LE NOVITA' DI GENNAIO AL QI Centro di Aggregazione Giovanile di Cuneo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cari soci, amici e sostenitori del Qi

vi ricordiamo

fino al 10 GENNAIO

 MERCANDO' il temporary shop            

Vi aspettiamo insieme a

ElimondHandMade, eco-design

https://www.facebook.com/ElimondHandMade/?fref=ts,

Perl'Aura creatrice di Bijoux,

https://www.facebook.com/www.bottegadeifolletti.it/?fref=ts

Gianmario Vigna ceramiche,

i primi tre creativi cuneesi che vi propongono i loro manufatti.

 

VENERDI' 8 GENNAIO 2016

inMostraQi vi offre

 ISABELLA PRIMERANO - SENSAZIONI         

Una rassegna basata su sensazioni ed emozioni da me provate, che mi hanno fatto riflettere o che mi hanno gettato nello sconforto e nella confusione.

Brevi periodi e vuoti estesi, piccole felicità e grandi insoddisfazioni scandiscono il senso di tutto questo. Questa mostra non vuole essere né un’esposizione arrogante, con il fine di mostrare capacità artistiche e tecniche ben precise, né tantomeno una finestra su un'anima esibizionistica in cerca di autocompiacimento.

Semplicità, realtà e genuinità è ciò che si tenta di portare ai vostri occhi.

Una serie d’opere iniziate nell’aprile 2014 formano questa mostra; che da allora hanno avuto bisogno di tempo per concretizzarsi e crescere.

Non sono state scelte tanto perché le più belle o le meglio riuscite, ma perché figlie d’un certo periodo, una conseguenza dell’altra, una collegata all’altra.

Esse rappresentano consapevolezza e rimpianti, crescita e superamento.

Non fate domande: osservate, sentite, pensate, provate... così capirete.

 

DOMENICA 10 GENNAIO ore 16:00

 TORNEO di FIFA16 su PS3                     

Fase a gironi [dettagli nell'allegato]

e come sempre dalle ore 18:00

 LAZY SUNDAY                                          

nella solita formula: calciobalilla, tennistavolo e abbondante apericena.

 

TUTTI NOI DELLO STAFF DEL Qi VI

AUGURIAMO   UN MERAVIGLIOSO 2016.


Qi - Centro di Aggregazione Giovanile
Corso V. Emanuele II, 33
Cuneo
Tel. 0171/070422
sy.qi33@gmail.com <sy.qi@gmail.com>
www.qi33.it

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28292

TOTALE VISITE

43180

Dati aggiornati

al 15-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Mario Maffi

1957. UN ALPINO ALLA SCOPERTA DELLE FOIBE

Gaspari Editore

 

Cinquant’anni dopo, i ricordi della ”missione segreta” emergono dalla memoria di Mario Maffi e si trasformano in racconto scritto, inseriti in una rapida rivisitazione autobiografica a tutto campo. “Scendere” in una foiba è come scendere nella storia, cogliendola in uno dei suoi momenti più spietati: i crani mescolati alla ruggine di una bicicletta, le ossa sparse tra cocci di vetro e pagliericci, sono una visione infernale. Per metà tomba e per metà discarica, la foiba rappresenta il rovesciamento dei valori, l’umiliazione dei corpi morti che si aggiunge alla ferocia sui vivi. È una pagina in più che ci restituisce i contorni di una tragedia lontana, attorno alla quale c’è ancora tanto da studiare e da scoprire: una pagina che porta anche noi lettori al fondo della “foiba”, con la suggestione inquietante di un buio carico di significati e di simboli. (dalla Prefazione di Gianni Oliva).

 

Mario Maffi racconta interessanti aneddoti di storia cuneese nel periodo della seconda guerra mondiale sino al dopoguerra, a cui aggiunge la missione segreta nelle foibe, assegnatagli come alpino esperto in speleologia. 

 

Note biografiche sull'autore

 

Mario Maffi,
(Cuneo 1933-2017) ufficiale esperto di mine ed esplosivi, speleologo e fotografo, viene convocato nel 1957 dal ministero della Difesa per una missione segreta che lo porta a diventare inconsapevole testimone di una delle più atroci pagine del secondo dopoguerra: le foibe. Tale esperienza rimase per 50 anni solo nella sua memoria perché coperta dal segreto militare.
È autore di studi storico militari fra cui L’onore di Bassignano - il maggiore piemontese che non volle fucilare gli alpini del Val d’Adige (Gaspari 2010).