SE QUESTO E' UN PAZZO (di Andrea Castellino)

Questo scritto vuole essere soltanto una riflessione sulla morte di Andrea che è stato arrestato in modo disumano secondo me. Ho volutamente scritto solo il suo nome per rispetto e perché pure io mi chiamo Andrea.

Anche a me è capitato di soffrire di disagio psichico ed essere ricoverato più volte in un reparto psichiatrico.

Posso dire apertamente che vivere per dei mesi, a volte, in reparto è già una sofferenza.

La brutalità con cui Andrea è stato arrestato e legato perché pazzo come me mi dà i brividi.

Sto pensando ai diritti dell’uomo spesso negati a uno come lui e come me, che spaventa nei suoi comportamenti inusuali e non consoni a questa società che dà per scontato che è pazzo, un diverso da allontanare e contenere. A priori sovente non si guarda lo stare male come una patologia qualunque: i diversi come Andrea e me turbano e impauriscono e quindi vanno legati secondo il bon ton di questa società di altri pazzi che violano i diritti dell’uomo in modo così superficiale, quasi fosse normale… invece di capire alla radice se un uomo o una donna è pericoloso e può vivere tra persone “normali”. È qui il nocciolo della questione: dov’è la normalità nel brutalizzare un pazzo fino a farlo morire? Per me non c’è nulla di normale in questo modo irresponsabile di agire della Forza Pubblica e Dottori responsabili, con i loro comportamenti,  della morte di un uomo.

Pensavo che con la Legge Basaglia, che ha solo in teoria chiuso gli ospedali psichiatrici, ci fosse più rispetto per chi soffre di Sofferenza Emozionale.

Quello che più mi ferisce in questa brutta storia è che chi ci ha rimesso è Andrea e altri come lui e come me: ora io sono spaventato nell’entrare in un Reparto Psichiatrico ed ho paura. Non bisogna certo incolpare chi fa della professione (Psichiatri, Medici, Infermieri) una missione e svolge il proprio lavoro con responsabilità e dedizione; ma cavoli, questa morte fa riflettere e spaventa!

 

Andrea Castellino, Associazione Menteinpace, Cuneo.  

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Rosita (lunedì, 24 agosto 2015 21:27)

    Ho subito un TSO per schizofrenia ma mi ritengo una persona fortunata. Andrea ha incontrato persone senza umanità INCOMPETENTI che andrebbero rimossi dai loro incarichi per omicidio. Sono indignata e non spaventata !

  • #2

    meo (domenica, 13 settembre 2015 11:16)

    Un fatto che sconvolge tutti coloro che non conoscono il disagio psichico e che sono lontani dal sapere quanto traumatico può essere un Trattamento Sanitario Obbligatorio, ma che ancor più lascia sgomenti e increduli chi, purtroppo, ha bisogno del ricorso a cure psichiatriche. Il TSO, a mio avviso, deve essere attivato in rarissimi casi e deve essere praticato, possibilmente, da persone sensibili e professionali che conoscono il soggetto da trattare. Questo per evitare fatti violenti e rifiuto categorico da parte del paziente. HA RAGIONE ANDREA AD ESSERE SPAVENTATO DA UN FATTO DEL GENERE!
    Che non succeda mai più!

ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Gustavo Pietropolli Charmet

L'insostenibile bisogno di ammirazione

 

2018 Collana Tempi Nuovi, Edizioni Laterza

 

In pochi anni e con un'accelerazione imprevedibile è successa una catastrofe: sono spariti il Patriarcato e il suo rappresentante più noto, il Padre. Il loro posto è stato occupato dal Sé, è lui che comanda e sancisce il giusto dall'ingiusto. L'individuo, insensibile alle regole e alle leggi e in assenza di grandi narrazioni condivise, pretende di realizzarsi e di ottenere con facilità ricchezza, benessere e potere sociale. Se nelle società del passato l'urgenza era quella di adeguarsi alle regole e alla legge del Padre, oggi il desiderio più profondo dei ragazzi - ma sempre di più anche degli adulti - è quello di suscitare ammirazione. E se non c'è l'ammirazione, c'è la vergogna: risulta intollerabile l'idea di essere considerati brutti, insignificanti, privi di fascino. Alla caduta dell'etica condivisa ha corrisposto l'enfasi sull'estetica, sul potere della seduzione, sull'esibizione spudorata di doti spesso inesistenti. Ecco perché oggi la paura di essere inadeguati, di non essere all'altezza delle aspettative, di non essere desiderabili, è divenuta la causa più diffusa di sofferenza mentale.

 

L'Autore

 

Gustavo Pietropolli Charmet è uno dei più importanti psichiatri e psicoterapeuti italiani. È stato primario in diversi ospedali psichiatrici e docente di Psicologia Dinamica all’Università Statale di Milano e all’Università di Milano Bicocca. Nel 1985, con l’appoggio di Franco Fornari e con altri soci, ha fondato l’Istituto Minotauro di cui è stato presidente fino al 2011 e di cui è tuttora socio. Attualmente, presso il Minotauro, è docente della Scuola di Psicoterapia dell’Adolescenza ARPAD ed è il Direttore Scientifico del Consultorio per Adolescenti. A Milano è Presidente del C.A.F. Onlus - Centro Aiuto alla Famiglia in Crisi e al Bambino Maltrattato - e Direttore clinico del Progetto TEEN Comunità Residenziale e Centro Diurno. È Direttore Scientifico della collana “Parenting” della BUR – Rizzoli e della collana “Adolescenza, educazione, affetti” dell’Editore Franco Angeli; ha diretto la collana “Biblioteca dei genitori” del Corriere della Sera. È autore di numerosi saggi sull’adolescenza e dal 2014 è Direttore Scientifico del Festival della Mente di Sarzana.