Corso sulla fertilità del suolo al Giardino Foresta di Cuneo (Gruppo Z di Zappa)

Sabato 20 febbraio 2016 dalle ore15,00 alle ore 17,00 al Giardino Foresta di Via Rostagni ( vicino alla Casa del  Quartiere  Donatello) primo appuntamento   di una serie di incontri primaverili  del Gruppo “Zdizappa”

Sarà ospite Pietro Zucchetti dell’Istituto Italiano di permacultura  che  spiegherà come ripristinare la fertilità della terra attraverso l’uso di biostimolatori naturali . Il corso prevede una breve lezione frontale sull’importanza della sostanza organica nel terreno : attraverso l’utilizzo di un microscopio si vedranno gli organismi che presiedono al processo della formazione dell’humus.  Nel corso del pomeriggio si preparerà un buon compost  ed una soluzione a base di acidi umici, utile per il ripristino della fertilità in terreni poveri e stanchi.  

Sono parte del Progetto Il giardino Foresta , la Casa del Quartiere Donatello e il Centro  disturbi alimentari ASL1

La partecipazione è aperta a tutti.  Portare guanti da lavoro

Cell.   3357384541

 

 VI ASPETTIAMO!

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28360

TOTALE VISITE

43275

Dati aggiornati

al 17-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Mario Maffi

1957. UN ALPINO ALLA SCOPERTA DELLE FOIBE

Gaspari Editore

 

Cinquant’anni dopo, i ricordi della ”missione segreta” emergono dalla memoria di Mario Maffi e si trasformano in racconto scritto, inseriti in una rapida rivisitazione autobiografica a tutto campo. “Scendere” in una foiba è come scendere nella storia, cogliendola in uno dei suoi momenti più spietati: i crani mescolati alla ruggine di una bicicletta, le ossa sparse tra cocci di vetro e pagliericci, sono una visione infernale. Per metà tomba e per metà discarica, la foiba rappresenta il rovesciamento dei valori, l’umiliazione dei corpi morti che si aggiunge alla ferocia sui vivi. È una pagina in più che ci restituisce i contorni di una tragedia lontana, attorno alla quale c’è ancora tanto da studiare e da scoprire: una pagina che porta anche noi lettori al fondo della “foiba”, con la suggestione inquietante di un buio carico di significati e di simboli. (dalla Prefazione di Gianni Oliva).

 

Mario Maffi racconta interessanti aneddoti di storia cuneese nel periodo della seconda guerra mondiale sino al dopoguerra, a cui aggiunge la missione segreta nelle foibe, assegnatagli come alpino esperto in speleologia. 

 

Note biografiche sull'autore

 

Mario Maffi,
(Cuneo 1933-2017) ufficiale esperto di mine ed esplosivi, speleologo e fotografo, viene convocato nel 1957 dal ministero della Difesa per una missione segreta che lo porta a diventare inconsapevole testimone di una delle più atroci pagine del secondo dopoguerra: le foibe. Tale esperienza rimase per 50 anni solo nella sua memoria perché coperta dal segreto militare.
È autore di studi storico militari fra cui L’onore di Bassignano - il maggiore piemontese che non volle fucilare gli alpini del Val d’Adige (Gaspari 2010).