RIFLESSIONI SULLA GITA A BALMA BOVES (di Roberto Pacifico)



























Più hai poco e più sei umano...

Questo pensiero è quasi per intero il riassunto della gita a Sanfront, più precisamente a Balma Boves, dove con due giovani guide che facevano parte della associazione Marcovaldo, abbiamo percorso un sentiero attraverso la montagna . In alcuni passaggi intermedi ci hanno spiegato la storia, le date e il modo di vivere di alcune generazioni del passato. Abbiamo visto case rustiche, essiccatoi,stalle e locali adibiti per i lavori da svolgere nella vita quotidiana. Il tutto mi è sembrato molto interessante.

Ora è un ambiente protetto, chissà che non diventi un bel patrimonio naturale, perchè lo meriterebbe!!

Il gruppo era nutrito e come succede in gita sono state prese foto, fatte domande, scambiate mail per far conoscere meglio questi angoli di cultura a volte quasi dimenticati.

Un grazie a queste persone che aiutano a riscoprire queste belle realtà!

Dopo una breve pausa con i primi commenti a caldo, che direi positivi,purtroppo abbiamo 

dovuto tornare. E' stata proprio una bella giornata. Speriamo in altri appuntamenti futuri così interessanti.

 

 

 

ROBERTO  PACIFICO

MenteInPace, Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Zenobia Mullins (domenica, 22 gennaio 2017 09:28)


    I am regular reader, how are you everybody? This article posted at this website is in fact pleasant.

ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.