ELETTROSHOCK. Presentazione del libro a Racconigi (Voci Erranti)

Si svolgerà SABATO 23 GENNAIO alle ORE 17 a Racconigi presso “La Casa di Eugenio” in via Fiume 22, sede dell'associazione Voci Erranti, la presentazione del libro "ELETTROSHOCK. LA STORIA DELLE TERAPIE ELETTROCONVULSIVE E I RACCONTI DI CHI LE HA VISSUTE." (ed. Sensibili alle Foglie) curato dal Collettivo A. Artaud di Pisa.

Un viaggio nella storia delle shock terapie. Per sfatare il mito che esse siano barbarie di altri tempi, gli autori propongono le testimonianze di persone in carne ed ossa, vive e vegete, che sono state sottoposte all’elettroshock. Questo lavoro vuole essere uno strumento per ampliare la riflessione e il confronto sul tema dei metodi terapeutici ai quali le persone, soprattutto quelle vittime di etichette psichiatriche, vengono costrette, il più delle volte senza esserne nemmeno informate.
Il Collettivo Artaud, nato nel 2005, si propone come un gruppo sociale che, costruendo occasioni di confronto e di dialogo, vuole sostenere le persone maggiormente colpite dal pregiudizio psichiatrico.  Sta compiendo un giro di presentazioni in tutta Italia per promuovere il libro e sollecitare un confronto su queste tematiche assai delicate e di cui generalmente si parla poco. E quale luogo più indicato dell'ex ospedale psichiatrico di Racconigi, un pezzo della storia recente della provincia di Cuneo.
Durante la serata verrà proiettato il video “Pietro” di A. Valente, la lucida testimonianza di una vittima dell'elettroshock, seguirà dibattito con aperitivo.
L'iniziativa si svolgerà presso “La Casa di Eugenio”, in via Fiume 22, ex portineria e panificio del manicomio, diventata un importante Centro di Formazione nel campo delle arti espressive nella quale si svolgono corsi, incontri e seminari, si praticano laboratori teatrali, si creano spettacoli ed eventi culturali.

Ingresso Libero

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28523

TOTALE VISITE

43527

Dati aggiornati

al 21-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Mario Maffi

1957. UN ALPINO ALLA SCOPERTA DELLE FOIBE

Gaspari Editore

 

Cinquant’anni dopo, i ricordi della ”missione segreta” emergono dalla memoria di Mario Maffi e si trasformano in racconto scritto, inseriti in una rapida rivisitazione autobiografica a tutto campo. “Scendere” in una foiba è come scendere nella storia, cogliendola in uno dei suoi momenti più spietati: i crani mescolati alla ruggine di una bicicletta, le ossa sparse tra cocci di vetro e pagliericci, sono una visione infernale. Per metà tomba e per metà discarica, la foiba rappresenta il rovesciamento dei valori, l’umiliazione dei corpi morti che si aggiunge alla ferocia sui vivi. È una pagina in più che ci restituisce i contorni di una tragedia lontana, attorno alla quale c’è ancora tanto da studiare e da scoprire: una pagina che porta anche noi lettori al fondo della “foiba”, con la suggestione inquietante di un buio carico di significati e di simboli. (dalla Prefazione di Gianni Oliva).

 

Mario Maffi racconta interessanti aneddoti di storia cuneese nel periodo della seconda guerra mondiale sino al dopoguerra, a cui aggiunge la missione segreta nelle foibe, assegnatagli come alpino esperto in speleologia. 

 

Note biografiche sull'autore

 

Mario Maffi,
(Cuneo 1933-2017) ufficiale esperto di mine ed esplosivi, speleologo e fotografo, viene convocato nel 1957 dal ministero della Difesa per una missione segreta che lo porta a diventare inconsapevole testimone di una delle più atroci pagine del secondo dopoguerra: le foibe. Tale esperienza rimase per 50 anni solo nella sua memoria perché coperta dal segreto militare.
È autore di studi storico militari fra cui L’onore di Bassignano - il maggiore piemontese che non volle fucilare gli alpini del Val d’Adige (Gaspari 2010).