SUBurbia, il Non Locale Musicale, torna alla Casa del Quartiere Donatello

Dopo la sperimentazione della scorsa stagione riparte con più forza e grinta il 24 ottobre SUBurbia, il Non Locale Musicale, all'interno della Casa del Quartiere Donatello.

“L'esperimento è riuscito e questo ci ha incoraggiato a continuare e a portare musica dal vivo in centro città nel periodo invernale, periodo che solitamente è già arido di proposte per i giovani cuneesi, dice Roberto, uno dei leader del gruppo di giovani volontari”

Il 24 ottobre saliranno sul palco del SUBurbia i SICA (Dance Entertainment Rock) aperti dai D.S.M. (Synth Rock); la programmazione andrà avanti fino ad aprile come sempre una sera al mese. Ecco le prime date in programma: il 21 novembre ci sarà un grande ritorno a Cuneo della Banda Fratelli (Rock'n'Roll scanzonato) con Chambra Quartet (jazz) e Boogia Boogia, il 19 dicembre i Pinguini Tattici Nucleari (Ironic Rock) con Fire Glass (punk rock) e i Sans Poignet (tutto trash), il 23 gennaio Space Paranoids (stoner) con Hopeless (melodic death metal) eSubphazerz (drum'n'bass)

Le serate sono tutte ad ingresso gratuito ed hanno inizio alle ore 22.00. Chi ha detto che i concerti debbano iniziare tardi?

SUBurbia, che in parte sarà sostenuto dal contributo della Fondazione CRC, si inserisce nel progetto più ampio della Casa del Quartiere Donatello, nata nel luglio 2014 dalla collaborazione tra Comitato di Quartiere Donatello, Cooperativa Sociale MOMO, associazione Mente in Pace, Acli provinciale ed il centro di Salute Mentale dell'Asl, con lo scopo di riattivare un luogo pubblico di aggregazione comunitario con iniziative culturali, sportive e socializzanti, ma anche con uno sguardo alle situazioni ed ai bisogni del territorio e con l'intenzione di creare una governance partecipata tra associazioni e cittadini.

D.S.M : D.S.M, per gli aspiranti psicologi è un manuale, per noi è qualcosa di più. Cosa poteva provare al mondo la non-esistenza della normalità meglio della Bibbia della Psichiatria? "Normale" è una parola per noi priva di senso. Questo è il messaggio che cerchiamo di portare attraverso la nostra musica. Ci piace sperimentare, lasciarci trasportare dai gusti musicali eterogenei della band, che vanno dall'elettronica all'indie rock. Non vogliamo catalogarci in alcun genere, ma dovendolo fare usiamo il termine Synth Rock.

SICA: I SICA si trovano per sbaglio nella stessa sala prove nel gennaio del 2012. Con Davide Santilli (voce e synth), Jacopo Bertolotto (chitarra), Stefano D. Ottavio (basso) e Bart Fierro (batteria), prende vita a Collegno un progetto da loro definito “Dance Entertainment” che mescola Rock, Techno e Dance Music. In questi 3 anni i SICA sono stati protagonisti di un'intensa attività live che li ha portati a suonare, tra i vari concerti, al Sziget Festival di Budapest, al Circolo Magnolia di Milano, in alcuni Club della Svizzera e in importanti festival italiani come L'Home Festival di Treviso, I Scream Festival, Partycillina e Ritmika di Moncalieri, dove hanno aperto i Bud Spencer Blues Explosion. A Luglio 2014 è uscito il loro primo EP prodotto da Luca Vicini dei Subsonica (disponibile su Bandcamp o sul canale Youtube "Sicachannel" tramite videoclip ) e presentato con l’uscita del singolo “Utilitaire” su Virgin Radio.

Puoi seguire gli aggiornamenti su Facebook – SUBurbia  


 



Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.290

Dati aggiornati al 28-9-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Silvia Ziche

La gabbia

Feltrinelli comics

 

Una storia personale e universale che unisce dramma e commedia, con una profonda e toccante analisi delle relazioni fra madre e figlia.

A soffrire si impara, e l'infelicità è un'arte che si apprende fin da piccole, grazie all'insegnamento di chi ci ha precedute. Antenate, nonne, zie, prozie si snodano in una processione che arriva da lontano, ognuna con il proprio fardello, fino a chi ci è più vicino: la madre. Una madre svalutante e glaciale nel caso di Serena, protagonista di questa storia. Costretta ad allontanarsene nel tentativo di salvarsi, Serena interrompe i rapporti con lei, recidendo i legami con il passato, gli amici, il paese dell'infanzia pieno di ricordi. Fino a quando la madre terribile muore, e la figlia dopo una lunga assenza ritorna. Per ingaggiare un dialogo interiore con il fantasma della figura più importante della sua vita e scoprirne infine un lato insospettabile. Senza perdere la comicità e l'acume tipici del suo raccontare, Silvia Ziche si misura con il suo primo libro non umoristico, condividendo una storia privata eppure capace di parlare a quella parte indifesa, nascosta in molti di noi, a cui è mancata una carezza. Un viaggio coraggioso alle radici di un'assenza, nel cuore di una domanda che brucia: perché, proprio negli affetti più cari, siamo capaci di dare il peggio di noi.

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------