Sintesi incontro 3 dicembre 2015 presso PD Piemonte (Sebastiano Piglia, DiAPsi Ceva-Mondovì


ALMM e DIAPSI Piemonte, nelle persone dei loro Presidenti, hanno partecipato all’incontro del 3 dicembre come indicato dalla mail ricevuta dalla Segreteria del PD Piemonte qui sotto riportata: 

“In seguito all'incontro del 4 novembre tenutosi con tutti gli enti e le associazioni che operano nel settore inerente la D.G.R. 30 sul Riordino della rete dei servizi residenziali psichiatrici, si è convenuto con il segretario regionale e il consigliere regionale Andrea Appiano di convocare un tavolo di lavoro con i tre consulenti della Regione Piemonte, (dott. Villari, la dott.ssa Corbascio e il dott. Geda); il suddetto tavolo avrà lo scopo di raccogliere le istanze dei presenti per addivenire ad un documento da sottoporre all'attenzione dell'Assessore Saitta. A tale scopo le chiederei di essere presente giovedì 3 dicembre alle ore 19 presso la sede del Partito Democratico in via Masserano 6, Torino. 

RingraziandoLa per la sua disponibilità, 

La saluto cordialmente 

Maria Peano  -  Segreteria Regionale, delegata alle Politiche per la salute”. 



All’incontro erano presenti i tre consulenti delle Regione Piemonte (Dott.ssa Corbascio, Dott. Villari, Dott. Geda) e la Dott.ssa Peano, delegata del PD alle Politiche per la Salute. 

Tutte le parti sono state convocate singolarmente (Cooperative, Privato Imprenditoriale) e saranno ascoltati anche i Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale la prossima settimana. 

Ci era stato chiesto di portare un documento che elencasse le criticità della DGR 30 e abbiamo ritenuto, per completezza di informazione, di consegnare copia del ricorso presentato al TAR dalle Associazioni, corredato di una breve scheda riassuntiva (vedi http://www.menteinpace.it/novita-ed-iniziative/ ). 

Gli elementi emersi durante l’incontro sono i seguenti: 

1.       La Dott.ssa Peano ci ha spiegato l’obiettivo di queste consultazioni: presentare all’Assessore Saitta le modifiche da apportare alla DGR 30, raccogliendo dalle varie parti sociali le criticità riscontrate; 

2.       I Consulenti Tecnici delle Regione Piemonte hanno concordato in larga misura sull’inapplicabilità della DGR 30, ma anche sulla necessità di riordinare il settore della residenzialità, punti sui quali abbiamo concordato pienamente; 

3.       Abbiamo chiesto come intendessero procedere operativamente, soprattutto in relazione alla convocazione ricevuta in data 30 novembre dall’Ufficio Salute Mentale della Regione Piemonte con oggetto: “Incontro percorso attuativo sul riordino della rete residenziale della salute mentale” che si terrà il 17 dicembre presso la Direzione Sanità e fatto presente che ci pare contraddittorio organizzare un incontro con oggetto “fase attuativa” di un riordino della rete residenziale attualmente sospeso dal TAR del Piemonte. I Consulenti Tecnici e la Dott.ssa Peano non erano al corrente dell’incontro previsto per17 dicembre, riconoscendo la “confusione” che sembra caratterizzare il riordino di questo settore della Psichiatria. 

4.       Ci è stato infine chiesto se fossimo disposti a rinviare il Giudizio al TAR previsto per il 13 gennaio o a ritirare il ricorso. 
Abbiamo risposto che questo sarebbe (forse) preso in considerazione 
se: 


·          l’Assessore alla Sanità ritirasse la DGR 30; 

·          nominasse con Determina Regionale un Tavolo Tecnico con indicati i nominativi dei rappresentanti di tutte le parti coinvolte dal riordino (Funzionari Regionali e Consulenti Tecnici, rappresentanti delle Cooperative e del Privato Imprenditoriale, rappresentanti delle Associazioni, Rappresentanti dei Dipartimenti di Salute Mentale) con mandato di giungere alla stesura di un documento entro termini temporali prefissati. 

·         che a questo seguisse l’Istituzione di un Osservatorio Permanente sulla Psichiatria (con la stessa eterogenea composizione) con obiettivi di monitoraggio, valutazione e programmazione sanitaria, avvalendosi del contributo dell’Università degli Studi di Torino che, come tutti ben sanno, ha ampiamente la possibilità di fornire strumenti di alta e comprovata validità scientifica. 

5.       In merito alla scrittura di un nuovo provvedimento, secondo i Consulenti non è sufficiente il tempo in vista del Giudizio fissato per il 13 gennaio (per questo chiedono di rinviare il Giudizio o ritirare il ricorso); abbiamo fatto notare che: 

·         La DGR 30 è stata “sospesa” il 29 ottobre e oltre un mese è già trascorso; 

·         la DGR 30, come ci è stato comunicato per scritto e verbalmente, non esisteva né il 22 maggio 2015 (unica consultazione concessa alle parti sociali prima dell’approvazione della DGR) e nemmeno il 29 maggio 2015 (data del Convegno “Psichiatria senz’anima?” organizzato dalle Associazioni). Essendo stata approvata il 3 giugno 2015, il tempo che resta ora pare ben più ampio. In ogni caso, abbiamo riferito che le varie parti sociali hanno già svolto un puntuale lavoro di emendamento della DGR 30 e a questo aggiunto che esistono tre DGR della scorsa Legislatura in attesa di parere della IV Commissione. Sono espressione del lavoro svolto tra la scorsa Giunta e le parti sociali e contengono elementi certamente da perfezionare e riformulare alla luce delle prospettive di una nuova Giunta, ma 
possono essere utilizzate per accelerare i tempi di riformulazione di un provvedimento finalmente corretto, completo ed applicabile. 

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 132.217

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 58

Dati aggiornati

al 28-6-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Benedetto Saraceno

LE LINGUE DELLA PAURA

Edizioni Alpha Beta Verlag

 

In un bosco nei dintorni di Ginevra, in circostanze casuali, si consuma il cruento omicidio del vicedirettore della HEGA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di economia sanitaria mondiale.

L’autore materiale è un alto funzionario della stessa agenzia, Andreas Krause, per il quale la vittima rappresenta l’unico ostacolo apparentemente insormontabile alle proprie ambizioni di carriera. Assediato dal timore di essere scoperto e dai sospetti che cominciano ad addensarsi su di lui, si ritrova lentamente risucchiato in un gorgo di paure e ossessioni, che degenera in un’autentica paranoia. Arriva addirittura ad assoldare un killer per sbarazzarsi di un collega che, secondo il suo lucido delirio, sarebbe pronto a denunciarlo. In breve tempo la sua vita privata e professionale va a rotoli, e ogni tentativo di fare marcia indietro e confessare il proprio delitto è vanificato da continue oscillazioni emotive e confusi progetti di fuga. Nel chiuso, ovattato quanto spregiudicato ambiente diplomatico internazionale affiorano intanto intrighi e personaggi di dubbia moralità, disposti a tutto pur di non perdere potere e privilegi. Tra rituali bizantini, scandali messi sotto silenzio e subdoli conflitti d’interesse, emerge un quadro a tinte fosche tratteggiato con inquietante precisione. Nella sua pur riluttante connivenza, di questo perverso mosaico Krause è un tassello fondamentale.

 

Le lingue della paura è un raffinato noir psicologico, una storia intrisa di cinismo, avidità e umana fragilità, con un finale sorprendente.

 

L’Autore

Psichiatra, dal 1999 al 2010 è stato direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Abuso di Sostanze dell’Organizzazione mondiale della Salute a Ginevra. In precedenza ha lavorato all’Ospedale psichiatrico di Trieste sotto la direzione di Franco Basaglia e Franco Rotelli, ed è stato a capo del Laboratorio di Epidemiologia e Psichiatria sociale presso l’Istituto Mario Negri.

Membro onorario del Royal College of Psychiatry, attualmente è segretario generale del Lisbon Institute of Global Mental Health. Ha all’attivo oltre duecento articoli su riviste scientifiche internazionali.

Tra i suoi ultimi volumi pubblicati ricordiamo: Psicopolitica. Città, salute, migrazioni (DeriveApprodi, 2019); Sulla povertà della psichiatria (DeriveApprodi, 2017); Discorso globale, sofferenze locali. Analisi critica del Movimento di salute mentale globale (il Saggiatore, 2014).

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI