"Liberiamo il PUF": parte la campagna per "occupare" i 18 alloggi disabitati nei palazzi finanziari di Cuneo (Simone Giraudi, Targatocn.it)

Il Palazzo degli uffici finanziari conta infatti 18 appartamenti disabitati da 15 anni: lo Sportello lancia una raccolta firme e si dimostra disposto a iniziare una lunga "lotta civile" perché siano dati alle famiglie sfrattate e in difficoltà

Sperano di ripetere il grandissimo successo della raccolta firme contro l'attuazione della (famigerata) legge Lupi sulle case popolari, i membri dello Sportello Casa di Cuneo, lanciando ufficialmente proprio oggi (4 novembre) la campagna di sensibilizzazione "Liberiamo il PUF".

Protagonista della nuova raccolta firme, il Palazzo degli uffici comunali di Cuneo: inaugurato il 15 novembre 2001, conta da quasi 15 anni ben 30mila metri quadri inutilizzati divisi in 18 appartamenti del tutto disabitati, per un costo di solo riscaldamento pari a circa 400mila euro all'anno (pagati dal demanio). Una situazione semplicemente inaccettabile per lo Sportello, specialmente quando in città ci sono più di 80 famiglie sfrattate e centinaia che hanno fatto domanda di case popolari. Il PUF attualmente presenta anche diversi danni strutturali, allagamenti e infiltrazioni, nell'apparente silenzio dell'Amministrazione comunale.

Lo stato in cui versa il PUF, però, non è certo un problema "di oggi"; già nel 2013 la Senatrice Patrizia Manassero ha inviato al Ministero dell'Economia un'interrogazione in merito, attualmente ancora senza risposta, e lo stesso Sindaco di Cuneo Federico Borgna si è dimostrato interessato a risolvere in qualche modo la situazione.

"Siamo legati al tema della casa" ha detto Carlo Masoero, coordinatore dello Sportello, nel corso della conferenza stampa tenutasi questa mattin (4 novembre), "e abbiamo tutta l'intenzione non solo di portare la questione davanti al Prefetto, ma anche di "animare" il prossimo Consiglio comunale e spingere i consiglieri a inserire il PUF in un ordine del giorno. Ci auguriamo che il Consiglio voti all'unanimità, com'è successo nel caso della vendita all'asta delle case popolari: nel caso non si riesca però a trovare una vera e propria soluzione, siamo pronti a rispondere alla popolazione cuneese anche attraverso l'adozione di pratiche di "lotta civile" non conosciute e non convenzionali nel capoluogo".

Le premesse, però, ci sono tutte: attorno alla campagna "Liberiamo il PUF" è già sorta una vera e propria "coalizione sociale", che ha già visto la FIOM, la Caritas, Libera e e la Pastorale Lavoro dare il proprio incondizionato appoggio.

"Vogliamo fare del PUF un esempio della lotta per il diritto della casa", aggiunge Fabio Panero, "e grazie alla rete di associazioni cuneesi forse può essere possibile". "Al contrario di ciò che si sente dire in giro, l'emergenza casa nella città di Cuneo esiste: siamo al top nella lista del numero di sfratti esecutivi. In senso istituzionale a Cuneo si potrebbe fare qualcosa di più, volendolo; il punto non può essere costruire, ma recuperare l'esistente, però occorono scelte politiche differenti."

La campagna di raccolta firme, appena partita, sembra quindi interesserà la città per diversi dei mesi in arrivo: il direttivo dello Sportello Casa non si è ancora posto un "limite" di tempo, e nemmeno di un tetto massimo di firme da raggiungere. "Sicuramente", chiosa Panero, "questa non sarà una campagna d'opinione. Sarà una campagna ben diversa dal solito."


 simone giraudi

www.targatocn.it

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

41319

TOTALE VISITE

60205

Dati aggiornati

al 11-11-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Paola Bolla

PROTEGGIMI

DA ME

Edizioni EBS Print - 2018

 

 

Immagina di partire per un viaggio all'interno di te, di toccare quei lati spigolosi, quegli spruzzi della vita che arrivano sulla faccia fastidiosi. Io sono partita con una valigia pesante, colma di timori e insicurezze. Ho spolverato tra i miei dolori e ho preso di petto quello che mi faceva più male. Mi sono guardata dentro e ho sentito di provare qualcos'altro oltre l'odio ingoiato per anni. Questo è stato il mio vero riscatto o, come mi piace dire, "ciò che ridà la giusta luce al sole". Desidero che questa raccolta di poesie possa arrivare a te, creatura speciale che la vita ha messo alla prova, perché il male, spesso, è solo un trampolino troppo alto da cui tuffarsi e serve tanto coraggio, forse anche un po' di fortuna, per circondarsi di nobili anime che allungano le mani nella paura. Prefazione di Paola Bianchini.

 

Biografia dell'Autrice

Paola Bolla è nata in Piemonte, in provincia di Cuneo nell’aprile del 1985. Si è diplomata al Liceo Linguistico.

É coadiuvante presso l’azienda agricola di famiglia. Ama l’arte, il cinema e il teatro, lo sport e la campagna, leggere e ascoltare musica italiana. Nel tempo libero si diletta nella scrittura.

 

Turismo
in Langa

Castle Angels 

Fuga dalla verità


Pronti per essere gli “angeli” del castello? Riuscirete a sventare l’attacco del nemico pronto a diffondere fake news per screditare l’organizzazione e uscire sani e salvi?

CASTELLO DI VERRONE

Falseum – Museo del Falso e dell’Inganno
Via della valletta 1 - 13871 VERRONE (Biella)

L’avventura prende piede quando il nostro “Charlie” scopre che un avversario misterioso ha creato una “Fake News” per screditare l’operato dei Castle Angels. Se i mezzi di informazione venissero a conoscenza di questo falso sarebbe la fine per l’intera organizzazione!
I partecipanti sapranno impedire la diffusione della notizia e salvare gli stessi Castle Angels prima che sia troppo tardi?

 

“Castle Angels” è un format di visita a squadre, liberamente ispirato alle modalità tipiche delle “escape room”, per conoscere il Museo del Falso e dell’inganno di Verrone (BI), attraverso la ricerca di indizi e la risoluzione di quesiti, con un format che trae liberamente spunto dal noto telefilm “Charlie’s angels” e dai suoi protagonisti, per diventare poi un’originale ed inedita avventura.

 

Per più informazioni clicca su

http://www.turismoinlanga.it/it/castle-angels-fuga-dalla-verita/

Biscotti Gorgonzola e barbabietola

A Fano ho visitato un posticino fantastico, La golosa officina, una bottega artigianale dove si producono quotidianamente biscotti di ogni tipo e forma, dolci e salati,  ma solo con materie prime selezionatissime, dalla farina macinata a pietra alle amarene di Cantiano, passando per lo zafferano del Montefeltro, arrivando alla nocciola Piemonte IGP, la famosa tonda gentile. Un’esperienza gustativa unica che ha avuto una ripercussione nel mio modo di vedere la biscotteria fino ad ora: ecco che, tornata a casa, ho cominciato anch’io a sperimentare, soprattutto sul salato, per creare sempre nuovi biscotti adatti non solo agli aperitivi, ma da presentare a tutto pasto in accompagnamento a carne cruda, zuppe, secondi piatti, sorbetti. Il sapore e la friabilità di questi biscottini ti conquisterà al primo morso, ne sono certa! Questi biscotti gorgonzola e barbabietola credo abbiano subito una influenza da La golosa officina, e la mia ispirazione è andata ben oltre.

Per la ricetta e la preparazione  CLICCA SU:

https://unabloggerincucina.it/biscotti-gorgonzola-barbabietola/