MAI PIU' MALTRATTAMENTI SU PAZIENTI PSICHIATRICI, ANZIANI E DISABILI IN PIEMONTE! (Gian Luca Vignale)


Al fine di evitare che si ripetano situzioni in cui la dignità umana e i diritti di pazienti alla cura e all'assistenza vengano cancellati ho presentato un Ordine del giorno per fare chiarezza su quanto avvenuto e consentire alle associazioni di pazienti e familiari di esercitare un'attività di controllo formale sulle strutture socio-sanitarie.

 

Oggetto: PSICHIATRIA: NUOVI ECCEZIONALI STRUMENTI DI CONTROLLO E VIGILANZA SULLE PRESTAZIONI PSICHIATRICHE IN PIEMONTE.

PREMESSO
che in questi giorni i giornali hanno riportato la notizia di un’operazione della polizia a Borgo d’Ale, coordinata dal sostituto procuratore Davide Pretti, che ha portato all’arresto di diciotto dipendenti con l’accusa di maltrattamenti di anziani e disabili all’interno di una struttura specializzata nell’assistenza a persone in condizioni di disagio psichico o affette da problemi motori;

RILEVATO
che con Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 12-6458 la Regione Piemonte ha stabilito che: “l’attività di verifica e di controllo dei requisiti strutturali, tecnici, organizzativo -gestionali e della qualità dell’assistenza erogata, nonché di quelli che avevano dato atto all’autorizzazione e all’accreditamento, venga svolta dalla Commissione così individuata con cadenza almeno annuale. Di prescrivere che i verbali redatti a seguito del sopralluogo, come da modello che sarà predisposto con provvedimento del Dirigente del Settore competente, vengano recepiti con apposito provvedimento del Direttore Generale entro un congruo termine, di norma non superiore ai 30 giorni dall’avvenuta verifica, e che vengano trasmessi alla Regione Piemonte, Assessorato Sanità, Settore Organizzazione dei Servizi Sanitari Ospedalieri e Territoriali, indicando le prescrizioni impartite a seguito delle eventuali carenze riscontrate.”;

CONSIDERATO
che, secondo le notizie stampa diffuse, le indagini all’interno della casa di riposo sono iniziate lo scorso agosto dopo una denuncia contro ignoti giunta alla procura di Vercelli, presentata dal padre di una delle pazienti e non rilevate dall'attività della Commissione di vigilanza;

SOTTOLINEATO
che il 23 dicembre 2015 il Consiglio regionale ha votato all’unanimità una mozione che “impegna la Giunta regionale a: istituire un Osservatorio permanente sulla psichiatria tra Regione Piemonte, enti locali, associazioni di pazienti e familiari, soggetti gestori e i vari dipartimenti di salute mentale”.

il Consiglio regionale
impegna

1- L’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale a presentare, entro 15 giorni dall'approvazione del presente atto, al Consiglio Regionale una Proposta di Delibera Consiliare che istituisca una Commissione d'indagine della durata di un anno finalizzata alla verifica dei servizi erogati ai pazienti psichiatrici piemontesi;
2- La Giunta regionale ad istituire, entro 15 giorni dal voto della presente, un Comitato di Vigilanza sui servizi psichiatrici piemontesi composto da rappresentanti delle associazioni familiari e dei pazienti più rappresentative in Piemonte ed avente titolo ad entrare in tutte le strutture accreditate dalla Regione Piemonte o che comunque beneficiano di contributi pubblici.

Torino, 23 febbraio 2016


Gian Luca VIGNALE (1° firmatario)

Consigliere regionale di FORZA ITALIA

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Luciano Sorrentino (martedì, 23 febbraio 2016 23:58)

    E' triste constatare che a distanza di 38 anni dalla legge 180 scopriamo ancora delle sacche e dei comportamenti manicomiali che resistono al tempo e prosperano nell'ignoranza generale, ma ciò non deve stupire. Col passare del tempo man mano che la sanità diventa sempre più un affare e non un diritto continueremo a scoprire realtà occultate dove l'infame esercizio dl potere sugli inermi é esercitato sfrenatamente. Tutti i luoghi concentrazionari corrono il rischio di trasformarsi in un inferno dei vivi ed é per questo motivo che bisognerebbe lavorare per evitare la formazione di strutture che annullano il singolo e operano esclusivamente per creare un'ordine interno attraverso la sopraffazione, lo vediamo negli SPDC, nelle comunità protette, negli istituti per gli anziani. Naturalmente le responsabilità sono in primo luogo personali, ma non possiamo tralasciare il fatto che esistono commissioni di vigilanza, direzioni di dipartimento, singoli medici e operatori ,che avrebbero il compito di tutelare e vigilare e quindi la responsabilità di questi fatti é anche loro. Le sanzioni sono necessarie ma non bastano, occorre che tutti gli attori in campo dai politici agli amministratori, dai direttori di dipartimento ai singoli medici e operatori tutti abbiamo l'opportunità e la volontà di cambiare culturalmente andando verso l'umanizzazione della sanità.
    Luciano Sorrentino
    Psichiatria Democratica

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

41319

TOTALE VISITE

60205

Dati aggiornati

al 11-11-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Paola Bolla

PROTEGGIMI

DA ME

Edizioni EBS Print - 2018

 

 

Immagina di partire per un viaggio all'interno di te, di toccare quei lati spigolosi, quegli spruzzi della vita che arrivano sulla faccia fastidiosi. Io sono partita con una valigia pesante, colma di timori e insicurezze. Ho spolverato tra i miei dolori e ho preso di petto quello che mi faceva più male. Mi sono guardata dentro e ho sentito di provare qualcos'altro oltre l'odio ingoiato per anni. Questo è stato il mio vero riscatto o, come mi piace dire, "ciò che ridà la giusta luce al sole". Desidero che questa raccolta di poesie possa arrivare a te, creatura speciale che la vita ha messo alla prova, perché il male, spesso, è solo un trampolino troppo alto da cui tuffarsi e serve tanto coraggio, forse anche un po' di fortuna, per circondarsi di nobili anime che allungano le mani nella paura. Prefazione di Paola Bianchini.

 

Biografia dell'Autrice

Paola Bolla è nata in Piemonte, in provincia di Cuneo nell’aprile del 1985. Si è diplomata al Liceo Linguistico.

É coadiuvante presso l’azienda agricola di famiglia. Ama l’arte, il cinema e il teatro, lo sport e la campagna, leggere e ascoltare musica italiana. Nel tempo libero si diletta nella scrittura.

 

Turismo
in Langa

Castle Angels 

Fuga dalla verità


Pronti per essere gli “angeli” del castello? Riuscirete a sventare l’attacco del nemico pronto a diffondere fake news per screditare l’organizzazione e uscire sani e salvi?

CASTELLO DI VERRONE

Falseum – Museo del Falso e dell’Inganno
Via della valletta 1 - 13871 VERRONE (Biella)

L’avventura prende piede quando il nostro “Charlie” scopre che un avversario misterioso ha creato una “Fake News” per screditare l’operato dei Castle Angels. Se i mezzi di informazione venissero a conoscenza di questo falso sarebbe la fine per l’intera organizzazione!
I partecipanti sapranno impedire la diffusione della notizia e salvare gli stessi Castle Angels prima che sia troppo tardi?

 

“Castle Angels” è un format di visita a squadre, liberamente ispirato alle modalità tipiche delle “escape room”, per conoscere il Museo del Falso e dell’inganno di Verrone (BI), attraverso la ricerca di indizi e la risoluzione di quesiti, con un format che trae liberamente spunto dal noto telefilm “Charlie’s angels” e dai suoi protagonisti, per diventare poi un’originale ed inedita avventura.

 

Per più informazioni clicca su

http://www.turismoinlanga.it/it/castle-angels-fuga-dalla-verita/

Biscotti Gorgonzola e barbabietola

A Fano ho visitato un posticino fantastico, La golosa officina, una bottega artigianale dove si producono quotidianamente biscotti di ogni tipo e forma, dolci e salati,  ma solo con materie prime selezionatissime, dalla farina macinata a pietra alle amarene di Cantiano, passando per lo zafferano del Montefeltro, arrivando alla nocciola Piemonte IGP, la famosa tonda gentile. Un’esperienza gustativa unica che ha avuto una ripercussione nel mio modo di vedere la biscotteria fino ad ora: ecco che, tornata a casa, ho cominciato anch’io a sperimentare, soprattutto sul salato, per creare sempre nuovi biscotti adatti non solo agli aperitivi, ma da presentare a tutto pasto in accompagnamento a carne cruda, zuppe, secondi piatti, sorbetti. Il sapore e la friabilità di questi biscottini ti conquisterà al primo morso, ne sono certa! Questi biscotti gorgonzola e barbabietola credo abbiano subito una influenza da La golosa officina, e la mia ispirazione è andata ben oltre.

Per la ricetta e la preparazione  CLICCA SU:

https://unabloggerincucina.it/biscotti-gorgonzola-barbabietola/