RIFLESSIONI SULLA DELIBERA REGIONALE n. 30 SUI SERVIZI PSICHIATRICI (di Mario Chirico)

Vi invio la lettera inviata a Domenico Ravetti (Presidente della IV Commissione regionale su Sanità, assistenza, servizi sociali e politiche per gli anziani) dopo l'incontro del 20 Luglio ad Alessandria.

Un abbraccio a tutti.
Mario Chirico
Presidente dell'Associazione "Il Tiretto" di Novi Ligure



 Ciao Mimmo,

sono passati pochi giorni dal nostro incontro è avverto la necessità di ringraziarti per la tua disponibilità e di scusarmi della mia ansiosa irruenza dovuta, e sono certo di non sbagliare, alla voglia di comunicare a te, che per le Associazioni che si occupano del disturbo mentale sul territorio Alessandrino, sei il punto di riferimento alla Regione e, tramite tuo, a tutti i tuoi colleghi, quanto questa DGR debba essere rivista.

Deve essere rivista perché manca, in tutta la sua formulazione, il concetto di “guarigione” ed è quasi del tutto dimenticato quello di “riabilitazione” esibendo solo un progetto che è caratterizzato principalmente dal tentativo di stabilizzare la malattia che poi, altro non è che il contrario del curare.

Sicuramente sono un pessimo comunicatore che riesce, purtroppo, solo a trasmettere la sua ansia, facendo perdere di vista la sostanza di quello che vorrebbe esprimere. (Una persona a detto che sono troppo arrabbiato)

Provo allora a buttare su carta le mie impressioni su questa delibera che, nel suo insieme, propone soprattutto un cambiamento strutturale e manca fondamentalmente del cambiamento “culturale” che pure era presente, anche se in forma embrionale, nella 357 del 1997.

C’era in quella DGR molta più speranza di guarigione di quanto non se ne riscontri nell’attuale, forse parchè i tecnici, gli operatori e i relatori della delibera stessa, ricordavano bene l’inciviltà manicomiale.

In quella DGR del 1997 si intravvedeva, nella stessa componente strutturale, il tentativo di un percorso riabilitativo che sfociava proprio in quei G.A. che oggi sono relegati a semplici contenitori di malati incurabili.

Pensa, la delibera 357 a tal proposito recitava:

“Si ritiene sia indispensabile costituire Gruppi Appartamento (G.A.) quali soluzioni abitative

 per rispondere a specifiche esigenze di residenzialità assistita di tipo non asilare, rivolte a pazienti 

giunti in una fase “avanzata” del loro reinserimento sociale”

Dunque, non un punto di arrivo di ammalati cronici (poi sulla cronicità ci sarebbe 

molto da dire) ma di transito verso l’emancipazione dalla malattia e, possibilmente, 

dai servizi.

Ci sarebbe da chiederci il perché, dopo quarant’anni, malgrado i nuovi farmaci siano in grado di sopire con più facilità i sintomi del disturbo e quindi facilitare il percorso di cura e di relazione, ci sia stata tale regressione.

Credo che questa involuzione derivi, senza voler generalizzare, da una cultura che ritiene il malato psichiatrico inguaribile e di conseguenza formulare azioni per combattere il disturbo mentale, con il marchio della rassegnazione e dell’inutilità.

E’ evidente che tutta la parte strutturale della delibera (in particolare le SRP2 e le SRP3.), non è altro che la riproposizione della manicomialità, della volontà di separare, della inguaribilità. (il manicomio è evidentemente, per molti, un ricordo lontano)

Si dimentica in questa DGR, l’utilità di un rapporto di collaborazione attiva nella cura con la famiglia e malgrado l’utilizzo di parole come “centralità della persona”, espressione ormai corrosa parchè abusata da molti come un mantra, si dimentica anche che la persona (non la malattia) presa in carico (curata) è un cittadino con tutti i suoi diritti, è un soggetto con una storia che va contestualizzata e valorizzata, è un individuo che potrà essere curato solo se gli sarà data la possibilità di rimettersi in gioco permettendogli di riacquistare dignità e responsabilità.

Tutto questo nella delibera non c’è, da una parte c’è chi fa diagnosi e dispensa medicine, dall’altra chi si occupa di assistenza e di un abitare senza speranza.

La delibera dice chiaramente che nelle SRP2 e nelle SRP3 (G.A.) saranno inseriti pazienti su cui interventi di tipo terapeutico riabilitativo hanno scarso o nullo effetto (inguaribili) e con questo dimenticando, come dice Beppe Dell’Acqua, che “ il disturbo mentale è qualche cosa che ha a che vedere con il divenire e con le continue trasformazioni del vivere ”. In pratica ci si preoccupa solo di stabilizzare la “malattia” senza riconoscere la persona, proponendo una psichiatria istituzionale e non di relazione.

Caro Mimmo, noi possiamo curare (e non stabilizzare) solo se diamo a queste persone soggettività, responsabilità e dignità, in ultima analisi se li riconosciamo cittadini con uguali diritti e doveri di tutti noi, li possiamo curare se non li separiamo dal mondo ma, al contrario, li apriamo al mondo, noi li possiamo curare se spostiamo il focus dalla stabilizzazione della malattia alla guarigione della persona.

Per fare questo occorre avere coraggio.

Ti ho fatto perdere dell’altro tempo e non so sono stato capace di motivare il mio pensiero e me ne scuso.

Ti saluto,

un abbraccio

Mario


Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:44982

 

TOTALE VISITE: 65307

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 37

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni52

 

Dati aggiornati

al 24-02-2020

PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

Dall'indice: 

 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento! 

 

LA CARBONARA PERFETTA

 

Gli spaghetti alla carbonara sono, insieme alla torta di mele, la prima ricetta che abbia mai realizzato tutta da sola. L’imperativo, secondo mio padre, era di non scaldare assolutamente il composto di uova, pena la coagulazione delle stesse e l’effetto “uova strapazzate” che tanto non ci piace! Ecco alcuni, semplici, accorgimenti per non sbagliare e per ottenere una carbonara a regola d’arte!

 

Per la ricetta ed il video tutorial clicca su:

https://unabloggerincucina.it/la-carbonara-perfetta/