Corso sulla fertilità del suolo al Giardino Foresta di Cuneo (Gruppo Z di Zappa)

Sabato 20 febbraio 2016 dalle ore15,00 alle ore 17,00 al Giardino Foresta di Via Rostagni ( vicino alla Casa del  Quartiere  Donatello) primo appuntamento   di una serie di incontri primaverili  del Gruppo “Zdizappa”

Sarà ospite Pietro Zucchetti dell’Istituto Italiano di permacultura  che  spiegherà come ripristinare la fertilità della terra attraverso l’uso di biostimolatori naturali . Il corso prevede una breve lezione frontale sull’importanza della sostanza organica nel terreno : attraverso l’utilizzo di un microscopio si vedranno gli organismi che presiedono al processo della formazione dell’humus.  Nel corso del pomeriggio si preparerà un buon compost  ed una soluzione a base di acidi umici, utile per il ripristino della fertilità in terreni poveri e stanchi.  

Sono parte del Progetto Il giardino Foresta , la Casa del Quartiere Donatello e il Centro  disturbi alimentari ASL1

La partecipazione è aperta a tutti.  Portare guanti da lavoro

Cell.   3357384541

 

 VI ASPETTIAMO!

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Alda Merini

 

IL SUONO DELL'OMBRA

Mondadori

 

Poetessa amatissima, personaggio trasgressivo e commovente che ha saputo parlare direttamente al cuore del popolo, Alda Merini ha rappresentato un caso del tutto particolare nella storia letteraria del Novecento italiano. In questa ricca antologia, che ne raccoglie tutti gli scritti importanti in poesia e in prosa, sono riproposte per intero le raccolte poetiche degli inizi: "La presenza di Orfeo" (1953), "Nozze romane" (1955), "Paura di Dio" (1955), "Tu sei Pietro" (1962), nelle quali si intrecciano temi mistici e slanci erotici, interrogativi estremi senza risposta. Il volume comprende poi notissimi e più recenti titoli come "Vuoto d'amore" (1991), "Ballate non pagate" (1995), "Superba è la notte" (2000) e "Il carnevale della croce" (2009). In questi versi l'autrice conferma la potenza della sua lirica, estranea a qualunque "linea" o "corrente", nella quale si mescolano passione e tenerezza, ironia e sarcasmo, gioco e disperazione, nel segno di un'urgenza assoluta di fare poesia. Le prose autobiografiche "L'altra verità" (1986) e "Lettere al dottor G." (2008), infine, testimoniano la straziante discesa negli inferi del manicomio.