AUDIZIONE IN IV COMMISSIONE: L'INTERVENTO DI CARLA SOLDI (Carla Soldi)

Comitato per la Salute Mentale - Piemonte

Audizione della IV Commissione del Consiglio Regionale – 21 aprile 2016

 

Signori Consiglieri, grazie per il tempo che ci dedicate.

 

Mi chiamo Carla Soldi, sono stata incaricata a rappresentare i malati di mente e i loro famigliari. Li

rappresento come madre di un malato. Ho un figlio che si ammalò nel 1980, aveva 20 anni, studiava

medicina, era uno sportivo, un bravo nuotatore. In quegli anni di piena bufera antipsichiatrica non si riuscì a

farlo curare, dovemmo arrangiarci da soli: rimase in casa con noi per altri 30 anni.

Fondai la DI.A.PSI Piemonte e conobbi centinaia e centinaia di famiglie della Regione, ascoltai le loro

sofferenze ed i loro problemi. Problemi enormi di gestione del malato, problemi di lavoro, di sopravvivenza,

di isolamento, problemi di tenuta della famiglia. Troppo spesso senza supporto le famiglie si disgregano ed

il disagio mentale si allarga come un contagio creando grossi problemi sociali.

Mio marito ed io, pur avendo sempre lavorato nella sanità, ci trovammo impreparati e spiazzati davanti alla

malattia, questa sconosciuta. La malattia mentale è infatti la grande sconosciuta, incompresa, generalmente

confusa con l’insufficienza mentale o con handicap mentali di varia natura. Si tratta invece di malattia, che

si presenta con forme e gravità molto diverse, dalle più tenui alle più devastanti e invalidanti. E’ più diffusa

di quanto si creda, colpisce subdolamente ogni ceto sociale ed ogni età, dalla persona più umile al dirigente

plurilaureato, dal bambino all’adolescente all’adulto.

Le cause possono essere di origine genetica, lesioni organiche, grossi traumi che la fragilità non ha

permesso di superare. Ne rimane coinvolta la mente, il pensiero, le sue connessioni e trasmissioni. E’

alterata l’ideazione e tutto si disorganizza: il percepire la realtà, il comportamento, il tempo, la relazione, la

personalità, le facoltà più elevate dell’uomo. Resta l’intelligenza, e la percezione della propria confusione,

non compresa, spaventa e crea crisi di panico e terrore. Provoca enormi sofferenze ed il malato cerca di

evadere e di proteggersi negando la malattia stessa ed il bisogno di cure.

Se non curate adeguatamente e con tempestività queste malattie sfociano nella cronicità e via via anche

nella demenza.

La complessità della malattia richiede interventi di cura multipli, ben diversi dal semplice assistenzialismo.

L’assistenza è anche un utile aiuto nelle marginalità quotidiane. Ma per riattivare processi mentali interrotti,

avviare una riorganizzazione del pensiero, una nuova quotidianità di vita occorrono trattamenti specifici,

differenti a seconda dei casi e delle persone, del vissuto, delle possibilità e dei limiti, della cultura.

Trattamenti non solo farmacologici (oggi del tutto prevalenti), ma psicologici, riabilitativi, di

risocializzazione. Trattamenti fra loro integrati, secondo un progetto individuale, predisposto dal CSM, che

richiede personale specializzato, responsabile, con buona formazione professionale ed esperienza. E richiede

anche una seria valutazione degli esiti .

Son necessari luoghi adatti e tempi lunghi, senza traumatici e intempestivi spostamenti nell’illusione di

risultati veloci, irraggiungibili in pochi anni: le ricadute sono distruttive e vanificano lavoro e costi di anni.

La psichiatria oggi richiede una revisione generale sotto aspetti multipli, organizzativi, di interventi, di

residenze. La Regione sta avviando tale revisione e spero che il Documento prodotto dal nostro Comitato sia

di contributo per impostare direttive efficaci. Una programmazione efficace richiede la conoscenza, la

valutazione e la quantificazione dei reali bisogni che la malattia comporta. In seguito ne deriverà

l’individuazione degli interventi, le scelte, le priorità, i costi. Solo con un Osservatorio Permanente

Regionale costituito da professionisti (psichiatri, psicologi, educatori..), da utenti e da famigliari si può fare

chiarezza su tutto questo e partire da punti fermi per una programmazione ben strutturata.

La Regione ed il mondo professionale devono comprendersi per convergere nella ricerca delle soluzioni

più adeguate, economicamente compatibili, evitando possibili errori, abusi e costi inutili.

La Regione vanta nella Sanità eccellenze invidiabili, ma la psichiatria resta dimenticata e sottovalutata. E

non è giusto.

E’ in gioco il recupero umano e sociale delle persone, la loro dignità nella società civile di oggi.

Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:44982

 

TOTALE VISITE: 65307

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 37

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni52

 

Dati aggiornati

al 24-02-2020

PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

Dall'indice: 

 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento! 

 

LA CARBONARA PERFETTA

 

Gli spaghetti alla carbonara sono, insieme alla torta di mele, la prima ricetta che abbia mai realizzato tutta da sola. L’imperativo, secondo mio padre, era di non scaldare assolutamente il composto di uova, pena la coagulazione delle stesse e l’effetto “uova strapazzate” che tanto non ci piace! Ecco alcuni, semplici, accorgimenti per non sbagliare e per ottenere una carbonara a regola d’arte!

 

Per la ricetta ed il video tutorial clicca su:

https://unabloggerincucina.it/la-carbonara-perfetta/