CONSIDERAZIONI CIRCA LE MOZIONI SULLA DGR n.30 (Enrico Di Croce)

Il nostro obiettivo è presentare una proposta dettagliata di modifica della DGR30 alla quarta commissione (più precisamente: “IV Commissione Sanità Assistenza Servizi Sociali, Politiche degli Anziani”), che è un organo del Consiglio Regionale.

E’ importante ricordarci che il Consiglio Regionale è già abbastanza vicino alle nostre posizioni: a dicembre ha approvato, a larghissima maggioranza, due mozioni con le quali impegna l’Assessore a modificare la delibera sulla residenzialità. Le mozioni sono state promosse dai partiti più importanti del consiglio: una della maggioranza, firmata dal capogruppo e segretario regionale del PD Davide Gariglio. L’altra, dell’opposizione, dal capogruppo di Forza Italia Gianluca Vignale. Il Presidente della IV Commissione si chiama Domenico Ravetti ed è del PD. Il vicepresidente è Davide Bono dei 5 Stelle, che era presente al nostro incontro del 13 gennaio. Della Commissione fanno parte sia Gariglio che Vignale, sia Nino Boeti del PD sia Marco Grimaldi di SEL che erano presenti il 13 gennaio.

Non possiamo certo presentare il nostro documento senza riconoscere quello che il Consiglio ha già sostenuto e che noi approviamo. Dovremmo aggiungere quello che manca, fare presente quello che non condividiamo e, soprattutto, provare ad andare più nei dettagli, visto che le mozioni affermano principi generali.

1)      Una parte degli appartamenti e’ terapeutica (mozione Gariglio e Vignale); la distinzione va fatta su base funzionale (mozione Gariglio). BISOGNA DEFINIRE IL LIMITE FRA APPARTAMENTI TERAPEUTICI (SRP1 e 2) e ASSISTENZIALI (SRP3). Secondo la mozione Vignale sono terapeutici quelli coperti sulle 24 e 12 ore (Il che, secondo me, è del tutto insufficiente e improprio). Secondo la sintesi di Lanteri invece dipende dalle caratteristiche degli utenti inseriti e dal turnover (cioè da quanto gli utenti riescono ad evolvere). Secondo la nostra bozza di manifesto di inizio gennaio dipende anche dal tipo di operatori presenti (prevalenza di operatori sanitari, educatori, psicologi, infermieri). PENSO CHE DOVREMMO PRODURRE UNA NOSTRA PROPOSTA PIU’ PRECISA E DEFINITA.

2)      Negli appartamenti sono sufficienti le caratteristiche di civile abitazione: lo chiede anche la mozione Gariglio

3)      Sono necessari progetti individuali di domiciliarità, alternativi o successivi alla residenzialità, che la DGR30 non cita. Lo chiediamo noi e anche le mozioni Gariglio e Vignale. La mozione Vignale parla esplicitamente di budget di salute: il che significa (si veda la delibera dell’Emilia Romagna che ho condiviso ieri)  che l’ASL PUO’ SPENDERE SOLDI PER PROGETTI MOLTO INDIVIDUALIZZATI E FLESSIBILI, che servono per ore operatori, o per qualunque altro fine considerato utile nell’ambito del progetto individuale, compreso un eventuale INTERVENTO ECONOMICO finalizzato alla cura per chi sta a casa propria, come chiede Daniele Bego. In sostanza il budget di salute consente anche un uso più trasparente  dell’assegno terapeutico. QUESTI PROGETTI DEVONO ESSERE DI NATURA SANITARIA; il che significa che, come in Emilia,, anche se è previsto e utile una compartecipazione di servizi sociali e utenti, quando è indicato, essa viene decisa caso per caso e soprattutto l’Asl può decidere di spendere tutti i soldi che reputa necessari per il singolo progetto, nei limiti del budget complessivo che le è assegnato

4)      Deve essere sempre centrale il ruolo del Csm. Questa centralità, che chiediamo noi e che chiede con forza Carla Soldi non è prevista, se non in maniera formale e burocratico (compilazione del Piano terapeutico individuale) dalla DGR30 e manca anche nelle mozioni Vignale e Gariglio. Io non credo che sia generalizzabile quello che dice la signora Soldi e cioè che i csm sono assenti dalla attività dei gruppi appartamento: dipende da situazione a situazione. Però è vero che la Regione ha sostenuto la posizione opposta per cui NON BISOGNEREBBE creare alcuna commistione fra pubblico e privato e gli operatori del Csm dovrebbero astenersi assolutamente dal prendere parte dalle attività dei GA, perché questo sarebbe uno spreco di denaro pubblico visto che ci sono già gli operatori privati. SU questo punto sono stati presentati addirittura ricorsi alla corte dei conti. E? una questione fondamentale: noi dovremmo sostenere che LA COPROGETTAZIONE, L‘INTEGRAZIONEl lavoro fianco a fianco, di operatori pubblici e privati, E’ ASSOLUTAMENTE NECESSARIA affinché i progetti non si risolvano in una delega a perdere.

5)      Oltre al diritto ad evolvere esiste anche il diritto a scegliere rimanere nello stesso luogo, se ha senso nell’ambito del progetto, evitando deportazioni. Lo sottolinea Carla Soldi. La permanenza a lungo termine pone la questione della compartecipazione e della distinzione fra terapeutico e assistenziale, di cui al punto 1.

6)      La pari ammissibilità dei titoli di studio compare nella mozione Gariglio.

7)      La coprogettazione con utenti e familiari e anche l’istituzione di un’osservatorio.consulta è chiesta sia da mozione Vignale che Gariglio

8)      La questione dei diritti dei lavoratori è assente dalle mozioni e  dovremmo assolutamente  rilanciarla

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Nina Anastasio (domenica, 22 gennaio 2017 20:49)


    Wonderful article! We are linking to this great content on our website. Keep up the great writing.

  • #2

    Callie Hon (martedì, 31 gennaio 2017 11:49)


    Thanks in support of sharing such a good thinking, piece of writing is nice, thats why i have read it completely

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

41673

TOTALE VISITE

60768

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

37

MEDIA GIORNALIERA VISITE NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

57

Dati aggiornati

al 19-11-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Stefano Vicari

Andrea Pamparana

 

IL FILO TESO

Edizioni Giunti EDU

 

“Il primo segreto è non aver paura. I ragazzi la sentono e non si fidano di chi ha paura di loro. E poi sono stato fortunato. Gilberto, non volendo, mi ha fatto capire in che guaio si è cacciato”. “Il male oscuro degli adolescenti di oggi non è quel ragazzo nudo sul tetto della scuola che si voleva suicidare. Quella, lo sappiamo – vero, Francesco? – è una malattia. Il male oscuro di questa generazione è l’ignoranza. La cultura è la medicina. La cultura come curiosità del sapere”.  Storie di giovani vite sul filo, che tentano equilibrismi incerti tra salute e disturbo mentale, con il rischio costante che quel filo teso si spezzi e si cada nel vuoto. Un filo che è anche un legame, un materiale fragile che ciò nonostante unisce, ricollega, mette insieme... È il filo rosso che lega i tre protagonisti del libro: Francesco Nitti, primario di neuropsichiatria infantile, appassionato e competente, e Antonio Martini, un giornalista curioso che vuole fare un documentario sull’autismo. E poi ci sono loro, i ragazzi e le ragazze che vivono il disagio psichico: Pamela, consumata dall’anoressia; Mario, così grande e grosso, pieno di angoscia che manifesta in esplosioni di aggressività incontrollabili; Valentina, che chiede disperatamente di essere ascoltata tentando il suicidio; Giulia, tossica, vittima di violenze e sfruttamento sessuale; Arianna, che scappa con il fidanzato senza comprenderne i rischi a causa della sua disabilità intellettiva; Marinella, persa nel suo mondo disegnato dall’autismo; Gilberto, fragile e manipolabile, che si lascia catturare dal blue whale. Infine Carmelo, nato Carmelina, che si batte per essere ciò che si sente di essere…  Un romanzo intenso che, attraverso il vissuto dei protagonisti, porta alla luce l’intreccio di storie dalle mille sfaccettature, ci offre uno spaccato inedito della realtà dei disturbi psichiatrici tra gli adolescenti – considerati ancora un tabù – e si prefigge di rimodulare la definizione di disagio mentale per dargli l’aspetto che ha per natura: un disturbo come altri, da riconoscere e curare.

 

visualizza la scheda del libro cliccando

https://www.giunti.it/catalogo/il-filo-teso-9788809881099

 

 

Turismo
in Langa

Castle Angels 

Fuga dalla verità


Pronti per essere gli “angeli” del castello? Riuscirete a sventare l’attacco del nemico pronto a diffondere fake news per screditare l’organizzazione e uscire sani e salvi?

CASTELLO DI VERRONE

Falseum – Museo del Falso e dell’Inganno
Via della valletta 1 - 13871 VERRONE (Biella)

L’avventura prende piede quando il nostro “Charlie” scopre che un avversario misterioso ha creato una “Fake News” per screditare l’operato dei Castle Angels. Se i mezzi di informazione venissero a conoscenza di questo falso sarebbe la fine per l’intera organizzazione!
I partecipanti sapranno impedire la diffusione della notizia e salvare gli stessi Castle Angels prima che sia troppo tardi?

 

“Castle Angels” è un format di visita a squadre, liberamente ispirato alle modalità tipiche delle “escape room”, per conoscere il Museo del Falso e dell’inganno di Verrone (BI), attraverso la ricerca di indizi e la risoluzione di quesiti, con un format che trae liberamente spunto dal noto telefilm “Charlie’s angels” e dai suoi protagonisti, per diventare poi un’originale ed inedita avventura.

 

Per più informazioni clicca su

http://www.turismoinlanga.it/it/castle-angels-fuga-dalla-verita/

Biscotti Gorgonzola e barbabietola

A Fano ho visitato un posticino fantastico, La golosa officina, una bottega artigianale dove si producono quotidianamente biscotti di ogni tipo e forma, dolci e salati,  ma solo con materie prime selezionatissime, dalla farina macinata a pietra alle amarene di Cantiano, passando per lo zafferano del Montefeltro, arrivando alla nocciola Piemonte IGP, la famosa tonda gentile. Un’esperienza gustativa unica che ha avuto una ripercussione nel mio modo di vedere la biscotteria fino ad ora: ecco che, tornata a casa, ho cominciato anch’io a sperimentare, soprattutto sul salato, per creare sempre nuovi biscotti adatti non solo agli aperitivi, ma da presentare a tutto pasto in accompagnamento a carne cruda, zuppe, secondi piatti, sorbetti. Il sapore e la friabilità di questi biscottini ti conquisterà al primo morso, ne sono certa! Questi biscotti gorgonzola e barbabietola credo abbiano subito una influenza da La golosa officina, e la mia ispirazione è andata ben oltre.

Per la ricetta e la preparazione  CLICCA SU:

https://unabloggerincucina.it/biscotti-gorgonzola-barbabietola/