salute mentale è data da casa, lavoro e rete sociale
Andrea Materzanini

La salute mentale tiene le porte aperte
Il sogno di Cascina Clarabella
Intervista a Claudio Vavassori a cura di Roberto Camarlinghi

PER UNA CITTA’ CHE CURA

Il sogno della città che cura
L’attualità della lezione basagliana
Intervista a Franco Rotelli a cura di Roberto Camarlinghi

Di chi sono gli adulti fragili di una città?
Un’esperienza di collaborazione tra servizi a Piacenza
Corrado Cappa, Claudia Marabini

I luoghi buoni della cura
Come mandare avanti la rivoluzione culturale avviata da Basaglia
Intervista a Peppe Dell’Acqua a cura di Anna Poma

Fare inserimenti lavorativi nel tempo della crisi
Una sfida epocale per la cooperazione sociale
A cura di Carlo Fenaroli e Claudio Vavassori

Lavorare con il sogno di una felicità urbana
Senza un’utopia rimane il poco che viviamo quotidianamente
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

PER UNA PSICHIATRIA DI COMUNITA’

In salute mentale il sociale è importante
Perché prendersi cura della vita quotidiana
Andrea Materzanini

Rompere l’inerzia psicotica
A cosa serve il budget di salute
Domenico Castronuovo

Il budget di salute in dieci punti
Verso una psichiatria di comunità
Roberto Legori, Greta Manca

Storie in cammino verso l’autonomia
Tre racconti di operatori
Valentina Gaspari, Mauro Peri,Greta Manca

LETTERE AI GIOVANI OPERATORI

A un giovane operatore della salute mentale
Lettera aperta per riconoscerci in una storia che parla al futuro
Peppe Dell’Acqua

Navigare nei mari della salute mentale
Raccomandazioni ai giovani marinai di un intrepido equipaggio
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi

 

Essere operatore della salute mentale
Idee per un manifesto
A cura degli operatori della Cascina Clarabella

 

   Micheline Cacciatore

  

Quando l'ansia infantile prende il sopravvento

 
Casa editrice: CreateSpace Independent Publishing Platform
pag.118 - € 11,22
 

https://www.amazon.it/Quando-lansia-infantile-prende-sopravvento/dp/1983896691

   

 

Uno psichiatra e una psicologa si confrontano a partire da un libro che racconta l'esperienza di lotta di una madre accanto a una figlia contro l'emetofobia, un'ansia infantile che genera una paura irrazionale.
 
Il libro narra una storia realmente accaduta, raccontata in prima persona da una madre che si trova a dover gestire l'insorgenza dell'emetofobia (paura irrazionale del vomito) nella vita di sua figlia e della sua famiglia. Mentre le condizioni di sua figlia peggiorano di giorno in giorno: diventa sempre più magra, si rifiuta di uscire di casa, utilizza una serie di rituali ossessivi, questa madre si rende conto che le normali sedute settimanali di psicoterapia non sono sufficienti ed è necessario trovare una cura specifica. Nonostante l'emetofobia sia una delle cinque fobie più diffuse, è ancora poco conosciuta e trovare una cura adeguata può essere difficoltoso. Dopo varie ricerche, la madre approda finalmente alla Clinica Universitaria di Miami che propone una terapia mirata: la desensibilizzazione graduale intensiva, che prevede un'esposizione progressiva allo stimolo che provoca la fobia, in questo caso il vomito. Nel corso del libro viene raccontato il percorso terapeutico che porta gradualmente la giovane paziente, ma anche i suoi familiari, a gestire e superare la fobia. In seguito a questa esperienza, Micheline Cacciatore, l'autrice ha aperto un blog “Emetofobia destrutturata” nel tentativo di raggiungere ed essere d'aiuto ad altri genitori che si trovano ad affrontare la stessa problematica.
Quando l'ansia infantile prende il sopravvento è il primo libro di Micheline Cacciatore. Il successo del suo blog, “Emetofobia Destrutturata”, l'ha convinta a scrivere per raggiungere ancora più persone. È cresciuta in Massachusetts e ha frequentato la Walnut Hill School of Arts, dove ha studiato danza classica. Dopo un brutto infortunio, che le ha impedito di proseguire la carriera di ballerina professionista, ha frequentato la scuola di fotografia, dove ha ottenuto il diploma di fotografa e ha conosciuto il suo futuro marito. Dopo aver lavorato alcuni anni come fotografa, è tornata alla sua vera passione, la danza, dedicandosi all’insegnamento. Nel 2010, Micheline ha venduto la scuola di danza in Massachusetts, per trascorrere più tempo con la sua famiglia. Insegna ancora danza e vive a Miami, con il marito e i due figli.