Sintesi incontro 3 dicembre 2015 presso PD Piemonte (Sebastiano Piglia, DiAPsi Ceva-Mondovì


ALMM e DIAPSI Piemonte, nelle persone dei loro Presidenti, hanno partecipato all’incontro del 3 dicembre come indicato dalla mail ricevuta dalla Segreteria del PD Piemonte qui sotto riportata: 

“In seguito all'incontro del 4 novembre tenutosi con tutti gli enti e le associazioni che operano nel settore inerente la D.G.R. 30 sul Riordino della rete dei servizi residenziali psichiatrici, si è convenuto con il segretario regionale e il consigliere regionale Andrea Appiano di convocare un tavolo di lavoro con i tre consulenti della Regione Piemonte, (dott. Villari, la dott.ssa Corbascio e il dott. Geda); il suddetto tavolo avrà lo scopo di raccogliere le istanze dei presenti per addivenire ad un documento da sottoporre all'attenzione dell'Assessore Saitta. A tale scopo le chiederei di essere presente giovedì 3 dicembre alle ore 19 presso la sede del Partito Democratico in via Masserano 6, Torino. 

RingraziandoLa per la sua disponibilità, 

La saluto cordialmente 

Maria Peano  -  Segreteria Regionale, delegata alle Politiche per la salute”. 



All’incontro erano presenti i tre consulenti delle Regione Piemonte (Dott.ssa Corbascio, Dott. Villari, Dott. Geda) e la Dott.ssa Peano, delegata del PD alle Politiche per la Salute. 

Tutte le parti sono state convocate singolarmente (Cooperative, Privato Imprenditoriale) e saranno ascoltati anche i Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale la prossima settimana. 

Ci era stato chiesto di portare un documento che elencasse le criticità della DGR 30 e abbiamo ritenuto, per completezza di informazione, di consegnare copia del ricorso presentato al TAR dalle Associazioni, corredato di una breve scheda riassuntiva (vedi http://www.menteinpace.it/novita-ed-iniziative/ ). 

Gli elementi emersi durante l’incontro sono i seguenti: 

1.       La Dott.ssa Peano ci ha spiegato l’obiettivo di queste consultazioni: presentare all’Assessore Saitta le modifiche da apportare alla DGR 30, raccogliendo dalle varie parti sociali le criticità riscontrate; 

2.       I Consulenti Tecnici delle Regione Piemonte hanno concordato in larga misura sull’inapplicabilità della DGR 30, ma anche sulla necessità di riordinare il settore della residenzialità, punti sui quali abbiamo concordato pienamente; 

3.       Abbiamo chiesto come intendessero procedere operativamente, soprattutto in relazione alla convocazione ricevuta in data 30 novembre dall’Ufficio Salute Mentale della Regione Piemonte con oggetto: “Incontro percorso attuativo sul riordino della rete residenziale della salute mentale” che si terrà il 17 dicembre presso la Direzione Sanità e fatto presente che ci pare contraddittorio organizzare un incontro con oggetto “fase attuativa” di un riordino della rete residenziale attualmente sospeso dal TAR del Piemonte. I Consulenti Tecnici e la Dott.ssa Peano non erano al corrente dell’incontro previsto per17 dicembre, riconoscendo la “confusione” che sembra caratterizzare il riordino di questo settore della Psichiatria. 

4.       Ci è stato infine chiesto se fossimo disposti a rinviare il Giudizio al TAR previsto per il 13 gennaio o a ritirare il ricorso. 
Abbiamo risposto che questo sarebbe (forse) preso in considerazione 
se: 


·          l’Assessore alla Sanità ritirasse la DGR 30; 

·          nominasse con Determina Regionale un Tavolo Tecnico con indicati i nominativi dei rappresentanti di tutte le parti coinvolte dal riordino (Funzionari Regionali e Consulenti Tecnici, rappresentanti delle Cooperative e del Privato Imprenditoriale, rappresentanti delle Associazioni, Rappresentanti dei Dipartimenti di Salute Mentale) con mandato di giungere alla stesura di un documento entro termini temporali prefissati. 

·         che a questo seguisse l’Istituzione di un Osservatorio Permanente sulla Psichiatria (con la stessa eterogenea composizione) con obiettivi di monitoraggio, valutazione e programmazione sanitaria, avvalendosi del contributo dell’Università degli Studi di Torino che, come tutti ben sanno, ha ampiamente la possibilità di fornire strumenti di alta e comprovata validità scientifica. 

5.       In merito alla scrittura di un nuovo provvedimento, secondo i Consulenti non è sufficiente il tempo in vista del Giudizio fissato per il 13 gennaio (per questo chiedono di rinviare il Giudizio o ritirare il ricorso); abbiamo fatto notare che: 

·         La DGR 30 è stata “sospesa” il 29 ottobre e oltre un mese è già trascorso; 

·         la DGR 30, come ci è stato comunicato per scritto e verbalmente, non esisteva né il 22 maggio 2015 (unica consultazione concessa alle parti sociali prima dell’approvazione della DGR) e nemmeno il 29 maggio 2015 (data del Convegno “Psichiatria senz’anima?” organizzato dalle Associazioni). Essendo stata approvata il 3 giugno 2015, il tempo che resta ora pare ben più ampio. In ogni caso, abbiamo riferito che le varie parti sociali hanno già svolto un puntuale lavoro di emendamento della DGR 30 e a questo aggiunto che esistono tre DGR della scorsa Legislatura in attesa di parere della IV Commissione. Sono espressione del lavoro svolto tra la scorsa Giunta e le parti sociali e contengono elementi certamente da perfezionare e riformulare alla luce delle prospettive di una nuova Giunta, ma 
possono essere utilizzate per accelerare i tempi di riformulazione di un provvedimento finalmente corretto, completo ed applicabile. 

Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:44751

 

TOTALE VISITE: 64940

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni36

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:49

 

Dati aggiornati

al 18-02-2020

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

 

 

Dall'indice: 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento!

 

Gazpacho

La ricetta che seguo da anni è quella che più mi piace portare a tavola quando i pomodori sono al giusto grado di maturazione e la calura estiva ha bisogno di una zuppa fredda rinfrescante come questa! Di solito porto in tavola il Gazpacho con crostini e cubetti di cetriolo o di peperone verde. La cremosità e il gusto di questo piatto sapranno conquistarti, è semplice da preparare e non occorre cottura, ma un riposo in frigo di circa un’ora prima della sua consumazione. Se non disponi di mixer con lama grande, puoi sempre usare un frullatore classico!

 

Per la ricetta e la preparazione clicca su

https://unabloggerincucina.it/gazpacho-2/