LA MIA ESPERIENZA NEL GIARDINO FORESTA DEL QUARTIERE DONATELLO (Maria Rita Porcu)

IL GIARDINO FORESTA NEL QUARTIERE DONATELLO
Attività a cui partecipa anche il Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare

 

 

Sono Maria Rita,
dal mese di Settembre 2015 ho deciso di accettare come utente il percorso di cura ambulatoriale dei pasti assistiti presso il Centro dei Disturbi del Comportamento Alimentare di Cuneo A.S.L.CN1.A questo percorso il Centro sopracitato affianca dopo il pasto diverse attività tra cui,pet therapy,corso di scrittura autobiografica,corso di teatro, espressioni delle proprie emozioni attraverso il disegno, un incontro mensile con la Dottoressa Massimo psicologa con tutto il nostro gruppo per fare il punto della situazione.
Tutte esperienze molto apprezzate da coloro che vi aderiscono. Dal mese di Novembre 2015 sempre affiancate dal Centro dei Disturbi del Comportamento Alimentare abbiamo intrapreso un nuovo modo di curarci attraverso un contatto concreto con la terra,con la realizzazione di un sogno:
Quello del “Giardino Foresta Edibile In Città” unico esempio in Italia in un ambiente urbano(Cuneo), perche esistono altre realtà di giardino foresta ma fuori della città.
Noi utenti stiamo attivamente collaborando ,sempre seguiti dal Centro Disturbi del Comportamento Alimentare con molto affetto, anche con molti gruppi di volontariato che sono molto attivi:il gruppo spontaneo Z di Zappa(di cui anch’io faccio parte con mio marito) di Cuneo di cui fa parte l’agronomo Andrea Sessa che ci dà i ragguagli in merito a cosa fare. Questo gruppo si sta attivando tantissimo insieme ad un rappresentante importante dell’Istituto Italiano di Permacultura Pietro Zucchetti (potete trovare tutto su internet), con il Comitato del Quartiere Donatello di Cuneo che ha ottenuto il permesso dal Comune di Cuneo di usufruire di quest’area verde e dell’Associazione MenteInPace di Cuneo che ci ha sempre sostenuto e continua a farlo. Tutto ciò in assoluto volontariato.
Nel “Giardino Foresta” stiamo seguendo il metodo della Permacultura completamente naturale (reperibile su internet), abbiamo piantato più di cento alberi da frutto anche di varietà rare o dimenticate oltre a varie piante aromatiche. Abbiamo inoltre preparato un semenzaio con oltre 50 varietà di piante aromatiche e leguminose (ricordo che questo è l’anno dedicato alle leguminose) in due occasioni : una nel “Giardino Foresta” e l’altro in occasione della giornata nazionale del “FiocchettoLilla” dedicata alla sensibilizzazione per i disturbi del comportamento Alimentare presso l’ambulatorio dedicato..
Concretamente quest’esperienza che stiamo facendo ci è molto utile a livello psicofisico, lavorando di testa e di braccia, facendoci conoscere e collaborare con altre realtà, con persone mai viste, al di fuori di una pura realtà ambulatoriale, quindi di una concreta comunicazione con altri.
Vi invito tutti a visitare il “Giardino Foresta”che sta nascendo a Cuneo nel quartiere Donatello in Via Rostagni e a cogliere, quando sarà il momento, i frutti di queste piante; vi ricordo che ci saranno anche tanti fiori.
Se qualcuno di Voi ha recepito questo messaggio di comunicazione attraverso la terra lo metta in pratica e vedrà che né trarrà tanta felicità. Grazie

 

Cuneo 13 Aprile 2016 
Maria Rita Porcu 
(pubblicato con il consenso scritto dell'Autrice)

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Beatrice (venerdì, 15 aprile 2016 15:34)

    Ciao Maria Rita,
    ho letto con interesse il tuo articolo e ho percepito tanto entusiasmo e voglia di vivere. Bravissima!!! Continua così!
    Anche a me piacciono tanto i fiori e le piante in generale. Prendermi cura di una piantina, anche la più insignificante, è per me fonte di soddisfazioni e mi procura serenità. "Pasticciare" nella terra mi rilassa molto e mi fa star bene.
    Perciò applaudo a questa iniziativa del Centro e auguro a tutte voi di ricavarne tanta forza e felicità.

  • #2

    maria rita (mercoledì, 20 aprile 2016 23:06)

    grazie beatrice delle tue parole scritte con il cuore un forte abbraccio e baci da maria rita ti sono molto vicina

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

34817

TOTALE VISITE

51656

Dati aggiornati

al 25-06-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

Referenti del Movimento “Le Parole Ritrovate”

a cui ci si può rivolgere per informazioni e collaborazioni

nelle regioni d’Italia dove il movimento è presente

 

vai anche alla pagina CONTATTI

Movimento LE PAROLE RITROVATE
Elenco Referenti regione per regione
elenco referenti regionali.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

RENZO DE STEFANI E JACOPO TOMASI

 

LE PAROLE RITROVATE

LA RIVOLUZIONE DOLCE DEL FAREASSIEME

NELLA SALUTE MENTALE

 

Prefazione di Fabio Folgheraiter

 

 


Le Parole ritrovate sono un movimento che negli ultimi vent’anni ha cercato di rivoluzionare la salute mentale in Italia. Lo ha fatto    in maniera “dolce”: attraverso la passione e l’impegno quotidiano   di migliaia di persone. Questa rivoluzione si ispira a un principio: dare voce alle persone. Fare in modo che anche utenti e familiari abbiano un ruolo attivo e siano coinvolti nelle decisioni che con- tano attraverso quell’approccio che è diventato noto in tutta Italia come fareassieme. Sembra un principio semplice, ma purtroppo non è scontato. Nell’Italia della salute mentale, che viaggia a molte velocità diverse, ci sono ancora realtà dove le persone che soffrono di disturbi psichici – e le loro famiglie – sono spesso abbandonate    e inascoltate. Lasciate ai margini.

Le Parole ritrovate, in questi vent’anni, hanno messo in atto mol- tissime iniziative per far ritrovare le parole a queste persone. E ascoltare davvero i loro bisogni. Per una salute mentale più umana   e più giusta.

 

Questo libro racconta proprio la storia di Le Parole ritrovategrazie ai contributi – preziosi e variegati – di chi questa rivoluzione l’ha messa in atto con azioni e iniziative concrete: dalle attività nei Dipartimenti, ai convegni, passando per originali traversate dell’o- ceano in barca a vela o viaggi in treno fino a Pechino. Il comune denominatore è che ogni iniziativa ha visto protagonisti medici e utenti, operatori e familiari. Tutti, in questo libro, raccontano un cambiamento possibile. Tante esperienze – in Italia, ma non solo – che prese singolarmente possono sembrare piccole, ma unite l’una all’altra dipingono un quadro di fiducia e speranza.

Pronto intervento emozioni

Strategie di mindfulness per affrontare con serenità le difficoltà della vita

Il volume affronta le principali e più diffuse emozioni dolorose, descrivendone sintomi, rimedi e terapie.

La paura, l’abbandono, l’insuccesso o il dolore sono un’esperienza comune nella vita di chiunque. Eppure, spesso facciamo poco o niente per riparare i danni che queste emozioni procurano. Perché? Semplicemente, perché non abbiamo gli strumenti adatti per gestirle: ci sembra eccessivo ricorrere a uno psicanalista, e insufficiente parlarne a un amico.

Così accade che trascuriamo le nostre ferite psicologiche perché pensiamo che non esistano rimedi semplici, rapidi ed efficaci per guarirle.

Primo soccorso emotivo
Ognuno di noi può imparare facilmente tecniche e interventi di primo soccorso emotivo, accelerando la «guarigione» dalle proprie ferite e prevenendo l’arrivo di quelle future. Il volume propone tecniche ispirate alla mindfulness, l’approccio che consente di sviluppare la flessibilità mentale e aumentare l’autoconsapevolezza, per permettere a ognuno di noi di costruirsi il personale  kit essenziale di primo soccorso emotivo, da tenere sempre a portata di mano.