10^ GIORNATA DELLA LENTEZZA (L'Arte del vivere con lentezza onlus)

 

 

 

 

 

 

 

 

Carissime amiche e carissimi amici,
da quel freddo 19 febbraio del 2007 della Prima Giornata della Lentezza sono successe tante cose e il mondo è cambiato.

Quel lontano evento ebbe un successo mediatico incalcolabile e inatteso. 
La Lentezza, che faceva sorridere, ora può essere considerata un bene comune. 

Sempre più persone si sono trasformate in veri e propri ricercatori di una vita più soddisfacente. 
Oggi c'è però molta noia in giro e la gente che chiede freneticamente novità in eccesso, ha smarrito il tempo del godimento.  
Giunti alla decima edizione, a partire dal 9 maggio 2016 vi invitiamo ancora una volta a fermarvi, per tessere con noi una rete sempre più ampia e articolata di persone, associazioni, scuole, università, aziende, città che hanno avviato senza clamore e con forte senso di condivisione un cambiamento duraturo.
E voi cosa farete o non farete? 
Scriveteci, condividete la vostra voglia di rallentare e di godere del presente: info@vivereconlentezza.it

Pubblicheremo le vostre adesioni su www.vivereconlentezza.it per ispirare altri lettori.


Organizzazione di Volontariato L’Arte del Vivere con Lentezza –  www.vivereconlentezza.it
Via Diola 94, Vicobarone -Ziano Piacentino-  (PC) – Italy  C.F. 96050190188

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Alda Merini

 

IL SUONO DELL'OMBRA

Mondadori

 

Poetessa amatissima, personaggio trasgressivo e commovente che ha saputo parlare direttamente al cuore del popolo, Alda Merini ha rappresentato un caso del tutto particolare nella storia letteraria del Novecento italiano. In questa ricca antologia, che ne raccoglie tutti gli scritti importanti in poesia e in prosa, sono riproposte per intero le raccolte poetiche degli inizi: "La presenza di Orfeo" (1953), "Nozze romane" (1955), "Paura di Dio" (1955), "Tu sei Pietro" (1962), nelle quali si intrecciano temi mistici e slanci erotici, interrogativi estremi senza risposta. Il volume comprende poi notissimi e più recenti titoli come "Vuoto d'amore" (1991), "Ballate non pagate" (1995), "Superba è la notte" (2000) e "Il carnevale della croce" (2009). In questi versi l'autrice conferma la potenza della sua lirica, estranea a qualunque "linea" o "corrente", nella quale si mescolano passione e tenerezza, ironia e sarcasmo, gioco e disperazione, nel segno di un'urgenza assoluta di fare poesia. Le prose autobiografiche "L'altra verità" (1986) e "Lettere al dottor G." (2008), infine, testimoniano la straziante discesa negli inferi del manicomio.