CONTINUA IL GIRO D'ITALIA DEL E PER IL MOVIMENTO "LE PAROLE RITROVATE" (Mila Brollo)

CONTINUA IL GIRO D'ITALIA DI MILA BROLLO DEL E PER IL MOVIMENTO "LE PAROLE RITROVATE". Ultime sue notizie inviateci via mail dal referente nazionale Renzo De Stefani.
Dai Mila!!!!!

 

 

Eccomi.
Purtroppo Parole Ritrovate non è presentissimo al sud. Credo di aver mietuto vittime a Napoli con altri amici che si aggiungeranno a Dora, Giovanna, Claudio etc etc... In molti si sono detti interessati a partecipare. Ora sono a Vibo Valentia, dove con gran faccia tosta, ho telefonato al responsabile DSM per chiedergli se voleva incontrarmi. Domani sarò da lui e vedremo. Una giovane e aitante psichiatra di qui a cui ho telefonato sempre per lo stesso motivo, si è dimostrata molto interessata al nostro mondo e spero che anche lei si aggiungerà al nostro movimento. Purtroppo io pedalo molto e non ho sempre tutta l'energia per contattare i luoghi sul mio passaggio che si interessano di Salute Mentale. Se qualcuno conosce qualcuno a Messina o Reggio Calabria, faccia un fischio, ma fra poco, che ci sto arrivando. Da lì poi mi recherò a Palermo dove mi aspettano in tanti. Il 19 avrò niente pò pò di meno un incontro col sindaco e parte della sua compagine, organizzato da Salvatore Porretta che è il simpatico signore che organizza viaggi in Sicilia che ci ha fatto il prezzaccio per Lampedusa (in cambio io scrivo per il suo giornale). Claudio, nostro amico di Ercolano, mi ha messo in contatto poi con uno psichiatra di Palermo e anche loro stanno organizzando degli incontri con cooperative e associazioni. Mi piacerebbe incontrare il mondo di PR che ovviamente avrebbe la precedenza su tutti, laggiù (tranne gli incontri che già sono programmati). Ho dato i riferimenti di Grazia alle persone che mi hanno contattato, in modo che, se c'è voglia, si possano interfacciare. Chiederò che all'incontro col Sindaco ci possa essere anche PR. Potrebbe avere un riscontro mediatico interessante.
Al mio passaggio mi adeguo a quello che organizzano i locali, non conoscendo le realtà. Io son solo strumento mediatico: usatemi se vi piace!
In ogni luogo dove son passata, il mondo di Parole Ritrovate, si è mosso in modo diverso ed io ho aggiunto, quando ho potuto, come a Bologna, a Grosseto, Napoli, le mie conoscenze. Abbiamo potuto così far incontrare mondi che non si conoscevano o quasi e iniziare nuove e si spera belle collaborazioni. Bicicletta e Salute mentale, non è male ad esempio come connubio, ed anche eco-sostenibilità e salute mentale, ed anche Risata e salute Mentale non sono male, ed anche Amministrazioni comunali, regionali etc e salute mentale, non sono malaccio. Ma anche ragazzi occupanti l'ex OPG di Napoli o lo Sfizzicariello frutto di Cooperativa, o i miei ospiti squisiti, occupanti pur essi, di Banchi Nuovi, non è male si incontrino con PR oltre che i servizi, dai quali però non sempre colgo vitalità. Tutte contaminazioni che potrebbero esser generative. Anche problematiche forse, ma noi in psichiatria, sappiamo davvero cavarcela da soli o non è giunta l'ora di metterci davvero in sinergia tra noi interessati, come recita il disegno di legge 2233 operatori, utenti e famigliari ed anche con tutti coloro a cui sta a cuore la Salute Mentale? Credo sia ora, forse anche un pò passata. Credo che l'isolamento nel quale operiamo, sia stato anche il frutto di qualche errore fatto in passato, in questo senso.
bene: e ora il mio giretto in bici. Che dire...? trovate qualcosa sempre sul mio sito www.biciterapia.it, ma c'è molto, molto di più. Ne scriverò a lungo. E' stata una piccola impresa, ma nella mia vita sarà una grande impresa. La solitudine si paga anche con le lacrime, ma regala delle schiarite bellissime: degli sprazzi di luce chiarissimi improvvisi su sè stessi. Come se nella stanza che noi siamo improvvisamente si accendesse la luce e ci permettessimo di vedere per la prima volta cose neanche immaginate, spesso tenere e belle. Mi sto perdonando. Non sono una brutta persona e le ombre spesso le facevo da me.
E questa è la mia bicipsicoterapia. 
Per PR, beh, spero di aver contribuito con creatività e impegno alla sua diffusione: il fareassieme è rivoluzione e io sono una rivoluzionria, piaccio o non piaccia (lo dico a quanti leggeranno di certo queste mie sciocchezze).
Vorrei presto che ci incontrassimo in coordinamento per il convegno, che quest'anno dovrà per forza (c'è una legge di mezzo) essere importante e rinnovato.
In terra di Sicilia vi riscriverò.

 

Mila Brollo

 

...e se vale la pena rischiare, io mi gioco anche l'ultimo frammento di cuore.

 

Che Guevara

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:42403

 

TOTALE VISITE: 61806

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni36

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni:53

 

Dati aggiornati

al 11-12-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Marie Francois Delatour

 

Alimentazione e salute mentale

 

Pendragon.Edizioni

 

dalla Newsletter n.623 di PSICORADIO

 

In questa puntata parliamo dei corpi delle persone con un disturbo psichico; quel corpo che è quasi un rimosso, quando si parla di salute mentale. Corpi che troppo spesso sono vittima degli effetti collaterali di psicofarmaci e di cattivi stili di vita di cui ci si occupa troppo poco, come fossero conseguenze inevitabili del disturbo psichico.

Un esempio: alcuni psicofarmaci provocano un forte acquisto di peso, anche 10 o 20 chili, che in breve tempo trasforma il corpo.

Marie Francois Delatour , presidente del CUFO (Comitato Utenti, Familiari e Operatori), che riunisce 34 associazione della salute mentale, insieme alla nutrizionista Anna di Muzio , ha scritto un libro dal titolo “ Alimentazione e salute mentale ”, edito da Pendragon.

“ Lo spunto principale del libro è stata proprio la preoccupazione dei familiari e dei pazienti rispetto agli effetti collaterali di molti psicofarmaci. - racconta Delatour - Da qui nel 2015 è partito un percorso con l’Azienda USL di Bologna, per migliorare il benessere fisico delle persone con disagio psichico, attraverso piani alimentari, diete personalizzate, attività fisica e un continuo monitoraggio degli obiettivi raggiunti dai singoli pazienti.

I risultati sono stati subito evidenti: riduzione del peso, migliore qualità del sonno, un’attività intestinale più regolare e in alcuni casi anche una riduzione delle quantità di farmaci assunti ”. Il programma ha coinvolto famiglie, utenti accolti in gruppi appartamento o in altre strutture residenziali; molti all’inizio del progetto non cucinavano mai in casa e spesso non sapevano realizzare neanche le ricette più semplici. Poi “ hanno scoperto il piacere di cucinare insieme e anche della convivialità della tavola. Il cibo è diventato lo strumento per stare con gli altri”.

“ Alimentazione e salute mentale” non insegna solo a mangiare meglio : una parte del libro è dedicata a teorie di cui oggi si sente parlare sempre più spesso, che collegano alcuni disturbi mentali con il sistema immunitario, lo stato di alcuni organi, primo tra tutti l’intestino, ed i livelli di infiammazione presenti nel corpo. Per esempio, viene ricordata la recente traduzione di un libro di Edward Bullmore - neuropsichiatra, neuroscienziato e dal 1999 professore di psichiatria all'università di Cambridge: La mente in fiamme – un nuovo approccio alla depressione , (Bollati-Boringhieri). Il testo inizia con spiegazioni sul funzionamento del sistema immunitario e con risultati di studi secondo i quali l’infiammazione del corpo puo’ rientrare tra le cause della depressione (per chi vuole approfondire ) .
Secondo questo approccio, curare un disturbo psichico non vuol dire solo attenuarne i sintomi, ma prendersi cura del paziente nel suo complesso, corpo e mente - che non sono ambiti così separati.

 

 

clicca sulla scheda del libro: 

http://www.pendragon.it/libro.do?id=2849

 

Turismo
in Langa

 

Regala un’emozione… nelle Langhe

In occasione del Natale 2019, l’Associazione Turismo in Langa vi propone alcune idee regalo nella meravigliosa cornice delle Langhe e del Roero.

clicca su http://www.turismoinlanga.it/it/regala-unemozione-nelle-langhe/

PANETTONE GELATO

 

Ogni anno a Natale il panettone non può mancare sulla tua tavola, ma quest’anno vorresti cambiare un po’? Eccovi accontentati! Questa è una soluzione velocissima per creare un dessert al cucchiaio goloso e gradito da tutti, a partire da un panettone classico. Ti mostro come preparare il panettone gelato, questa volta farcito con gelato alla stracciatella, ma puoi sbizzarrirti secondo i tuoi gusti, con gelato dai gusti cremosi o alla frutta, oppure utilizzare un panettone al cioccolato, o ancora, un panettone classico all’uvetta, senza canditi, e arricchito con gocce di cioccolato. 

 

Per la ricetta clicca su

https://unabloggerincucina.it/panettone-gelato/