LE COMUNITA' AUTOFINANZIATE (Acaf Italia)

COSA SONO LE COMUNITA' AUTOFINANZIATE? 

 

IL CASO DELL'ASSOCIAZIONE ACAF Italia

 

 

 

ACAF Italia, Associazione delle Comunità AutoFinanziate Italia, è un’organizzazione torinese no profit che ha come finalità la lotta contro la povertà, la vulnerabilità sociale e l’esclusione sociale e finanziaria. ACAF Italia persegue i suoi obiettivi attraverso la promozione della cultura del risparmio, l’innovazione finanziaria e lo sviluppo di organizzazioni di base comunitaria riconducibili ai gruppi di auto-mutuo aiuto.

L’organizzazione nasce nel 2012 come iniziativa di un gruppo di giovani desiderosi di partecipare alla creazione di una nuova economia gestita dalle proprie comunità che avesse, inoltre, le potenzialità di raggiungere le fasce più deboli della società italiana attraverso un innovativo modello di microfinanza: le Comunità AutoFinanziate (CaF).

ACAF Italia, operando nel campo dell’alfabetizzazione ed educazione finanziaria, fornisce la metodologia e la formazione necessaria per sostenere un maggior empowerment delle comunità locali.

ACAF Italia lavora con tutti tipi di persone, comunità e gruppi sociali che abbiano fatto la scelta volontaria di intraprendere il cammino verso una economia legata maggiormente ai rapporti e le relazioni umane. Può inoltre collaborare con associazioni, fondazioni, enti pubblici, scuole, università o privati che condividano il suo approccio di empowerment personale e comunitario nonché i suoi principi e valori.

 

Per info vai su: http://www.acafitalia.it/

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.