SERVIZI PSICHIATRICI, SAITTA NON HA IMPARATO LA LEZIONE DEL TAR (Comunicato stampa di Davide Bono)

“SERVIZI PSICHIATRICI, SAITTA NON HA IMPARATO LA LEZIONE DEL TAR. PRIMA ASCOLTI LE ASSOCIAZIONI E POI SCRIVA LA NUOVA DELIBERA”

Oggi ho chiesto con un’interrogazione urgente all’Assessore lo stato della riforma psichiatrica. Messo alle strette dal TAR, Saitta ha dovuto chiarire finalmente come intende modificare la delibera 30 del 3 giugno 2015, sospesa dai giudici amministrativi ad ottobre e poi rinviata a gennaio 2016. L’assessorato ha valutato in questi mesi la domanda di servizi e in base a questa calibrerà meglio l’offerta regionale.

Secondo quanto riferito in aula, lunedì 9 maggio inizierà il percorso di modifica della delibera, da completarsi entro il 28 maggio (30 giorni dalla richiesta perentoria del TAR di fornire documentazione) e sarà portato in Commissione sanità. Solo in un momento successivo, forse, saranno contattate le associazioni dei famigliari dei pazienti psichiatrici e dei gestori, promotrici del ricorso.

Saitta si appresta quindi a commettere gli stessi errori del recente passato contattando le associazioni solo a giochi fatti. Proprio come avvenuto qualche mese fa con la prima edizione della delibera bocciata dal TAR. Errare è umano, perseverare?

Davide Bono, Consigliere regionale M5S Piemonte
Vicepresidente Commissione regionale Sanità

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Primo Levi

I SOMMERSI

E I SALVATI

Einaudi Edizioni

 

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre».

Primo Levi

 

 

Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la "zona grigia" della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall'interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi? E ancora: come funziona la memoria di un'esperienza estrema? Le risposte dell'autore di Se questo è un uomo nel suo ultimo e per certi versi piú importante libro sui Lager nazisti. Un saggio imprescindibile per capire il Novecento e ricostruire un'antropologia dell'uomo contemporaneo.