Sintesi incontro 3 dicembre 2015 presso PD Piemonte (Sebastiano Piglia, DiAPsi Ceva-Mondovì


ALMM e DIAPSI Piemonte, nelle persone dei loro Presidenti, hanno partecipato all’incontro del 3 dicembre come indicato dalla mail ricevuta dalla Segreteria del PD Piemonte qui sotto riportata: 

“In seguito all'incontro del 4 novembre tenutosi con tutti gli enti e le associazioni che operano nel settore inerente la D.G.R. 30 sul Riordino della rete dei servizi residenziali psichiatrici, si è convenuto con il segretario regionale e il consigliere regionale Andrea Appiano di convocare un tavolo di lavoro con i tre consulenti della Regione Piemonte, (dott. Villari, la dott.ssa Corbascio e il dott. Geda); il suddetto tavolo avrà lo scopo di raccogliere le istanze dei presenti per addivenire ad un documento da sottoporre all'attenzione dell'Assessore Saitta. A tale scopo le chiederei di essere presente giovedì 3 dicembre alle ore 19 presso la sede del Partito Democratico in via Masserano 6, Torino. 

RingraziandoLa per la sua disponibilità, 

La saluto cordialmente 

Maria Peano  -  Segreteria Regionale, delegata alle Politiche per la salute”. 



All’incontro erano presenti i tre consulenti delle Regione Piemonte (Dott.ssa Corbascio, Dott. Villari, Dott. Geda) e la Dott.ssa Peano, delegata del PD alle Politiche per la Salute. 

Tutte le parti sono state convocate singolarmente (Cooperative, Privato Imprenditoriale) e saranno ascoltati anche i Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale la prossima settimana. 

Ci era stato chiesto di portare un documento che elencasse le criticità della DGR 30 e abbiamo ritenuto, per completezza di informazione, di consegnare copia del ricorso presentato al TAR dalle Associazioni, corredato di una breve scheda riassuntiva (vedi http://www.menteinpace.it/novita-ed-iniziative/ ). 

Gli elementi emersi durante l’incontro sono i seguenti: 

1.       La Dott.ssa Peano ci ha spiegato l’obiettivo di queste consultazioni: presentare all’Assessore Saitta le modifiche da apportare alla DGR 30, raccogliendo dalle varie parti sociali le criticità riscontrate; 

2.       I Consulenti Tecnici delle Regione Piemonte hanno concordato in larga misura sull’inapplicabilità della DGR 30, ma anche sulla necessità di riordinare il settore della residenzialità, punti sui quali abbiamo concordato pienamente; 

3.       Abbiamo chiesto come intendessero procedere operativamente, soprattutto in relazione alla convocazione ricevuta in data 30 novembre dall’Ufficio Salute Mentale della Regione Piemonte con oggetto: “Incontro percorso attuativo sul riordino della rete residenziale della salute mentale” che si terrà il 17 dicembre presso la Direzione Sanità e fatto presente che ci pare contraddittorio organizzare un incontro con oggetto “fase attuativa” di un riordino della rete residenziale attualmente sospeso dal TAR del Piemonte. I Consulenti Tecnici e la Dott.ssa Peano non erano al corrente dell’incontro previsto per17 dicembre, riconoscendo la “confusione” che sembra caratterizzare il riordino di questo settore della Psichiatria. 

4.       Ci è stato infine chiesto se fossimo disposti a rinviare il Giudizio al TAR previsto per il 13 gennaio o a ritirare il ricorso. 
Abbiamo risposto che questo sarebbe (forse) preso in considerazione 
se: 


·          l’Assessore alla Sanità ritirasse la DGR 30; 

·          nominasse con Determina Regionale un Tavolo Tecnico con indicati i nominativi dei rappresentanti di tutte le parti coinvolte dal riordino (Funzionari Regionali e Consulenti Tecnici, rappresentanti delle Cooperative e del Privato Imprenditoriale, rappresentanti delle Associazioni, Rappresentanti dei Dipartimenti di Salute Mentale) con mandato di giungere alla stesura di un documento entro termini temporali prefissati. 

·         che a questo seguisse l’Istituzione di un Osservatorio Permanente sulla Psichiatria (con la stessa eterogenea composizione) con obiettivi di monitoraggio, valutazione e programmazione sanitaria, avvalendosi del contributo dell’Università degli Studi di Torino che, come tutti ben sanno, ha ampiamente la possibilità di fornire strumenti di alta e comprovata validità scientifica. 

5.       In merito alla scrittura di un nuovo provvedimento, secondo i Consulenti non è sufficiente il tempo in vista del Giudizio fissato per il 13 gennaio (per questo chiedono di rinviare il Giudizio o ritirare il ricorso); abbiamo fatto notare che: 

·         La DGR 30 è stata “sospesa” il 29 ottobre e oltre un mese è già trascorso; 

·         la DGR 30, come ci è stato comunicato per scritto e verbalmente, non esisteva né il 22 maggio 2015 (unica consultazione concessa alle parti sociali prima dell’approvazione della DGR) e nemmeno il 29 maggio 2015 (data del Convegno “Psichiatria senz’anima?” organizzato dalle Associazioni). Essendo stata approvata il 3 giugno 2015, il tempo che resta ora pare ben più ampio. In ogni caso, abbiamo riferito che le varie parti sociali hanno già svolto un puntuale lavoro di emendamento della DGR 30 e a questo aggiunto che esistono tre DGR della scorsa Legislatura in attesa di parere della IV Commissione. Sono espressione del lavoro svolto tra la scorsa Giunta e le parti sociali e contengono elementi certamente da perfezionare e riformulare alla luce delle prospettive di una nuova Giunta, ma 
possono essere utilizzate per accelerare i tempi di riformulazione di un provvedimento finalmente corretto, completo ed applicabile. 

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Gustavo Pietropolli Charmet

L'insostenibile bisogno di ammirazione

 

2018 Collana Tempi Nuovi, Edizioni Laterza

 

In pochi anni e con un'accelerazione imprevedibile è successa una catastrofe: sono spariti il Patriarcato e il suo rappresentante più noto, il Padre. Il loro posto è stato occupato dal Sé, è lui che comanda e sancisce il giusto dall'ingiusto. L'individuo, insensibile alle regole e alle leggi e in assenza di grandi narrazioni condivise, pretende di realizzarsi e di ottenere con facilità ricchezza, benessere e potere sociale. Se nelle società del passato l'urgenza era quella di adeguarsi alle regole e alla legge del Padre, oggi il desiderio più profondo dei ragazzi - ma sempre di più anche degli adulti - è quello di suscitare ammirazione. E se non c'è l'ammirazione, c'è la vergogna: risulta intollerabile l'idea di essere considerati brutti, insignificanti, privi di fascino. Alla caduta dell'etica condivisa ha corrisposto l'enfasi sull'estetica, sul potere della seduzione, sull'esibizione spudorata di doti spesso inesistenti. Ecco perché oggi la paura di essere inadeguati, di non essere all'altezza delle aspettative, di non essere desiderabili, è divenuta la causa più diffusa di sofferenza mentale.

 

L'Autore

 

Gustavo Pietropolli Charmet è uno dei più importanti psichiatri e psicoterapeuti italiani. È stato primario in diversi ospedali psichiatrici e docente di Psicologia Dinamica all’Università Statale di Milano e all’Università di Milano Bicocca. Nel 1985, con l’appoggio di Franco Fornari e con altri soci, ha fondato l’Istituto Minotauro di cui è stato presidente fino al 2011 e di cui è tuttora socio. Attualmente, presso il Minotauro, è docente della Scuola di Psicoterapia dell’Adolescenza ARPAD ed è il Direttore Scientifico del Consultorio per Adolescenti. A Milano è Presidente del C.A.F. Onlus - Centro Aiuto alla Famiglia in Crisi e al Bambino Maltrattato - e Direttore clinico del Progetto TEEN Comunità Residenziale e Centro Diurno. È Direttore Scientifico della collana “Parenting” della BUR – Rizzoli e della collana “Adolescenza, educazione, affetti” dell’Editore Franco Angeli; ha diretto la collana “Biblioteca dei genitori” del Corriere della Sera. È autore di numerosi saggi sull’adolescenza e dal 2014 è Direttore Scientifico del Festival della Mente di Sarzana.