DONNE IN CAMMINO (Sara Marchisio)

Nel giorno dedicato alle donne e in nome della solidarietà si rafforza un sodalizio ormai collaudato nel tempo, quello tra la Caritas Diocesana di Cuneo e la San Vincenzo, protagoniste dell’iniziativa “Donne in cammino”, una passeggiataguidata e non competitiva a favore delle donne. La camminata, tra le manifestazioni di “8 marzo e dintorni”, si terrà nel pomeriggio di Domenica 6 marzo 2016 alle ore 14,30
 
Oltre al piacere di camminare, la passeggiata avrà lo scopo di sostenere i progetti della San Vincenzo e della Caritas Diocesana a favore delle mamme sole, come sostegno nella gestione dei figli (mensa, doposcuola, babysitteraggio ecc.). 
 
Simbolo della camminata sarà un braccialetto giallo che verrà indossato in occasione della camminata, e anche successivamente, potrà testimoniare la partecipazione e la solidarietà verso le donne che ogni giorno lottano per amore di se stesse e dei propri figli: con questa iniziativa vogliamo essere a fianco di quelle gravidanze precarie, dei doppi lavori e dei quattrocento euro al mese vissute senza padri, senza nonni e senza baby sitter laddove non esiste scelta tra famiglia e lavoro. 
 
Chi desidera contribuire (donne, ma anche uomini che invece della mimosa preferiscono regalare pensieri, speranze, tentativi di parità...) acquistando il braccialetto può rivolgersi alla nuova libreria Stella Maris in via Felice Cavallotti zona pedonale oppure contattarmi direttamente via mail o al cell. 333 6739863.
 
Sara Marchisio
 

 

A quelle donne che, forti della loro debolezza, ci hanno insegnato a stare al mondo. Donne che non si vergognano di piangere per dire un dolore fitto nella carne e nell’anima.

A quelle donne che ci hanno spiegato che amare non è solo l’infinito di un verbo... infinito, ma anche aggettivo femminile plurale che si addice alle lacrime e a certe giornate.

Donne capaci di danzare tra le macerie del tempo e delle storie e di cogliere la grazia nelle cose quando tu vedi miseria.

Donne che se sono nate dalla costola di un uomo lo hanno fatto una volta sola. Poi hanno iniziato a partorire loro: futuro, speranza, bellezza e bambine e bambini.

Né angeli, né nuvole le donne d’Africa per le quali chiediamo a voce alta il Nobel della pace perché pagano il prezzo più alto e tengono più alta la lampada.

Donne dell’8 marzo ma anche del 9, del 10 e dell’11.

Donne veline poche. Donne vela tante.

Capaci di raccogliere il vento per spingere in avanti la barca.

Donne che modellano la creta della precarietà a scultura.

Opere d’arte che profumano il mondo.

Tonio Dell'Olio

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

38008

TOTALE VISITE

55821

Dati aggiornati

al 24-08-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Vittorino Andreoli

LA GIOIA DI VIVERE

A piccoli passi verso la saggezza

 

Rizzoli Editore

283 pagg. € 12,00

 

https://www.rizzolilibri.it/libri/la-gioia-di-vivere-3/

 

Di fronte allo scorrere del tempo e alle difficoltà la maggior parte di noi si lascia schiacciare dalla “fatica di vivere”: siamo sempre in azione e mai soddisfatti, continuamente spinti – e insieme sopraffatti – dalle ambizioni, dalle circostanze, dalle paure. C’è però chi, al contrario, sa reagire anche nei momenti più complicati, confrontandosi con ciò che l’esistenza dona e trovando l’equilibrio che porta alla “gioia di vivere”. Proprio questa “gioia di vivere” è al centro del libro di Andreoli, che qui delinea un percorso per aiutarci a sviluppare la capacità, che tutti abbiamo dentro, di passare dalla dimensione dell’“io” a quella del “noi”, di coltivare i nostri legami e guardare in faccia il presente, liberandoci dai desideri irrealizzabili che rimandano sempre la gioia al futuro e dai rimpianti che ci respingono nel passato. Perché la scelta tra vivere male e vivere bene è nelle nostre mani e, se lo vogliamo, è possibile imparare a godere in tutta la sua pienezza di ciò che accade dentro e fuori di noi.

 

Note sull'Autore

Vittorino Andreoli, psichiatra di fama mondiale, è stato direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona - Soave ed è membro della New York Academy of Sciences. Tra le sue ultime opere pubblicate in BUR: Le nostre paure (2011), Elogio dell’errore (2012, con Giancarlo Provasi), Il denaro in testa (2012). Con Rizzoli ha pubblicato decine di saggi. Tra gli ultimi compare L'educazione (im)possibile (2014).